A ForumAutoMotive lo studio di AlixPartners: “L’ibrido pronto al boom, sostituirà il diesel”

Le auto ibride, in prospettiva, sono destinate a sostituire gradualmente le diesel. È una posizione netta quella che emerge dallo studio europeo della società di consulenza aziendale AlixPartners, presentato ieri a Milano, nell’ambito ForumAutoMotive, evento sulla mobilità ideato e animato dal giornalista Pierluigi Bonora.

Studio AlixPartners auto ibride ForumAutoMotive 2017

“Emissioni: sempre più vicina l’era dell’ibrido e dell’elettrico”: questo il titolo dello studio di AlixPartners, che di fatto “rilancia” le enormi potenzialità delle auto ibride, delle auto elettriche e delle altre motorizzazioni alternative.

Tema che abbiamo già affrontato nelle settimane scorse analizzando le sempre più stringenti normative europee sui target in materia di CO2.

AUTO IBRIDE PRONTE AL SORPASSO

Secondo AlixPartners, a partire dal 2020 i motori diesel perderanno quote di mercato in tutta Europa, a vantaggio delle auto ibride. Entro il 2030, quando i veicoli diesel rappresenteranno solo una quota marginale del 9%, il mercato automotive si sposterà verso l’ibrido (che si attesterà al 28%), ma anche verso l’elettrico, che raggiungerà il 20% sul totale delle immatricolazioni, anche e soprattutto in virtù della riduzione dei costi delle batterie.

La crescita delle auto ibride sul diesel

Uno scenario che oggi appare ancora piuttosto lontano, considerando la preponderanza odierna del diesel nelle flotte aziendali e il ritardo (specie in Italia) nello sviluppo delle infrastrutture di ricarica. Su questo ultimo punto, non a caso, AlixPartners sottolinea la necessità, nei prossimi 15 anni, di investimenti per 3.700 miliardi di euro a livello globale.

APPROFONDISCI

LA VISIONE DI ANIASA

ForumAutomotive, per approfondire lo studio di AliXPartners (presentato da Giacomo Mori), ha ospitato un dibattito sul futuro delle emissioni, che ha visto coinvolte le principali associazioni della filiera dell’automotive. Tra queste anche Aniasa, rappresentata dal direttore della sezione noleggio a lungo termine, Pietro Teofilatto.

“In Aniasa stiamo affrontando da tempo il tema del green – ha dichiarato Teofilatto -: l‘ultimo triennio ha visto una crescita esponenziale del noleggio e oggi il 60% dei veicoli della nostra flotta è Euro 6. I Fleet Manager, allo stesso tempo, stanno dimostrando una sempre maggiore attenzione verso l’aspetto ambientale. Non a caso, dopo una fiammata dell’elettrico (che ora sembra essersi attenuata), il 2016 ha dimostrato che l’ibrido sta partendo alla grande“.

Riguardo al futuro, il manager ha sottolineato che “i vincoli che le amministrazioni stanno ponendo nei confronti del diesel vanno considerati”. Di certo, la strada intrapresa porterà sempre più verso il green.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia