Perchè le auto ibride continuano a crescere?

A gennaio 2019 auto ibride hanno superato il 5% di market share. Un risultato che premia una crescita continua. Ecco le principali ragioni di un fenomeno evidente all'interno del mondo automotive.

Perchè le auto ibride continuano a crescere? La domanda è più che mai attuale, considerando il dibattito che si è creato attorno al futuro delle alimentazioni. Mentre il diesel, ingiustamente demonizzato, perde terreno, la benzina recupera terreno, l’ibrido sembra essere il vero boom all’interno dell’universo delle alimentazioni alternative

auto ibride Salone Parigi 2018

Qualche dato? A gennaio 2019, le auto ibride immatricolate sono cresciute del +17,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un numero ancora più interessante se si pensa al +51% del gennaio 2018 e alla quota di market share, arrivata al 5,1% del totale mercato. Anche il 2018 è stato un anno di grande sviluppo dell’ibrido, che ha superato in Italia le 87mila immatricolazioni, con una crescita del 30,5% rispetto al 2017

Approfondisci: scopri come funzionano le varie tipologie di motore ibrido

AUTO IBRIDE: IL GREEN BRIDGE

Dunque, perchè le auto ibride crescono? Il primo motivo è il cosiddetto green bridge. L’ibrido è il primo tassello nel ponte che conduce verso l’elettrificazione dei veicoli. Si tratta di una motorizzazione che abbina un motore termico con un motore elettrico e che, differentemente rispetto a quanto accade per gli EV puri, non comporta alcuna ansia da ricarica. 

Per questo, privati e flotte aziendali, specie coloro che vivono e lavorano in città, lo hanno scelto. Nei contesti urbani, il risparmio in termini di consumi e emissioni è evidente. Diverso è il discorso in autostrada, dove il motore a benzina fa indiscutibilmente da padrone. Ma per l’utilizzo quotidiano e cittadino, la soluzione ibrida è indiscutibilmente vincente.

UN’OFFERTA CHE CRESCE

Il secondo motivo che porta alla crescita dell’ibrido è, naturalmente, la crescita dell’offerta. Le Case automobilistiche devono rispettare limiti sempre più severi in termini di emissioni di CO2 e, per questo, puntano su modelli elettrificati. Lo abbiamo visto all’ultimo Salone di Parigi e lo vedremo al prossimo Salone di Ginevra

Leggi anche: diesel, benzina e alimentazioni alternative, quale futuro per le motorizzazioni?

Oltre all’ibrido puro, vera e propria bandiera, ad esempio, per un brand come Toyota, il fenomeno che sta crescendo esponenzialmente è quello dell’ibrido plug-in, ovvero l’ibrido ricaricabile che consente al veicolo di percorrere un maggior numero di chilometri in modalità completamente elettrica. 

Noleggio dei veicoli commerciali elettrici

LA NASCITA DEL MILD HYBRID

C’è poi un terzo fenomeno importante, che ha alimentato l’offerta: la nascita recente delle motorizzazioni Mild Hybrid, ovvero propulsori termici supportati da un generatore elettrico, che consente alla vettura di muoversi per inerzia, con il motore al minimo. 

Il cosiddetto ibrido leggero è una frontiera aperta per vari Costruttori (Audi e Kia sono due esempi lampanti), che consente a chi sceglie l’auto di ottenere le performance del motore termico, senza rinunciare ai vantaggi dell’omologazione ibrida.

I VANTAGGI DELLE AUTO IBRIDE

Quali sono, quindi, nel dettaglio i vantaggi delle auto ibride? Abbiamo approfondito questo tema all’interno della nostra survey Mobilità alla Spina e i plus ci sono stati indicati dai 60 Fleet&Mobility Manager che abbiamo interpellato.

Risparmio nelle emissioni, agevolazioni nella circolazione e responsabilità sociale di impresa sono i principali punti di forza. Rispetto all’elettrico, il vantaggio in termini di risparmio di carburante è minore, perché il saving viene percepito solo in città.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia