Sgravi fiscali per gli Adas a bordo dei veicoli commerciali

Promuovere l’utilizzo degli Adas pure nelle flotte aziendali dei veicoli commerciali, anche in aftermarket. È la proposta fatta dall’Aci, insieme a Mobileye. L'idea è quella di concedere sgravi fiscali a chi incrementa la sicurezza di questi veicoli.

Sgravi fiscali per chi alza il livello di sicurezza dei veicoli commerciali, installando sistemi Adas anche in aftermarket: è la proposta di Aci e Mobileye.

LCV best seller Fiat Ducato adas

Sulle strade italiane circolano 480.000 autocarri, 173.000 tir e oltre 99.000 bus e pullman, molti dei quali con tanti anni di vita e parecchi chilometri percorsi. Inoltre, solo quelli immatricolati dal 2015 sono dotati di sistemi di sicurezza attiva, in grado di evitare incidenti o ridurne drasticamente le conseguenze.

Per tutti gli altri è improrogabile un potenziamento urgente degli standard di sicurezza. Come sottolinea l’Automobile Club d’Italia, occorre avviare un processo di rinnovamento del parco circolante che elimini dalle strade i mezzi più vetusti e pericolosi.

Approfondisci: quali sono le province italiane dove si fanno più incidenti?

NUOVI ADAS AFTERMARKET PER I VEICOLI COMMERCIALI

Oggi anche i veicoli commerciali, industriali e i mezzi pesanti possono avvalersi della sicurezza garantita dal dispositivo Mobileye, distribuito attraverso la rete territoriale di ACI, portando le più avanzate tecnologie di sicurezza attiva anche sui veicoli più datati.

L'Ue vuole introdurre gli Adas su tutte le auto nuove

Vari gli Adas disponibili: avviso di collisione frontale con altri mezzi, con pedoni e ciclisti; monitoraggio della distanza di sicurezza e delle linee di carreggiata; avviso di superamento dei limiti di velocità e lettura dei cartelli stradali; telecamera integrata con registrazione continua delle immagini, utile anche ai fini assicurativi.

Leggi anche: quali Adas diventeranno obbligatori entro il 2021?

INCIDENTI 

Il 94% degli incidenti su strada è provocato da un errore umano e l’80% dei sinistri è dovuto alla distrazione del driver tre secondi prima dell’impatto. Secondo le statistiche, 9 incidenti su 10 possono essere evitati grazie a un dispositivo che richiami entro due secondi l’attenzione del conducente.

Uno studio, condotto in Israele su un campione di 40.000 veicoli con massa superiore a 3,5 tonnellate, ha evidenziato il dimezzamento dell’incidentalità dei mezzi dotati di sistema di avviso di collisione frontale e monitoraggio della carreggiata.

Grazie alla facilità di installazione e utilizzo, inoltre, Mobileye sta riscontrando successo anche tra le auto storiche, aumentandone gli standard di sicurezza e preservandone il valore.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia