B-Rent: nel 2018 proseguirà l’espansione nazionale

Nata nel 2011 a Napoli, B-Rent sta crescendo in maniera esponenziale nel mondo del noleggio a breve termine. E nel 2018 sono previste parecchie novità. A partire da un ampliamento dei punti vendita.

noleggio B-Rent

Tra i progetti del 2018, c’è un nuovo portale di B-Rent, per consentire di rendere ancora più semplice la prenotazione della vettura. Inoltre, l’azienda lancerà anche un nuovo servizio di web check-in, che permetterà al cliente di prenotare e ritirare l’auto senza dover fare code al desk. Last but not least, ci sarà un ampliamento dei punti vendita.

Approfondisci: la ricetta partenopea della società

B-RENT: NUOVI PUNTI SUL TERRITORIO

“Nel 2018 apriremo nuove stazioni, in particolare in due scali aeroportuali importanti (Catania e Roma Fiumicino) e in altrettanti poli ferroviari (Bologna e Firenze). Nel 2018, il nostro obiettivo è aumentare ulteriormente il fatturato del 150% e arrivare a gestire una flotta di 2.500 veicoli” spiega Maurizio Corvino, direttore commerciale di B-Rent.

Il mondo dell’elettrico rappresenta un’opportunità di sviluppo futuro. “Guardiamo questo ambito con attenzione – conclude il direttore commerciale -: difatti, nei mesi scorsi abbiamo promosso un progetto di car sharing a zero emissioni a Ischia, con il patrocinio di Enel”. Che nel corso del 2018 sarà replicato anche per la città di Napoli.

Leggi anche: il contributo del Gruppo Brasiello nell’apertura di Base ALD di Napoli

UNA CRESCITA COSTANTE

Negli ultimi tre anni, B-Rent ha incrementato parecchio i suoi numeri: ha infatti registrato un incremento del giro d’affari del 300%, con 6,8 milioni di euro di fatturato nel 2017.

“In questi cinque anni, ci siamo fatti strada e oggi copriamo quasi tutti il territorio nazionale – sottolinea – Contiamo di completare il nostro percorso di capillarità entro 24 mesi”. Non solo noleggio a breve termine, però. “Da qualche tempo abbiamo anche un team commerciale focalizzato sull’attività di brokeraggio nell’ambito del noleggio a lungo termine per conto dei principali player del settore” spiega Corvino.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia