Auto elettrica: i progetti delle Case per i prossimi anni [FOTO]

La sfida dell’auto elettrica sta entrando davvero nel vivo e il Salone di Francoforte 2017, a settembre, lo ha dimostrato più di tante parole.

Futuro auto elettriche

Se, usando una metafora sportiva, il “fischio d’inizio” della partita è trillato ormai qualche anno fa, adesso tutti (o quasi) i principali brand hanno deciso di indossare maglietta e pantaloncini. E di scendere in campo in materia di auto elettrica, per inseguire un obiettivo ormai pressoché obbligato dalle normative europee: quello di contenere il livello di emissioni delle auto.

Approfondisci: Scopri tutti i modelli a zero emissioni attualmente sul mercato

LE STRATEGIE DELLE CASE AUTO

Anche Costruttori a prima vista “insospettabili”, come il Gruppo FCA, e marchi premium (alcuni esempi su tutti sono Jaguar Land Rover, Maserati e Mercedes) hanno deciso di giocare le loro carte, a colpi di annunci roboanti, alleanze e progetti scadenziati nel tempo in maniera dettagliata.

Senza dimenticare, però, un dato di fatto inconfutabile: ora come ora, il match è ancora all’inizio. Nel senso che gli “spettatori paganti”, se così li vogliamo chiamare, ovvero i clienti (aziende o privati che siano) che puntano in maniera decisa sull’alimentazione a zero emissioni sono ancora pochi.

VIDEO: I CONSIGLI DI UNRAE PER LO SVILUPPO DELLE AUTO ELETTRICHE

OSTACOLI E POTENZIALITÀ

Il concetto vale specialmente in Italia, dove i problemi legati allo sviluppo degli EV, illustrati dalla nostra survey sul tema, sono sul tavolo da tempo: l’autonomia limitata dei modelli, la carenza delle infrastrutture di ricarica – che sulle autostrade diventa una quasi totale assenza -, la mancanza di un programma nazionale di incentivi (leggi il nostro approfondimento) e i prezzi ancora troppo alti.

Eppure, gli stessi responsabili dei parchi auto, allo stesso tempo, credono fortemente nelle potenzialità della e-Mobility, arrivando addirittura a dichiarare che gli EV un domani sostituiranno le attuali vetture benzina/diesel e perfino le ibride. Ecco perché riteniamo utile fare una carrellata sull’offerta futura dei singoli brand in materia di auto elettrica, concentrandoci in maniera particolare sui brand premium.

I PROGETTI DELLE CASE SULL’AUTO ELETTRICA

GRUPPO VOLKSWAGEN

Tra le offensive dichiarate più forti, spicca quella del Gruppo Volkswagen, che ha annunciato 50 nuovi modelli a zero emissioni e 50 ibridi plug-in entro il 2030. In particolare, Volkswagen sta gradualmente rivelando i suoi innovativi modelli della gamma ID. Prima la Volkswagen ID, poi il Suv Volkswagen ID Crozz II, quindi l’ID Buzz, erede del Bulli elettrico.

Volkswagen ID Crozz Salone Francoforte 2017

I lanci sono già stati scadenziati: la ID sarà sul mercato entro il 2020, il Suv elettrico subito dopo, mentre il discendente del mitico Bulli arriverà nel 2022. I tempi del dieselgate, in definitiva, sembrano ormai essere lontani. La Casa tedesca punta decisamente sulla mobilità green. Per comprenderlo, basti pensare che il Gruppo ha annunciato un investimento di 10 miliardi di euro da qui al 2025 solamente per il mercato cinese. Anche Audi il prossimo anno lancerà la sua prima vettura al 100% elettrica: l’Audi e-tron.

Leggi Anche: il ritorno del Bulli, ma in versione elettrica!

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia