Aumenti assicurazioni 2018, RC Auto più cara per 1,6 milioni di automobilisti

Aumenti assicurazioni 2018: per circa 1,6 milioni gli automobilisti l’RC Auto costerà di più. Lo affermano le stime di Facile.it. Il motivo? Il coinvolgimento (con colpa) in incidenti stradali. Da qui il peggioramento della classe di merito e gli aumenti delle assicurazioni 2018, che si uniscono ai rincari dei pedaggi autostradali e alle multe.

Aumenti assicurazioni 2018 tariffe Rc auto

Insomma, si prospetta un anno non proprio entusiasmante per le tasche degli automobilisti.

Approfondisci: Come il car sharing cambierà l’assicurazione auto

AUMENTI ASSICURAZIONI 2018

Gli aumenti delle assicurazioni 2018 sono state calcolate da Facile.it, sulla base di oltre 500.000 preventivi di rinnovo della copertura RC Auto richiesti a dicembre. Il 4,22% degli utenti ha dichiarato di essere stato responsabile di un sinistro l’anno scorso. Analizzando i dati su base geografica, però, emergono delle differenze evidenti lungo lo Stivale. Undici regioni presentano un valore più alto della media nazionale.

A guidare la classifica è l’Umbria, dove il 6,22% dovrà fare i conti con l’aumento delle assicurazioni 2018. A seguire, la Liguria (5,67%), la Toscana (5,48%), il Lazio (5,35%), le Marche (5,06%) e la Lombardia (4,84%). Anche la Sardegna (4,67%), il Piemonte (4,57%), il Friuli Venezia Giulia (4,39%), l’Emilia Romagna (4,38%) e l’Abruzzo (4,30%) superano la media nazionale. Chiudono la classifica, invece, la Puglia (2,45%), la Calabria (1,66%) e il Molise (che registra il valore più basso, solo l’1,53%).

Leggi anche: Il pagamento dell’assicurazione auto online passa da Amazon

MEA CULPA

Se si confrontano gli ultimi dati raccolti con quelli dello scorso anno, risalta come in alcune zone dell’Italia sia calata la percentuale di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione incidenti con responsabilità unica o principale.

A riguardo, spicca la Valle d’Aosta, dove la percentuale è passata dal 5,13% di fine 2016 al 2,70% di fine 2017, seguita dalla Calabria, che ha registrato una riduzione di 1,05 punti percentuali. Al contrario, è proprio l’Umbria la regione dove c’è stato il maggiore incremento: + 1,59%.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia