7 Novembre 2018

Auto elettriche e ibride: cosa pensano le flotte aziendali? Ecco la nostra survey

Cosa pensano le flotte aziendali delle auto elettriche e ibride? Ecco i risultati della nostra survey Mobilità alla spina, condotta su un campione di 60 Fleet Manager di aziende di varie dimensioni.

Cosa pensano le flotte aziendali delle auto elettriche e ibride? Quali sono le prospettive dell’elettrificazione applicata alla mobilità corporate? Una risposta ben precisa a queste domande arriva dalla survey Mobilità alla Spina, che abbiamo presentato oggi pomeriggio a Ecomondo 2018

auto elettriche ibride

Le auto elettriche e le auto ibride sono senza dubbio la grande scommessa intrapresa dall’industria dell’automobile, con l’obiettivo di abbassare le medie delle emissioni delle vetture circolanti. Le vendite, a livello generale, crescono (anche se i numeri dell’elettrico sono ancora piccoli) e anche le flotte seguono il trend, specie per quanto riguarda l’ibrido. 

La survey è stata condotta attraverso interviste telefoniche a Fleet Manager di 60 aziende di varie dimensioni, che in totale rappresentano una flotta di oltre 50mila veicoli.

AUTO ELETTRICHE E IBRIDE AZIENDALI: LO STATO DELL’ARTE

Rispetto alla survey sugli EV che avevamo effettuato nel 2016 sullo stesso campione di aziende, l’indagine più recente conferma il dominio del diesel, la cui quota all’interno delle flotte considerate passa dall’88,1% al 90,8%. Nonostante le campagne di demonizzazione, sulle lunghe percorrenze, infatti, i motori a gasolio si dimostrano ancora una volta la soluzione più efficiente in ambito aziendale. 

Per quanto riguarda le alimentazioni alternative, la quota delle auto elettriche cresce, anche se i numeri rimangono piccoli: dallo 0,5% del 2016 all’1,6% di quest’anno (percentuali sul totale dei veicoli in parco). Le auto ibride, invece, crescono in maniera più significativa: dallo 0,7% al 2,3%. Calano, invece, metano e GPL. Le aziende, dunque, hanno cominciato ad attaccare la spina e l’ibrido di conferma il “fenomeno” del momento. 

Approfondisci: scopri quali sono le ibride presentate al Salone di Parigi 2018

UTILIZZO E VANTAGGI DELLE AUTO ELETTRICHE

Come e dove vengono utilizzate le auto elettriche? La risposta a questa domanda è chiara: l’83% dei veicoli a zero emissioni viene utilizzato in pool e il 68% solo in città

Nessun dubbio sulla formula di assegnazione: il 98% delle auto elettriche aziendali è acquisito con la formula del noleggio a lungo termine. Un vero e proprio plebiscito. Anche sui vantaggi delle auto elettriche le idee dei Fleet Manager sono chiare: risparmio delle emissioni, agevolazioni nella circolazione e responsabilità sociale di impresa.

utilizzo auto elettriche

FUTURO E OSTACOLI PER LE AUTO ELETTRICHE

Guardando al futuro, i Fleet Manager hanno una posizione attendista nei confronti degli EV. Solo il 10% del panel ha intenzione di aumentare il numero delle auto elettriche nel prossimo anno, mentre il 68% si dichiara indeciso. Dall’altro canto i Fleet Manager che non hanno auto elettriche in flotta nel 15% dei casi sono favorevoli alla sperimentazione (solitamente 1-2 veicoli per flotta).

Leggi anche: scopri quali sono le elettriche presentate al Salone di Parigi 2018

Le barriere alla diffusione sono quelle note: in primis, ansia da autonomia, poi mancanza di infrastrutture e lunghe attese per la ricarica

Futuro auto elettriche flotte aziendali

UTILIZZO E VANTAGGI DELLE AUTO IBRIDE

Rispetto alle auto elettriche, le auto ibride sono più diffuse in azienda. Tra le varie tipologie di ibrido (leggi il nostro approfondimento), prevale il Full Hybrid (62%), seguito dal Plug-in Hybrid e dal Mild Hybrid. Al contrario dell’elettrico, l’ibrido viene assegnato soprattutto come fringe benefit e viene utilizzato sia in città, sia fuori città. Si conferma, quindi, una soluzione più flessibile.

I vantaggi delle auto ibride, a detta dei Fleet Manager, sono gli stessi delle auto elettriche, in particolare riduzione delle emissioni, ingresso nelle ZTL e responsabilità sociale d’impresa.

utilizzo auto ibride

FUTURO E OSTACOLI PER LE AUTO IBRIDE

Sulle auto ibride, i Fleet Manager hanno una posizione meno attendista: una buona percentuale degli intervistati (33%) ha intenzione di aumentare il numero dei veicoli ibridi nei prossimi 12 mesi. Non mancano però gli scettici: il 25% dei Fleet Manager che non ha veicoli ibridi non ha intenzione di inserirli nella flotta.

I motivi principali? In primis, i consumi autostradali: le auto ibride, infatti, portano un risparmio nei percorsi cittadini, quando vengono utilizzate in modalità elettrica, ma sulle lunghe percorrenze questo risparmio sembra annullarsi. Poi, la presenza sul mercato di pochi modelli e i canoni di noleggio troppo alti.

Futuro auto ibride flotte aziendali

LA RICARICA

Per quel che concerne la ricarica, infine, il ruolo delle Utility dell’energia appare ancora un po’ vacante: la percentuale dei Fleet Manager che dichiarano di aver stipulato accordi con le società di energia è solo del 16%.

Una buona percentuale di aziende (quasi la metà), però, dispone di prese di corrente e spazi per la ricarica.

CONCLUSIONI

Dalla survey Mobilità alla Spina emerge una conclusione importante: le aziende si confermano il volàno principale per la diffusione delle auto elettriche e ibride in Italia. 

Cosa manca serve per promuovere ancora di più l’elettrificazione? Certamente mancano gli incentivi, ma occorre anche stabilire una sinergia sempre maggiore tra i vari attori della filiera: Case auto, Fleet Manager, noleggiatori e società di energia. La strada, comunque, è tracciata.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia