I 5 consigli per non addormentarsi alla guida

Sonnolenza alla guida: una problematica da non sottovalutare, specie quando si viaggia molto per lavoro, oppure nelle ore notturne. I colpi di sonno, infatti, sono sempre in agguato e possono essere fatali.

Sonnolenza alla guida dell'auto

Secondo i più recenti dati ACI Istat, la prima causa degli incidenti è la distrazione, spesso frutto proprio della stanchezza e della sonnolenza alla guida. Occorre poi considerare che questa tipologia di sinistri porta quasi sempre conseguenze gravi al veicolo e a chi è a bordo, considerato lo stato di incoscienza dei driver.

Certo, gli Adas (leggi il nostro approfondimento) possono dare una mano per evitare tragedie, ma è bene seguire alcune buone regole per combattere la sonnolenza. Ecco quindi 5 consigli per non addormentarsi alla guida.

Approfondisci: occhio alla sindrome delle apnee notturne… 

I 5 CONSIGLI CONTRO LA SONNOLENZA ALLA GUIDA

1) MANTENERE L’ABITACOLO FRESCO, MA SENZA ESAGERARE

La prima regola contro la sonnolenza alla guida è quella di evitare che all’interno dell’auto ci sia troppo caldo. Scontato? Forse sì, ma questa buona pratica merita di essere approfondita. Di certo, il fresco portato dal finestrino aperto o dall’aria condizionata della vettura combatte il torpore, ma non bisogna esagerare, perché il nostro cervello e i nostri sensi, per funzionare bene, hanno bisogno allo stesso tempo di calore.

abitacolo auto sonnolenza alla guida

Un consiglio, in particolare, è quello di evitare di tenere l’aria condizionata al massimo, perché quest’ultima è causa della secchezza oculare, che a sua volta favorisce l’intorpidimento. Quindi, meglio tenere l’aria condizionata bassa (creando un ambiente intorno ai 20/22 gradi), o in alternativa abbassare due dita di finestrino.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia