21 Settembre 2016

Anteprima Salone di Parigi: la Kia Rio, eleganza moderna

Forte del titolo di modello più acquistato a livello globale conquistato lo scorso anno (gli esemplari venduti sono stati oltre 473mila, quota pari al 15% dell’intero giro d’affari del Brand), la nuova Kia Rio 2017 si sta controllando il “trucco” in vista dell’appuntamento con il Mondial de l’Automobile, il salone tematico a cadenza biennale che aprirà i battenti nell’area di Paris Expo Porte de Versailles il prossimo primo ottobre.

La piccola coreana, che festeggia la sua quarta generazione, si presenterà agli operatori del settore e ai semplici visitatori dell’esposizione transalpina in una veste ancor più tecnologica. In particolare, la Rio è il primo modello del segmento B (utilitarie) a proporre di serie il sistema AEB (la frenata automatica d’emergenza) abbinato al riconoscimento pedone.

UN LAVORO DI SQUADRA SUL DESIGN

Disegnata per incontrare il gusto della clientela europea, la vettura di dimensioni più contenute presente nella gamma Kia è caratterizzata da uno stile al tempo stesso “modernissimo” e “sofisticato” sia a livello di carrozzeria e sia per quanto riguarda gli interni, come sottolineato dalla Casa costruttrice.

Un tratto di matita che abbina linee tese e superfici morbide per regalare alla Rio una ancora più spiccata riconoscibilità. Il frontale, dove è proposta un’evoluzione dell’ormai classica mascherina “a naso di tigre”, che si allarga a inglobare i gruppi ottici con proiettori integrati, il cofano allungato e l’andamento eretto della coda, con il lunotto quasi in posizione verticale, sono solo alcuni degli elementi che si prestano a una lettura superficiale della nuova versione del modello.

Estesa in lunghezza di 1,5 cm (+1 cm per il passo) e lievemente ribassata (0,5 cm) rispetto alla generazione che andrà a sostituire, la compatta del Marchio di Seul, se osservata lateralmente, restituisce un’idea di maggior equilibrio, nonché di solidità.

Merito, anche, del lavoro congiunto sviluppato dai centri stile Kia in Germania (a Francoforte) e negli Stati Uniti (Irvine – California) in collaborazione con l’ufficio centrale di Namyang in Corea.

LE MISURE DELLA NUOVA GENERAZIONE

La tabella dei numeri relativi alla nuova Rio, la cui produzione sarà avviata entro la fine del 2016 (l’inizio dell’azione commerciale sui mercati europei è fissato per il primo trimestre dell’anno successivo), si completa con i dati sul vano bagagli, che cresce in capacità di 25 litri, a toccare quota 325, valore che la misurazione VDA pone tra i più alti della categoria. Un risultato ottenuto nonostante la riduzione dello sbalzo posteriore (meno 1,5 cm). Ad aumentare è anche la capacità del serbatoio carburante, passato da 43 a 45 litri e posto sotto il sedile posteriore.

Gli interni della utilitaria si presentano all’insegna del comfort e della praticità d’utilizzo, grazie ai già ricordati interventi sul piano delle dimensioni (lunghezza totale e passo). Le gambe possono distendersi anteriormente fino a 1,12 m e posteriormente per 0,77 m, mentre l’altezza per la testa si conferma tra le migliori del segmento B (1,021 m per i posti davanti e 0,966 m per quelli  posteriori)

EMISSIONI ESTREMAMENTE CONTENUTE

Kia Rio è spinta dal  motore tre cilindri 1000 T-GDI (Turbo-Gasoline Direct Injection) che ha già trovato “casa” sulla serie cee’d.

Propulsore di basso peso in grado di ridurre il carico sulle ruote anteriori (ne deriva un miglioramento del bilanciamento complessivo), è disponibile con due classi di potenza, 100 e 120 CV. Le emissione di CO2 annunciate, che attendono però l’omologazione ufficiale, indicano un livello al di sotto dei 100 g/km, un dato passibile di scendere ulteriormente grazie al ricorso al sistema ISG (Idel Stop&Go).

Completa l’offerta a benzina l’1.2 da 84 CV per meno di 120 gCO2/km, anch’esso abbinato a un cambio manuale a cinque marce, mentre sul versante delle alimentazioni diesel si segnala l’1.4 a scelta tra 70 e 90 CV (emissioni inquinanti inferiori, in entrambi i casi, ai 90 g/km), con trasmissione manuale a sei rapporti.

SICUREZZA ALLA “LEGGERA” SULLA RIO

Proposta per tagliare il traguardo delle 100mila vetture vendute già nel primo anno di commercializzazione in Europa, la nuova Kia Rio 2017 sarà prodotto in Corea nello stabilimento di Sohari, nel Sud del Paese.

Dispone di diverse frecce al proprio arco sul piano tecnologico, a partire dallo schermo touch screen “floating” ad alta definizione che regola le funzioni di intrattenimento, navigazione e connettività legate al sistema HMI (Human-Machine Interface).

Un capitolo a parte merita l’introduzione a bordo di alcuni tra i principali dispositivi ricompresi sotto l’etichetta ADAS, studiati per la sicurezza attiva di conducente e passeggeri, così come il ricorso a soluzioni c.d. “passive”. Tra queste ultime si segnala un utilizzo intensivo, per la scocca, di acciai speciali AHSS (Advanced High Strength Steel), passato dal 33% al 51%, accorgimento che si richiama alla mission dichiarata della Casa coreana di ridurre entro il 2020 il peso delle proprie carrozzerie del 5% rispetto ai risultati segnati nel 2014, lavorando al contempo su un incremento della resistenza.

Infine, una nota curiosa: la nuova Kia Rio 2017 è la prima auto nella sua categoria a proporre prese USB per i posti anteriori e per quelli posteriori.

Per tutte le info sul Salone di Parigi clicca qui!

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia