Audi SQ2, prestazioni da sportiva vera al Salone di Parigi

Sotto le forme da crossover cittadino premium si nasconde una tecnica da sportiva vera. Audi SQ2 si annuncia dal Salone di Parigi 2018, diversa anzitutto per quello che ospita sotto il cofano, un bel 2 litri turbo benzina tutto cavalli e coppia. È la cura che serve per guadagnare i galloni di modello dinamico, sebbene i puristi storcano il naso all’accostamento del concetto con la carrozzeria crossover/suv.

Motore di Audi SQ2

 

AUDI SQ2, IL CROSSOVER CORRE VELOCE

I numeri, quelli danno ragione ad Audi SQ2. Meno di 5 secondi per bruciare i 100 km/h con partenza da fermo (4,8 per l’esattezza), 250 km/h di velocità massima, accorgimenti tecnici su assetto e feedback dello sterzo conseguenti, per rendere piacevole sfruttare il potenziale del 2.0 TFSI e della trazione quattro.

STILE, FINALMENTE CAMBIA LA CALANDRA

Si riconosce al volo la Q2 più sportiva tra tutte. Rinnova il look con paraurti specifici, inserti lucidi che si estendono alla rinnovata calandra, adesso con elementi della griglia verticali e molto più azzeccati (nonché allineati al family feeling della gamma suv di Audi). Offre di serie le luci a led, con i fari posteriori dotati di frecce sequenziali, i cerchi da 19 pollici, invece, rientrano nel lungo elenco di optional, essendo offerti di serie i 18 pollici.

Leggi anche: Audi, a Parigi la prima volta di nuova Q3

MOTORE DI AUDI SQ2, IL 2.0 TFSI DELLE GRANDI

E’ in gran parte contorno al piatto principale, il motore. Sviluppa 300 cavalli e 400 Nm di coppia a partire dai 2.000 giri/min e fino ai 5.200. Unità supportata da un turbocompressore con pressione di sovralimentazione a 1,4 bar, iniezione diretta e iniezione indiretta – utile anche a ridurre i valori di emissioni inquinanti, ai bassi e medi carichi del motore –, filtro del particolato e un’ottimizzazione del raffreddamento e della lubrificazione che passa per pompe elettriche a portata variabile.

La fasatura variabile delle valvole è presente sia lato aspirazione che scarico, quest’ultima anche con alzata variabile, funzionale a migliorare il riempimento della camera di combustione come alla pressione dei gas di scarico diretti al turbocompressore.

ASSETTO E STERZO ASSECONDANO LE PRESTAZIONI

Tecnicismi che si traducono in numeri di potenza e coppia, gestiti dalle quattro ruote motrici a controllo elettronico. La frizione a lamelle è posta al retrotreno e ripartisce la coppia sulle ruote posteriori in caso di perdita di aderenza delle anteriori e nelle fasi di guida più sportive.

Leggi anche: Audi Q2, quanto costa noleggiarla?

Audi SQ2 beneficia anche di un’elettronica in grado di escludere il controllo di stabilità completamente e di abbinare l’ESC a una modalità specifica per l’impiego in fuoristrada. Non sembra essere il campo d’impiego preferito per la sportività su Q2, anche in virtù dell’altezza da terra ridotta di 20 millimetri rispetto alla gamma base del crossover. Di serie è presente anche lo sterzo con assistenza e demoltiplicazione variabile, in funzione della velocità.

ADAS, IL TRAFFIC JAM COMPLETA IL CRUISE ADATTIVO

Chi saprà resistere alla tentazione dei 300 cavalli troverà nel cambio doppia frizione 7 marce e nella modalità d’uso Efficiency due alleati nel contenimento dei consumi, grazie alla possibilità di sfruttare il coasting e lo start&stop a partire dai 7 km/h. Modalità selezionabile mediante l’Audi drive select su schermo della multimedialità da 8,3 pollici.

Approfondisci: Come funziona il sistema Audi MMI

La specifica top è Navi MMI plus con MMI touch, completa dei servizi connessi Audi, connettività veloce LTE, un comparto hi-tech che racchiude anche gli ADAS della frenata d’emergenza con riconoscimento di ciclisti e pedoni, sistema traffic jam per la marcia in colonna con cruise control adattivo e assistente attivo al mantenimento della corsia di marcia.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia