Assicurazioni, scatola nera obbligatoria a bordo più vicina. Quanto vale lo sconto?

Dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, così come dal Ministero dello Sviluppo Economico, sul tema assicurazioni e scatole nere giunge l’instaurazione di una consultazione pubblica sullo schema di decreto ministeriale chiamato ad attuare i principi della legge sulla concorrenza 124/2017. In sintesi, l’installazione di un dispositivo di raccolta continua dei dati alla guida obbliga la compagnia assicuratrice a riconoscere uno sconto sulla polizza RCA.

scatola nera obbligatoria

Lo scorso marzo l’IVASS è intervenuta con il Regolamento n° 37 sulla consistenza della scontistica obbligatoria, arrivando di fatto a determinare l’applicazione di una riduzione del premio pari alla media praticata dal mercato.

Regolamento entrato in vigore lo scorso 9 luglio, tuttavia, mancano i decreti ministeriali, sui quali è stata avviata la consultazione con le parti interessante, che potranno avanzare proposte e valutazioni sullo schema approntato, procedura di consultazione che si concluderà il 24 luglio relativamente ai requisiti funzionali minimi delle scatole nere, aperta dal Ministero dei Trasporti, e il 26 luglio per quella attivata dal Ministero per lo Sviluppo economico sullo schema di decreto che definisce lo standard tecnico – le caratteristiche hardware e quelle software – destinato alle scatole nere.

UNA RINUNCIA ALLA PRIVACY RELATIVA

Quanto vale la privacy al volante? L’adozione della scatola nera è probabilmente la componente di minor rilievo in un tema assai più ampio che ha già da tempo portato l’automobilista ad abdicare, più o meno consapevolmente, alla riservatezza degli spostamenti sulla propria auto privata. È sufficiente la presenza di un infotainment appena completo e interfacciabile con lo smartphone per far confluire una mole di dati e informazioni sconosciuta al guidatore. Scatole nere peraltro diverse per tipologia di raccolta dati e, nel caso dei “box” installati volontariamente, spesso attivati nella registrazione solo in presenza di particolari picchi di accelerazioni, collegati a posizione rilevata dal GPS, velocità e ora dell’evento.

Approfondisci: Scatola nera e flotte aziendali, il nodo della privacy

COSA REGISTRA LA SCATOLA NERA

Le registrazioni della scatola nera dalla quale dovrebbe trarre beneficio il premio della polizza RCA – di fatto con una standardizzazione dello sconto, come già detto, sulla media applicata dalle compagnie assicuratrici sul mercato – sono senza interruzione e coinvolgono lo stato del veicolo e il comportamento dinamico, ovvero, il tipo di guida al volante.

incidente con scatola nera obbligatoria

Una serie di informazioni supplementari vengono registrate al verificarsi di un incidente, per ridurre al minimo le possibilità di frodi assicurative da sinistri simulati. Non solo posizione e ora esatta, calcolata al decimo di secondo, tra le informazioni raccolte dalla scatola nera, ma anche la velocità istantanea del mezzo, l’accelerazione media e massima, il rilevamento su tre assi (longitudinale, trasversale, verticale), per ricostruire con un margine d’errore minimo (indicato in meno dell’1% in quasi il 98% dei sinistri) l’incidente e attribuire con precisione le responsabilità. Anche il senso di marcia è registrato dalla centralina, che effettua un monitoraggio costante del proprio stato di funzionamento, per evitare manomissioni e avvisare di un eventuale guasto.

Approfondisci: Scatola nera e flotte aziendali, quale info raccoglie

PREMI MEDI RCA IN CALO

polizze rca costo medio

In un panorama delle polizze RCA che, secondo dati IVASS, tra il 2013 e il 2017 ha registrato un calo medio delle polizze di circa il 25%, ovvero, oltre 100 euro, l’introduzione obbligatoria di una scatola nera a bordo porterebbe perlomeno ordine nella giungla di tariffe e vantaggi praticati dalle singole compagnie. Resta pur sempre il tema di una disparità ancora marcata tra diverse aree geografiche a parità di profilo dell’assicurato, che portano a discostarsi notevolmente da quello che è il costo medio di una polizza RCA, individuato in 340 euro.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia