Audi e-tron ecco il primo Suv elettrico dei quattro anelli

Audi e-tron è realtà. Un lungo percorso di lancio per il primo suv elettrico Audi arrivato a conclusione. Andrà su strada entro fine anno (prezzi da 79.900 euro, in Germania) e i clienti che hanno già ordinato il suv potranno accedere all’edizione limitata Audi e-tron edition one, 2.600 esemplari disponibili in tutto il mondo.

Restavano particolari cruciali da svelare, dopo la lunga teoria di soluzioni tecnologiche che caratterizzano il suv premium sportivo a cinque posti, che coniuga performance da supercar con uno straordinario livello di efficienza.

Audi e-tron suv elettrico

Lo dimostrano la potenza massima di sistema di 408 CV e 664 Nm (disponibile per 8 secondi attivando la modalità Boost) e uno scatto da 0 a 100 km/h in 5″7 secondi, una velocità massima di 200 km/h, ma soprattutto una prontezza di erogazione della coppia massima senza pari. Merito dell’elettrico, dello sviluppo della massima coppia a “zero giri”. Bastano 2 decimi e mezzo perché si scarichino i 664 Nm di coppia motrice sulle quattro ruote.

I MOTORI ELETTRICI DELL’AUDI E-TRON 2019

A spingere il Suv a zero emissioni ci pensano due motori elettrici asincroni, che nelle fasi di guida più rilassate possono arrivare a erogare una potenza massima (disponibile solo per 60 secondi consecutivi) di 360 CV e 561 Nm. Sistema predittivo, l’attivazione del motore anteriore avviene quando il guidatore richiede una potenza superiore a quella erogabile dal motore posteriore, oppure, in presenza di un fondo a bassa aderenza.

Approfondisci: l’Audi e-tron è la prima auto elettrica che si ricarica a 150 kW, “pieno” in mezz’ora

L’AUTONOMIA

Autonomia di Audi e-tron suv elettrico

La batteria agli ioni di litio da 95 kWh dell’Audi e-tron 2019 garantisce un’autonomia di oltre 400 km nel ciclo WLTP. Una percorrenza resa possibile grazie anche all’innovativo sistema di recupero dell’energia, in grado di contribuire fino al 30% dell’autonomia. L’Audi e-tron può recuperare energia fino a un massimo di 300 Nm e 220 kW di potenza elettrica. Valori equivalenti a oltre il 70% della potenza motore.

COME SI RICARICA L’AUDI E-TRON

Il sistema di recupero dell’energia interessa sia i due motori elettrici sia il sistema di frenata elettroidraulico integrato.

Addirittura si può scegliere fra tre modalità: manuale (nelle fasi di rilascio, sfruttando i bilancieri al volante), automatica (mediante il predictive efficiency assistant) e in frenata (con il graduale passaggio dalla decelerazione elettrica a quella idraulica).

L’efficiency assistant aiuta il driver a impostare uno stile di guida mirato al contenimento dei consumi, contribuendo a migliorare ancora di più l’autonomia. Il sistema riconosce le condizioni del traffico e il percorso (utilizzando i sensori radar, le immagini delle telecamere, i dati della navigazione e le informazioni Car-to-X).

Nel momento in cui è opportuno alzare il piede dal pedale dell’acceleratore, il guidatore viene avvertito mediante l’Audi virtual cockpit e l’head-up display (disponibile a richiesta). In combinazione con l’adaptive cruise assist, poi, l’efficiency assistant può decelerare e accelerare l’Audi e-tron in modo predittivo.

Leggi anche: il piano di Enel X per installare 7.000 colonnine di ricarica per le auto elettriche entro il 2020

Ricarica di Audi e-tron suv elettrico

LA FRENATA RIGENERATIVA DI AUDI E-TRON 2019

Nel caso di decelerazioni fino a 0,3 g (che equivalgono al 90% dei casi), l’Audi e-tron recupera energia grazie ai soli motori elettrici, immagazzinandola nella batteria.

Il sistema di recupero è così potente da rendere residuale l’intervento dei freni meccanici. È possibile impostare il livello di recupero dell’energia in rilascio, selezionando uno dei tre step mediante i bilancieri al volante.

Con la modalità più lieve, quando il driver rilascia il pedale dell’acceleratore l’Audi e-tron procede per inerzia, senza coppia frenante aggiuntiva. L’auto, quindi, veleggia.

Con i livelli 1 (decelerazione minima – moderata) e 2 (decelerazione forte – elevata), invece, i motori elettrici generano una coppia frenante rigenerativa e producono corrente. In questi casi, il conducente può gestire la marcia e le decelerazioni grazie al solo pedale destro (creando il cosiddetto One Pedal Feeling), senza ricorrere ai freni meccanici.

Bagagliaio di Audi e-tron suv elettrico

L’IMPIANTO FRENANTE ELETTROIDRAULICO

Quando la decelerazione raggiunge o supera gli 0,3 g, l’Audi e-tron recupera energia non più con i soli motori elettrici, ma anche attraverso i freni autoventilanti. Risultato: spazi d’arresto sensibilmente ridotti (inferiori del 20% rispetto alla tecnologia tradizionale), grazie all’innovativo sistema di frenata elettroidraulico del Suv a zero emissioni.

In base alla situazione, quindi, l’Audi e-tron decide se decelerare mediante i motori elettrici, i freni meccanici o la combinazione dei due. Il passaggio dalla frenata elettrica a quella idraulica avviene in modo fluido e omogeneo, senza che il conducente se ne renda conto e mantenendo costante la forza frenante.

La tecnica del suv elettrico racconta anche di altri contenuti degni di nota, come l’Audi Drive Select di serie, dal quale impostare una delle sette diverse modalità di guida, con ripercussioni anche sulla taratura delle sospensioni. Tra un programma e l’altro, Audi e-tron è in grado di variare l’assetto con un’escursione complessiva di ben 76 millimetri, sviluppando un incremento dell’altezza da terra di 35 millimetri in modalità Off-Road, alla quale sommare ulteriori 15 millimetri di incremento attraverso l’opzione “Lift”.

Dimensioni di Audi e-tron suv elettrico

DIMENSIONI DI AUDI E-TRON, TAGLIE FORTI

Audi e-tron si colloca tra i grandi suv, dimensioni riassunte in una lunghezza di 4.90 metri per 1.93 metri di larghezza e un’altezza di 1 metro e 61 centimetri. Spazio generoso a bordo, grazie al passo da 2.93 metri e un pavimento piatto, sotto il quale trova posto il pacco batterie agli ioni di litio. In soldoni, quali ingombri ha la specifica da 95 kWh che muove e-tron? Due metri e 28 centimetri per 1 metro e 63 centimetri, a fronte di un’altezza di 34 centimetri. E’ il cuore pulsante, 36 moduli per una tensione d’esercizio a 396 volt. Detto della capacità di carico nel bagagliaio fissata in 660 litri, 60 dei quali sotto il piano, Audi e-tron prevede un piano totale di ricarica da più soluzioni.

Interni di Audi e-tron suv elettrico

RICARICA BATTERIE E-TRON: DAI 150 kW ALLA PRESA DOMESTICA

Sarà in grado di ricaricarsi da colonnine a 150 kW con standard CCS, come dalla presa domestica a 2,3 kW e 230 volt. Le soluzioni “ponte” tra i due estremi comprendono un cavo per ricarica da postazione a 11 kW e 400 volt, dalla quale servono otto ore e mezza per una carica completa e il secondo caricatore a bordo, per una ricarica a 22 kW. Batterie la cui gestione termica è cruciale per l’efficienza e l’autonomia. Il calore sviluppato viene gestito per ottimizzare la climatizzazione a bordo. Fino a 3 kW di energia dissipata vengono reimpiegati e riversati sul riscaldamento a pompa di calore.

All’elevata autonomia di marcia Audi abbina un programma, in abbonamento, grazie al quale sarà possibile l’accesso all’80% delle stazioni di ricarica presenti sul territorio attraverso un’unica scheda, con fatturazione automatica al pari dell’autorizzazione all’accesso. La capillarizzazione delle stazioni di ricarica sul territorio sarà uno dei fattori che l’Audi Connect terrà in considerazione nel pianificare un percorso. Quello più adatto valuterà il livello di batteria residuo, le condizioni di traffico e stimerà l’ora d’arrivo comprensiva del tempo necessario per un’eventuale sosta per la ricarica. Inoltre, grazie alla comunicazione tra veicoli della flotta Audi, sarà possibile una mappatura degli stalli di parcheggio liberi in determinate città. Car-to-X grazie al quale altre informazioni utili verranno scambiate tra veicoli Audi, così da avvisare in caso di pericoli legati alle condizioni meteo o anticipare la presenza di limiti di velocità su un tratto di strada.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia