21 Agosto 2018

Aston Martin DB5, rivive l’auto di James Bond

Fedele all’originale della pellicola cinematografica. Così, i 25 esemplari di Aston Martin DB5 che il marchio si appresta a realizzare. Riavvolge il nastro, un salto indietro di oltre 50 anni, per continuare da un numero: 898. Sono le DB5 coupé prodotte tra il 1963 e il 1965, un’auto legata a doppio filo con James Bond. Da 007 – Goldfinger, prima apparizione sul set, all’ultima comparsa del 2015, la DB5 ha “recitato” in sei capitoli della saga.

Aston Martin DB5 James Bond

DB5 JAMES BOND, PER 25 “AGENTI SPECIALI”

Dal 2020, con un prezzo superiore ai 3 milioni di euro, tasse escluse, gli appassionati potranno guidare la stessa DB5, gadget da 007 compresi. La targa rotante sarà solo uno dei particolari ripresi dalla finzione cinematografica e portato in garage. Diversamente dalle Aston Martin DB5 stradali realizzate a inizio anni Sessanta, la specifica che prosegue sulle caratteristiche dell’auto di Goldfinger non potranno circolare su strada.

Aston Martin DB5 gadget 007

OGGETTO DI CULTO IN SILVER BIRCH

«La connessione tra Aston Martin e James Bond è qualcosa della quale siamo molto orgogliosi ed è straordinario che la DB5 rimanga la macchina assoluta di James Bond dopo così tanti anni. Possedere una Aston Martin è stata a lungo un’ambizione degli appassionati di James Bond, ma poterne avere una Silver Birch, completa di gadget (curati dallo specialista in effetti speciali Chris Corbould; ndr) e costruita sugli standard produttivi più alti, nella stessa fabbrica delle macchine originali di James Bond? Beh, è di certo la fantasia assoluta dei collezionisti», ha commentato Andy Palmer, presidente e a.d. del marchio.

Leggi anche: Supercar, le “moderne” in arrivo

Caratteristiche della Aston Martin DB5

ASTON DB5, PIÙ DI UNA DB4 EVOLUTA

A Newport Paquell verrà prodotta con le specifiche del tempo, il motore sei cilindri in linea da 4 litri di cilindrata e tre carburatori sviluppava 285 cavalli (42 più della Aston DB4), assicurava una velocità massima prossima ai 240 orari e un’accelerazione in 7”1 da 0 a 96 km/h. Accanto ai 25 esemplari ne verranno prodotti ulteriori 3: uno resterà proprietà di Aston Martin, uno andrà alla casa produttrice Eon Productions, che produce i film di 007, una terza verrà battuta all’asta e il ricavato andrà in beneficenza. Tutte le DB5 avranno la tinta carrozzeria Silver Birch, fedele all’originale.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia