ALD e Enel: ecco E-go, il marchio della mobilità elettrica

Oggi, accanto all’ottimizzazione dei costi, la riduzione delle emissioni è un obiettivo primario per un numero crescente di aziende. Ecco perché ALD, con E-go, ha fatto una decisa scelta di campo in favore della mobilità sostenibile.

Il brand identifica una serie di prodotti (noleggio a lungo termine, ricaricar e car sharing) offerti ad aziende e privati in virtù di un importante accordo siglato con Enel poco più di un anno fa.

“Abbiamo verificato come negli ultimi tre anni sia aumentata la consapevolezza dei clienti, in particolare delle aziende, su tutto quello che riguarda la mobilità sostenibile. Le normative costringono le Case auto ad avere una gamma sempre più virtuosa, le offerte si stanno ampliando e noi abbiamo voluto stringere un accordo strategico con un partner come Enel, per coniugare i reciproci punti di forza”.

Giovanni Giulitti, general manager di ALD Automotive Italia

GREEN ORIENTED

Le normative, d’altra parte, spingono anche le aziende stesse a scegliere una mobilità virtuosa per abbattere le emissioni, inserendo all’interno della propria flotta veicoli ad alimentazione ibrida o full electric. Un trend che la crescita delle infrastrutture sul territorio italiano, prevista per i prossimi anni, non potrà che accelerare.

Leggi Anche: auto elettriche e privati, il 2018 di ALD Automotive

In questo contesto, ALD si ritaglia un ruolo da protagonista detenendo uno dei più alti market share tra le società di noleggio: l’8% dei nuovi ordini e il 5% della flotta circolante sono infatti costituiti da veicoli elettrici e ibridi. I risultati raggiunti, sia in termini di interesse che di numeri, portano ALD a spingere sull’acceleratore per proseguire un lavoro che, quando è cominciato, sembrava quasi utopistico per il mercato italiano.

ALD E-GO: TRE PACCHETTI

L’offerta veicolata attraverso il marchio di ALD E-go è molto ampia e permette di combinare la guida dei veicoli elettrici con l’utilizzo delle infrastrutture di ricarica. L’obiettivo di fondo è quello di contribuire alla costruzione e diffusione sul territorio di un nuovo modello di mobilità, che favorisca un reale cambiamento ecosostenibile.

ALD E-go

Il progetto è composto da tre pacchetti (E-go Noleggio a Lungo Termine, E-go Ricaricar e E-go Car Sharing) pensati per rispondere alle esigenze di un pubblico vasto, dalle grandi realtà alle Pmi, dai professionisti alle Partite Iva fino ai privati.

Approfondisci: ALD Automotive e Enel: tre soluzioni per alimentare le flotte elettriche

E-GO NOLEGGIO A LUNGO TERMINE

Il cliente ha tutti i servizi collegati all’utilizzo di una vettura elettrica. Si può scegliere fra tre proposte:

  • solo veicolo;
  • veicolo + Enel Box Station personale, installata nel parcheggio privato del cliente;
  • veicolo + Enel Pole Station, la colonnina che ricarica fino a due veicoli contemporaneamente da installare dove preferisce il cliente.

E-GO RICARICAR

Il cliente può utilizzare l’auto elettrica senza anticipo e senza maxi rata finale, con un pacchetto chilometrico su misura per i suoi spostamenti. Anche in questo caso, sono tre le soluzioni tra cui scegliere:

  • E-go Ricaricar;
  • E-go Ricaricar + Enel Box Station;
  • E-go Ricaricar + Enel Pole Station.

Leggi Anche: con Hurry, il Nlt e Ricaricar sbarcano su Amazon

E-GO CAR SHARING

Il cliente ha a disposizione una flotta di auto elettriche per gli spostamenti di lavoro e può anche offrire ai dipendenti un servizio di car sharing per il tempo libero. Due le diverse opzioni:

  • E-go Car Sharing;
  • E-go Car Sharing + Enel Box Station.

LA RISPOSTA DELLE AZIENDE

Qual è stato, finora, il feedback da parte dei clienti? “Lombardia e Lazio – risponde Giulitti – spiccano come regioni estremamente ricettive. Il cliente di E-go tende in genere a una formula di 3 anni e le vetture che fino ad oggi sono state le più gettonate sono state Nissan Leaf, Citroen C-zero, Renault Zoe e Smart fortwo.

Le grandi aziende – conclude il general manager di ALD – colgono appieno l’opportunità di E-go Ricaricar. La formula Noleggio a Lungo Termine permette loro di avere un parco auto elettrico che risponde sempre di più alle loro esigenze di mobilità sostenibile, ma direi che anche lo schema Car Sharing per le flotte può essere una soluzione vincente”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia