Auto Europa 2018: Citroën C3 supera Stelvio e 5008

Citroen C3 è Auto Europa 2018 per la UIGA


Mais oui, la vincitrice del Premio Auto Europa 2018 è una francesina dal carattere deciso, Citroën C3. Il modello della Casa transalpina, il più votato dai colleghi iscritti all’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA), si è imposto con 293 voti, precedendo Alfa Romeo Stelvio (201) e, decisamente più staccata, Peugeot 5008 (81).

nuova Citroen C3 2017 servizio fotografico

Nella categoria delle “Sportive” è stata invece una lotta tutta italiana tra Ferrari, che si è assicurata il riconoscimento grazie alla 812 Superfast e Lamborghini con la Huracan Performante. A dividerle soli trentasei voti (264 vs 228) Terza la Porsche 911 GT3.

L’assegnazione del Premio Auto Europa 2018 ha concluso l’UIGA Day, la giornata riservata dal gruppo di specializzazione della Federazione Nazionale della Stampa (FNSI), alle ultime prove delle vetture finaliste.

Approfondisci: Leggi il nostro test al volante di Citroën C3

AUTO EUROPA 2018, LA CLASSIFICA FINALE

Cornice di questa edizione sono stati i dintorni di Villa Tuscolana a Frascati (RM), una dimora trasformata in struttura ricettiva alberghiera, il cui nucleo risale al secondo Cinquecento.

Le ventuno candidate, scelte tra i modelli più interessanti prodotti e commercializzati in Europa, e le tre sportscar arrivate alla stretta finale si sono contese la scena con il magnifico paesaggio della zona dei Castelli Romani, con il rombo dei motori a spezzare la quiete di un luogo altrimenti pressoché incontaminato.

Le finaliste del Premio Auto Europa 2018 organizzato dalla UIGA

Di seguito la Top 10 del premio UIGA “Auto Europa 2018”:

  1. Citroën C3
  2. Alfa Romeo Stelvio
  3. Peugeot 5008
  4. Ford Fiesta
  5. Range Rover Velar
  6. Toyota C-HR
  7. Volvo S90 e V90
  8. Nissan Micra
  9. Audi Q2 e BMW Serie5 (ex-aequo)
  10. Opel Insignia

CITROËN C3: UN MODELLO “UNCONVENTIONAL”

Il suggello della lunga giornata di natura e motori è stata la cena di gala che ha preluso alla proclamazione della preferita dalla stampa di settore riunita nel gruppo di specializzazione federativo.

È spettato a Elena Fumagalli, responsabile Comunicazione di Citroën Italia, salire sul palco e ritirare il riconoscimento assegnato alla C3, l’ultimo modello in ordine temporale a essere stato immesso sul mercato dal Brand transalpino (novembre 2016).

“Si tratta di una novità molto importante per noi – ha dichiarato al microfono di Fleet Magazine a margine del ritiro del Premio -. C3 ha incontrato l’apprezzamento da parte dei clienti privati, ma si presta sicuramente a un utilizzo anche nel mondo flotte. Oltre al design e allo stile immediatamente riconoscibile, un po’ fuori dagli schemi – ‘unconventional’, come è nel DNA del marchio -, offre tante tecnologie a bordo sin dal livello base”.

Gli interni della nuova Citroën C3 Aircross

Le dotazioni offerte su Citroën C3 sono “molto utili per una guida in totale sicurezza e in totale serenità”, ha aggiunto la responsabile Comunicazione del Brand francese, portando ad esempio i sistemi di avviso di superamento involontario della linea di carreggiata e di rilevamento dei limiti di velocità. “Si aggiungono poi una serie di  funzioni di assistenza alla guida che consentono un comfort e una sicurezza in ogni situazione”.

UN SUCCESSO DELL’AUTO E DELLA SQUADRA 

Vettura “audace”, dalla grande personalità, C3 trova nell’inserimento di Airbump una connotazione stilistica immediata. Un’importante innovazione ascrivibile al modello è rappresentata dal sistema “Citroën Connected Car”, che permette di registrare e scattare foto, condivisibili dai più giovani sulle piattaforme social.

Potersi fregiare di un “riconoscimento da parte della stampa italiana come il Premio Auto Europa 2018”, ha commentato Elena Fumagalli, “corona il successo di C3. Certifica sia le qualità della vettura, ma anche tutto il lavoro della squadra che lavora con me e che ogni giorno si impegna a far conoscere e apprezzare questo modello”, davvero amato nel nostro Paese se si considera che in classifica il mercato italiano viene immediatamente dopo quello francese.

“Anche quest’anno il Premio Auto Europa incorona una vettura dalle grandi potenzialità – ha dichiarato la presidente dell’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA), Marina Terpolilli – , in grado di vincere la sfida del mercato sempre più globale. Gli automobilisti non cercano più solo un prodotto che coniughi efficienza, affidabilità e sicurezza con il portafoglio, ma che interpreti il lifestyle in chiave tecnologica”.

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*