Le auto diesel continuano a crescere nelle flotte aziendali

Le auto diesel e il loro futuro: un tema che negli ultimi tempi è stato oggetto di numerosi dibattiti. Che però, in Italia, per il momento non hanno scalfito più di tanto la leadership di questa alimentazione.

Divieti auto diesel a Milano blocco circolazione

Mentre in Europa il bando che alcuni Paesi hanno posto nei confronti dei motori a gasolio sta sortendo effetti numerici ben precisi, nel nostro Paese le politiche avverse alle auto diesel finora non hanno prodotto risultati tangibili. Anzi, il diesel continua a guidare saldamente la classifica dei propulsori. E a crescere, se si guarda il comparto delle flotte aziendali.

LE AUTO DIESEL NEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE

I dati del Rapporto Aniasa 2017, non a caso, testimoniano che le auto diesel continuano a monopolizzare il canale del noleggio a lungo termine. I numeri dello scorso anno parlano del 76,5% di quota sul totale, in leggero calo rispetto al 77,2% del 2016.

Questo numero, però, assume un significato ancora maggiore, se si pensa che nel 2017, sempre nel Nlt, sono state immatricolate oltre 197mila vetture a gasolio, in crescita del +12,2% rispetto alle 176mila scarse del 2016. In questo senso, le auto diesel crescono in misura maggiore rispetto alle auto a benzina, che nel renting sono aumentate dell’11,3% anno su anno.

Approfondisci: cosa pensano Case auto e Fleet Manager del futuro del gasolio

IL DIESEL NEL MERCATO GENERALE

Discorso leggermente diverso per quanto riguarda il mercato generale. A maggio, infatti, le auto diesel hanno fatto registrare un calo tendenziale del 10% (dati Anfia), anche se mantengono naturalmente la quota più alta tra le alimentazioni (51,5%).

Gli ultimi dati di Anfia e Unrae evidenziano allo stesso tempo che nel primo quadrimestre dell’anno le vendite del diesel sono diminuite del 4,3% rispetto allo stesso periodo del 2017, mantenendo comunque il 54% di quota. Un calo, dunque, tutto sommato contenuto.

Leggi anche: scopri perché i valori residui delle auto diesel rimangono al top

IL DIESEL IN EUROPA

La situazione italiana, come accennato è diversa rispetto a quella che si sta creando nell’Europa in generale: a livello continentale, infatti, il diesel sta pagando le strategie di alcuni Paesi, che lo stanno di fatto eliminando.

Nell’Unione europea, infatti, le vendite del gasolio, nel primo trimestre 2018, sono calate del 17% rispetto allo scorso anno.

motori diesel

QUALE FUTURO ATTENDE LE AUTO DIESEL?

Difficile dunque pensare nel nostro Paese a un crollo del diesel. Anche se, guardando le strategie delle Case, un calo ulteriore è probabile. Molti Costruttori, ultimo dei quali il Gruppo FCA, hanno dichiarato di voler prediligere in futuro altre alimentazioni, in primis l’ibrido e l’elettrico, per ridurre le medie di emissioni.

Diversa è la situazione se si considera solamente il comparto dei veicoli commerciali. In questo particolare segmento, infatti, il motore a gasolio non sembra poter avere rivali ancora per molto tempo.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia