Niente formule standard, la strategia di Locauto (Nlt e Rac)

Bilancio noleggio 2014 soddisfacente per Locauto, che ha incrementato sia il fatturato, sia il numero dei contratti. Merito di una strategia che prevede di “tarare” l’offerta in base all’esigenze delle aziende clienti.

LA STRATEGIA – “Possiamo affermare con certezza che il nostro 2014 è stato molto positivo – esordisce l’amministratore delegato, Agatino Di Maira – sia per quanto riguarda il fatturato, sia per quel che concerne il numero dei contratti. Rispetto al 2013, prevediamo dunque una crescita”. I numeri sono frutto di una strategia ormai consolidata, che consiste, sottolinea Di Maira, “nell’elaborare i contratti in base alle necessità dei clienti. In altre parole, non utilizziamo formule standard, ma andiamo a tarare i contratti stessi a seconda delle esigenze delle aziende che abbiamo di fronte. Un ‘modus operandi’ che ci sta premiando”.  E che, anche nel 2015, sarà al centro della filosofia di Locauto. “A tal proposito, stiamo cercando di perfezionare nuove tipologie contrattuali flessibili – rivela l’amministratore delegato -, che prevedono un’ulteriore apertura in termini di durata e chilometraggi, fino addirittura alla possibilità di sostituire la vettura nell’arco del contratto”.

LUNGO E BREVE TERMINE – Locauto, come sappiamo, conta anche su una divisione dedicata al noleggio a breve termine, che sta raccogliendo i frutti di una partnership stretta lo scorso anno con Enterprise. “L’accordo ci ha aperto nuovi orizzonti con aziende di caratura internazionale – osserva Di Maira -, ma, in generale, nel 2014 abbiamo riscontrato una ripresa da parte del comparto Business del Rac. In particolare, le imprese sono interessate ai contratti plurimensili, perché garantiscono ai clienti un canone equo per avere maggiore tranquillità in vista di un futuro che, in molti casi, presenta parecchie incertezze”.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia