Auto a idrogeno: nuovi distributori ne incentiveranno la diffusione

Il ministero dell’Interno ha approvato le norme tecniche per la realizzazione dei distributori di idrogeno. Attualmente in Italia ce n’è solo uno, ma entro il 2025 ne sono previsti centinaia. L’anno scorso è stato anche dato il via libera al rifornimento di idrogeno a una pressione di 700 bar, per rispettare le specifiche richieste dal mercato.

Il momento delle auto a idrogeno sta per arrivare. Almeno così sembra. Il ministero dell’Interno, infatti, ha approvato un decreto che contiene le norme tecniche indispensabili per la realizzazione dei distributori di idrogeno.

auto fuel-cell

Attualmente in Italia, ce n’è solo uno, a Bolzano, ma nei prossimi anni, in teoria, è previsto un aumento vertiginoso delle stazioni di rifornimento per le auto a idrogeno. Se ne dovrebbero inaugurare centinaia, sulla carta.

Approfondisci: perché conviene l’auto a idrogeno?

AUTO A IDROGENO, ORA SI PARTE

Dopo la legge del 2016 sulle infrastrutture per i combustibili alternativi e, adesso, le norme tecniche per la costruzione dei distributori, la strada delle auto a idrogeno è in discesa. 

“Entro il 31 dicembre 2025, sarà realizzato un numero adeguato di punti di rifornimento per l’idrogeno, accessibili al pubblico, da sviluppare gradualmente, tenendo conto della domanda attuale e del suo sviluppo a breve termine, per consentire la circolazione di veicoli a motore alimentati a idrogeno, compresi i veicoli che utilizzano celle a combustibile”, stabilisce la legge.

Il nuovissimo Hyundai NEXO auto a idrogeno

D’altra parte, secondo molti studi, le auto a idrogeno rappresentano il futuro. La tecnologia fuel cell è già sviluppata, con il combustibile immagazzinato in un serbatoio pressurizzato e una cella per la produzione di energia elettrica direttamente a bordo del veicolo. 

Auto di questo tipo già esistono. Qualche esempio? Toyota Mirai, Honda Clarity, Hyundai Nexo e Mercedes GLC F-Cell

Leggi anche: quali sono i Paesi pionieri delle auto a idrogeno?

I VANTAGGI DELLE AUTO A IDROGENO

L’idrogeno ha alcuni vantaggi certificati. In primis, l’infinità disponibilità di materia prima, ovvero l’acqua. C’è poi la resa energetica. In un serbatoio pesante 125 kg e con 260 litri di capacità è possibile immagazzinare 6 chili di idrogeno compresso a 700 bar (grazie alla modifica normativa sulla pressione di rifornimento delle auto a idrogeno), in grado di fornire circa 200 kWh di energia e assicurare circa 600 km di autonomia.

Per stoccare metà di quest’energia in batterie agli ioni di litio, occorrono 830 kg di peso e 670 litri di volume, come indica il Quadro strategico nazionale sui combustibili alternativi.

Senza dimenticare che un serbatoio a idrogeno non si deteriora con il numero di cariche e scariche o con l’esposizione a temperature estreme.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia