ABB, il valore della “Mobilità elettrica Aumentata”

Non solo la classica colonnina di ricarica per le auto elettriche private. ABB, con la sua filosofia della Mobilità Aumentata, è in grado di realizzare l’intera infrastruttura per le flotte aziendali, i veicoli commerciali, i mezzi pesanti e gli autobus offrendo soluzioni basate su cloud per monitorare, ottimizzare e gestire le sessioni di ricarica e la continuità di servizio. L’azienda si propone in definitiva come un unico interlocutore per tante soluzioni.

Diversi sono i fattori che possono determinare lo sviluppo in tempi rapidi dell’e-mobility. Uno di questi è senza dubbio la disponibilità di un’adeguata infrastruttura per la ricarica delle auto elettriche.

ABB soluzioni flotte aziendali

ABB interpreta questa esigenza in modo originale, proponendosi come un unico interlocutore per tante soluzioni. L’offerta, quindi, non comprende solo la fornitura di colonnine di ricarica per le auto elettriche private, ma anche e soprattutto la realizzazione dell’intera infrastruttura per le flotte aziendali, i veicoli commerciali, i mezzi pesanti e i mezzi pubblici, come gli autobus e i pullman.

Un’offerta che ABB ha chiamato “Mobilità Aumentata”approfondisci qui tutte le soluzioni offerte -, proprio per sottolineare la volontà di andare oltre l’installazione della tradizionale e semplice colonnina. 

L’EVOLUZIONE DELLA TECNOLOGIA

In questi anni ABB, con la sua business area Electrification, ha accompagnato a livello mondiale l’evoluzione della tecnologia di ricarica delle auto elettriche. Già nel 2013 l’azienda ha lanciato la prima stazione di ricarica rapida in corrente continua da 50 kW, installata poi in numerose nazioni, e oggi ABB, in totale, ha già installato nel mondo oltre 17.000 stazioni di ricarica rapida in DC con potenza fino a 350 kW, vere e proprie alternative elettriche alle pompe di benzina.

Ma, differentemente dalla normale stazione di carburante, per la stazione di ricarica rapida può essere necessaria una supervisione da remoto per poter ad esempio monitorare e intervenire su anomalie dell’erogazione di energia elettrica. Ed ecco che quindi ABB abbina alle stazioni di ricarica un servizio cloud-based per il monitoraggio a distanza dell’impianto e la sua assistenza attraverso un portale dedicato.

colonnine di ricarica rapida ABB

L’innovazione è continuata nel tempo e nel 2018 ABB ha lanciato sul mercato una stazione di ricarica da 350 kW con raffreddamento a liquido del cavo del connettore elettrico, potenza che consente di ricaricare anche i veicoli con batterie di elevata potenza in pochi minuti, praticamente quasi lo stesso tempo di un rifornimento standard di combustibile.

Leggi anche: auto elettriche e ibride plug-in a noleggio, i numeri di Aniasa

LE SOLUZIONI DI ABB

Le soluzioni di ABB spaziano dalle versioni wallbox Terra AC Wallbox in corrente alternata e Terra DC Wallbox in corrente continua fino ad arrivare alla Serie Terra a colonna per la ricarica sia in corrente alternata sia rapida in corrente continua.

L’offerta per le flotte aziendali

Queste soluzioni possono essere applicate anche e soprattutto alle flotte aziendali, che necessitano di stazioni per la ricarica in sede e, al tempo stesso, di poter fruire delle colonnine pubbliche. In partnership con ABB, l’azienda può realizzare l’intera infrastruttura di ricarica per il suo parco auto, con la disponibilità di un portale dedicato per la gestione della stazione e la rendicontazione delle ricariche effettuate dal singolo utente.

Oggi una flotta di auto elettriche o, in generale, di EV, consente di avere enormi vantaggi: in primis, ridurre le emissioni del parco, avere libero accesso alle ZTL e accedere alle altre agevolazioni nella circolazione, risparmiare costi di carburante e manutenzione. Senza dimenticare il principio della sostenibilità, che permette di adottare politiche di Responsabilità Sociale d’Impresa (CSR). 

colonnine ricarica ABB

UNA FABBRICA PER PRODURRE STAZIONI DI RICARICA

Fornire energia alle flotte di veicoli elettrici è senza dubbio una delle principali mission per ABB, ma l’impegno a 360 gradi dell’azienda si estende, più in generale, all’industria dell’e-mobility, destinata a crescere molto nei prossimi anni.

Un esempio concreto è la costruzione della nuova fabbrica per stazioni di ricarica a San Giovanni Valdarno (Arezzo). L’investimento da 25,8 milioni di euro garantirà l’occupazione a 180 addetti, che saranno impegnati nello sviluppo e nella produzione di una gamma completa di sistemi per la ricarica veloce, sia sistemi di ricarica da installare nelle aree private e pubbliche, sia infrastrutture di ricarica per il trasporto pubblico. Il nuovo impianto comprenderà anche un laboratorio ricerca e sviluppo di 3.200 metri quadrati, destinato alla progettazione e ai prototipi. 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia