Una Nissan Leaf per gli 80 anni “ecologici” di Papa Francesco

Un’auto elettrica per Papa Francesco. In occasione degli ottant’anni del Santo Padre, in Vaticano è arrivata una Nissan Leaf, il veicolo 100% elettrico della casa giapponese che da anni è in prima fila per la promozione della mobilità sostenibile.

PASTORALE ECOLOGICA

Come si può vedere dalle immagini scattate a Roma, Papa Bergoglio ha provato l’auto e ne sembra soddisfatto. Il modello ‘green’, dotato di un pannello fotovoltaico, sarà utilizzato dal Pontefice per i suoi normali spostamenti. Si tratta di un veicolo perfettamente in linea con l’idea di mobilità sostenibile che Papa Francesco aveva delineato già nel 2015 con l’enciclica “Laudato Si’”, dedicata al rispetto per l’ambiente e alla cura del pianeta, con la quale aveva segnato la rotta da seguire per un mondo più sostenibile dal punto di vista energetico.

“Purtroppo, molti sforzi per cercare soluzioni concrete alla crisi ambientale sono spesso frustrati non solo dal rifiuto dei potenti, ma anche dal disinteresse degli altri. Gli atteggiamenti che ostacolano le vie di soluzione, anche fra i credenti, vanno dalla negazione del problema all’indifferenza, alla rassegnazione comoda, o alla fiducia cieca nelle soluzioni tecniche”
Laudato Si’

NISSAN LEAF, AUTO ELETTRICA PAPA FRANCESCO

Una pura elettrica significa non solo “rinunciare” alla benzina, ma anche ai cambi dell’olio e a tutte le componenti tradizionali del motore endotermico. Il risultato? Una manutenzione ridotta all’osso. Nata nel 2010, l’ultimo modello di Nissan Leaf è aggiornato al 2016, si tratta di una compatta (lunga 445 cm, larga 177, alta 155).

La nuova batteria di Leaf da 30kWh offre un’estensione dell’autonomia a 250 Km. È disponibile negli allestimenti Acenta e Tekna. Gli interni sono equipaggiati con l’ultima evoluzione del sistema Nissan Connect EV, con schermo touch da 7 pollici. A questo up-grade hi-tech, si aggiungono alcuni piccoli cambiamenti nel design esteriore del modello della Casa giapponese.

LE AUTO DEL PAPA

Papa Francesco non è, ovviamente, legato a nessun marchio automobilistico particolare. Si sa che in Argentina guidava una Renault R4 e che detesta i veicoli blindati. Durante il viaggio apostolico negli Usa ha utilizzato una Jeep speciale. Per i suoi spostamenti fuori dalla Città del Vaticano e da Roma ha utilizzato anche veicoli Mercedes, Toyota, Isuzu, Kia, Hyundai, Fiat e Land Rover.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia