14 Febbraio 2014

La Capitale Automobile Service: assistenza protagonista

Si è svolta venerdì scorso a Roma l’edizione 2014 de La Capitale Automobile Service, che ha posto l’accento sull’importanza crescente dell’assistenza nel comparto automotive.  Come sottolineato da Pier Luigi Del Viscovo, direttore del Centro Study Fleet&Mobility e ideatore dell’evento, “ogni anno, in Italia, 1,3 milioni di auto nuove vengono immatricolate. Almeno una volta all’anno, in Italia, oltre 36 milioni di auto circolano e hanno bisogno di assistenza e di ricambi. Come giro d’affari si equivalgono, ma i margini sono decisamente a favore dei secondi”.

POST-VENDITA, BUSINESS IN ASCESA – I dati comunicati nel corso de La Capitale Automobile Service, non a caso, testimoniano che in Europa, metà dei profitti delle concessionarie arriva proprio dal post-vendita, mentre in Italia circa un terzo. Il motivo è presto detto. Oggi, al momento dell’acquisto di una vettura, nel nostro Paese solo un venditore su due propone al cliente l’acquisto di un pacchetto manutenzione, in Europa due su tre.  La strada verso il binomio vendita del ferro+servizi, però, nei prossimi anni è segnata, anche perché sempre più clienti guardano con attenzione al web, terreno fertile per la domanda di servizi post-vendita all’avanguardia. Data la crisi del nuovo, inoltre, sarà sempre più necessario intensificare le sinergie commerciali tra la vendita dell’usato e l’aftersales.

LE POTENZIALITA’ DELLA TELEMATICA Il 5 febbraio scorso è stato stralciato dal decreto Destinazione Italia l’articolo 8, quello sulla Rc Auto, che include una serie di misure tra cui il montaggio a bordo del veicolo della scatola nera. Il giorno dopo, il 6 febbraio, il Consiglio dei Ministri ha varato un Ddl ad hoc sui costi della Rc Auto che a detta del Governo porterà, sommate tutte le riduzioni, ad una contrazione del premio pari al 23%. Dunque, la tavola rotonda de La Capitale Automobile Service è stata l’occasione anche per fare il punto con i rappresentanti della filiera sul delicato nodo assicurativo e sulle prospettive della telematica che, a detta degli esperti intervenuti, nonostante la confusione normativa ancora esistente, è destinata a diffondersi sempre più, anche e soprattutto all’interno dei parchi auto aziendali.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia