Le anticipazioni sulle nuove auto elettriche firmate FCA Group e Toyota

Nuove auto elettriche: spazio a FCA Group (Maserati) e Toyota


Ormai gli annunci relativi a nuove auto elettriche non si contano più, anche da parte di quelli che in altri tempi si sarebbero potuti definire “insospettabili”.

Leggi anche: Tutti gli EV attesi al prossimo Salone di Francoforte

Come uno degli ultimi costruttori auto ad annunciare la svolta, il Gruppo FCA, che aveva sempre preso le distanze dal segmento degli EV, sospinto dal suo amministratore delegato, Sergio Marchionne, che ne lamentava gli elevati costi di produzione e la difficoltà di break-even in breve tempo.

Ora invece è ormai certo che a partire dal 2018 faranno la loro comparsa soluzioni sempre più green all’interno del portafoglio di brand del colosso italo-americano.

Il compito di guidare la transizione epocale sarà affidato a Maserati con le sue proposte di fascia premium riservate a una clientela esigente e selezionata. Ad aprire il listino degli EV di lusso sarà, l’anno successivo, il coupé Alfieri, elaborato a partire dall’omonimo concept svelato al Salone di Ginevra 2014.

In parallelo, lo ricordiamo, il marchio che ha fatto la storia della tecnologia ibrida – parliamo ovviamente di Toyota – ha annunciato da tempo di essere pronto ad abbracciare la via dell’elettrificazione, lanciando già nel 2018 una versione speciale di un modello che ha subito incontrato il gusto dei fleet manager, il crossover nativo ibrido C-HR.

UN PIZZICO DI MAZDA SUL TOYOTA C-HR ELETTRICO?

È però notizia degli ultimi giorni la definizione dei termini dell’alleanza siglata già due anni fa tra la Casa delle Tre Ellissi e la connazionale Mazda sul piano industriale così come del capitale azionario (è infatti previsto che ognuna delle due partecipi nell’altra, pur preservando l’autonomia di entrambe).

Leggi anche: Il “divorzio” tra Tesla e Toyota dopo sette anni di collaborazione

Tra i punti segnati per la collaborazione figurano l’istituzione di una joint-venture mirata alla produzione di EV in territorio statunitense e lo sviluppo congiunto delle opportune tecnologie di base.

nuovo-toyota-c-hr-salone-di-parigi-2016

Saranno disponibili già sul Toyota C-HR 100% elettrico? Lo sapremo a tempo debito. Dal Giappone, più precisamente attraverso le pagine del quotidiano locale Chunichi Shimbun, è filtrata intanto la notizia che nel 2022 la Casa costruttrice nipponica dovrebbe commercializzare il suo primo modello 100% green dotato di batterie allo stato solido. Una soluzione tecnologica utile ad abbattere i tempi per l’approvvigionamento energetico.

A cambiare “stato” sarà l’elettrolita (ossia l’elemento che, scindendosi, trasporta attraverso i suoi ioni la carica), il sale di litio. Il suo utilizzo in forma solida porterebbe un ulteriore beneficio: la riduzione del rischio di surriscaldamento.

MASERATI LEVANTE IBRIDO PLUG-IN APRE LA STRADA

Se per Toyota il C-HR segnerà l’ingresso ufficiale nel segmento delle auto elettriche, quando torniamo a parlare del Gruppo FCA non possiamo non ricordare come lo scorso gennaio, al Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas, abbia suscitato un bel po’ di rumore la presentazione del minivan Chrysler Portal Concept.

Approfondisci: Scopri le caratteristiche del prototipo elettrico firmato FCA

Il colosso italo-americano amministrato da Sergio Marchionne procederà per gradi. Secondo le indiscrezioni circolate principalmente all’estero, il primo modello ad uscire dalla catena di produzione, già il prossimo anno, con un motore elettrico a supportarne uno termico sarà la Maserati Levante, offerta nella versione ibrida plug-in.

Suv flotte aziendali Maserati Levante

All’indomani dell’annuncio del suo a.d. circa l’elettrificazione del Gruppo a partire proprio dal Marchio del Tridente, il motivo lo abbiamo ritrovato nelle dichiarazioni di Giulio Pastore, responsabile del Brand per l’area Europa, rilasciate tempo prima al magazine Autocar, l’equivalente del nostro Quattroruote: “La piattaforma si presta alla realizzazione di auto ibride. Vi stiamo lavorando con l’obiettivo di essere pronti, per il 2019, ad offrire soluzioni ibridizzate”.

Per il primo elettrico del Tridente (la già ricordata coupé Alfieri), inizialmente prevista per il 2018, dovremo con tutta probabilità attendere il 2020, così da consentire al Brand premium di provvedere agli opportuni adattamenti tecnologici.

Un’altra anticipazione fornita sempre da Marchionne indica entro il traguardo temporale del 2022 uno step importante: la proposta di oltre la metà dei modelli a listino per il Gruppo FCA sia nella variante ibrido plug-in sia in quella EV.

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*