Con Future Patrol un nuovo concetto di assistenza

L’assistenza per le flotte aziendali ACI Global diventa 4.0: il 6 luglio scorso, infatti, nell’affascinante cornice del Centro di Guida Sicura ACI – SARA di Lainate (Milano), la società ha presentato il suo nuovo mezzo di soccorso, il Future Patrol, un modello di carro attrezzi versatile, moderno e innovativo.

LA GIORNATA

La giornata, importante anche in ottica futura di assistenza alle flotte aziendali, ha visto la partecipazione di una platea qualificata di centri delegati provenienti da tutta Italia e dei partner del progetto, Fiat Professional, Omars e Wurth. “ACI Global vuole confermarsi numero uno nell’assistenza stradale – ha spiegato il presidente Aurelio Filippi Filippi – Per far questo, c’è bisogno di innovazione sui mezzi e nella formazione. Stiamo investendo molto sia sui veicoli, sia sulle persone”.

VIDEO: PRESENTAZIONE FUTURE PATROL

ASSISTENZA 4.0

La presentazione è stata caratterizzata, al mattino, da alcune prove pratiche delle capacità del mezzo, che, attraverso una strumentazione da far invidia alle officine più moderne, è in grado di effettuare ogni tipo di intervento di depannage. Qualche esempio? Il Patrol può verificare e correggere gli errori della centralina motore, analizzare stato, carica e buon funzionamento della batteria, ma è anche capace di garantire la sostituzione degli pneumatici, la sostituzione delle pastiglie dei freni e molti altri interventi che possono rimettere in sesto il veicolo, evitando i fastidiosi allungamenti dei tempi determinati dalla riparazione in officina. Al pomeriggio, invece, i centri hanno potuto provare il nuovo mezzo in pista.

VIDEO: IL FEEDBACK DELLE OFFICINE

I COMMENTI

A fine giornata, abbiamo raccolto alcuni commenti dei centri delegati di ACI Global sull’evento e sul nuovo mezzo. “E’ stata una giornata molto istruttiva – ha sottolineato Paolo Penna, della Fratelli Penna e Andreucci di Ancona -: il nuovo mezzo per il depannage e il soccorso è davvero completo e valido”. D’accordo anche Salvatore Niola della ditta L’assistenza, venuto da Cagliari. “Mi piace molto il nuovo modo di interpretare il carro officina e credo che sia un’evoluzione del lavoro” ha spiegato. Infine, Domenico Ioannucci (Autodemolizione San Vittorino, L’Aquila), ha evidenziato che “si tratta di un mezzo che ci mancava, rapido, in grado di risolvere sul posto quegli interventi che finora abbiamo dovuto effettuare in officina”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia