Da Anas 275 milioni di euro per la riparazione delle buche stradali

Anas investe 275 milioni di euro per lavori di riparazione delle buche stradali, come riporta il nuovo bando stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

riparazione buche stradali Anas

Prosegue con questo nuovo impegno il piano #bastabuche, avviato da Anas (gruppo FS Italiane) nel dicembre 2015 e su cui sono già stati investivi 925 milioni di euro.

RIPARAZIONE DELLE BUCHE STRADALI: NO AI RATTOPPI SALTUARI

Non basta “mettere una pezza” per coprire situazioni di emergenza: l’obiettivo del piano #bastabuche è avviare programmi organici di completo rifacimento del manto stradale.

Solo nel 2017, Anas ha asfaltato e risanato 2.500 km di strade e il valore degli investimenti attivi in manutenzione straordinaria, distribuiti su 450 cantieri, ammonta a quasi 1 miliardo, con un aumento del 20% rispetto al 2016.

Leggi anche: Strade italiane: secondo SITEB servirebbero 42 miliardi per sistemarle

IL NUOVO BANDO DEL PIANO #BASTABUCHE

Il nuovo bando è suddiviso in 12 lotti, con  altrettanti accordi quadro di durata triennale ripartiti per aree regionali. I fondi stanziati sono così suddivisi:

  • 10 milioni complessivamente per il Veneto e il Friuli-Venezia Giulia
  • 15 milioni per la Campania
  • 20 milioni ciascuno per la Liguria e la Sardegna
  • 25 milioni ciascuno per l’Emilia-Romagna, il Lazio e l’Abruzzo
  • 30 milioni ciascuno per la Toscana e le Marche
  • 45 milioni per la Sicilia, di cui 20 per le autostrade e 35 milioni per le strade statali

La gara di appalto è aperta fino al 3 ottobre 2018. L’affidamento degli appalti è stato avviato con una procedura aperta che garantisce la possibilità di avviare i lavori con la massima tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare ogni volta una nuova gara di appalto. In questo modo dovrebbe esserci un risparmio di tempo, maggiore efficienza e qualità.

A ROMA LE STRADE RIPARATE DAI DETENUTI

Autostrade per l’Italia, il Ministero della Giustizia, Roma Capitale e il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria hanno firmato un protocollo d’intenti per riqualificare le strade della Capitale attraverso il lavoro dei carcerati.

Il Ministro Bonafede e la sindaca Raggi
Il ministro della Giustizia Bonafede e la sindaca di Roma Raggi

Il progetto  ‘Mi riscatto per Roma” partirà con 15 detenuti, scelti tra coloro a bassa pericolosità e con pene ridotte, che seguiranno un percorso di formazione di due mesi e mezzo curato da Autostrade per l’Italia. I carcerati otterranno un attestato professionale e saranno impiegati per interventi sulle strade adiacenti al penitenziario di Rebibbia che diverranno il laboratorio di formazione dei detenuti. In seguito, i detenuti formati saranno coinvolti in alcuni lavori di manutenzione nell’area metropolitana della capitale.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia