20 Agosto 2018

Blocco diesel Euro 3 in Lombardia: ecco la nuova strategia antismog

Il Consiglio Regionale della Lombardia ha introdotto una nuova strategia antismog, una misura più stringente di blocco alla circolazione di tutti i veicoli diesel Euro 3, in vigore dal 1 ottobre 2018 al 31 marzo 2019 (lunedì-venerdì, 7:30-19:30).

inquinamento a Milano per smog

La nuova strategia antismog, oltre al traffico veicolare, coinvolgerà anche il riscaldamento domestico e le attività agricole e zoologiche, per garantire un intervento a 360° sul miglioramento della qualità dell’aria.

Approfondisci: dall’Euro 1 all’Euro 6 d-TEMP, guida alle classi ambientali

STOP CIRCOLAZIONE DIESEL EURO 3 DA OTTOBRE A MARZO

Il 2 agosto 2018 è stata introdotta dalla giunta della regione Lombardia la nuova misura antismog nel Piano degli Interventi sulla qualità dell’aria (PRIA).

La nuova misura restrittiva che prevede il blocco alla circolazione dei veicoli diesel Euro 3 dal lunedì al venerdì, nella fascia oraria 7:30-19:30, entrerà in vigore il 1° ottobre 2018 fino al 31 marzo 2019.

Low Emission Zone: i divieti per le auto diesel in Lombardia

Questa strategia sarà accompagnata da una serie di incentivi per rinnovare il parco auto,  il quale necessita di un aggiornamento e quindi sostituire i veicoli più inquinanti con mezzi e impianti che rispettino le nuove normative ambientali.

“Vogliamo aiutare i cittadini a intraprendere un percorso virtuoso, come libera scelta e non per costrizione. Per questo, piuttosto che vietare, preferiamo incentivare la sostituzione dei mezzi.”

Raffaele Cattaneo, assessore all’Ambiente.

DIVIETI E INCENTIVI

La nuova strategia antismog della regione Lombardia verrà applicata nelle zone più critiche ad alta densità urbana. Saranno infatti coinvolti 570 comuni, oltre ai capoluoghi di provincia.

Le limitazioni alla circolazione per i veicoli benzina e diesel entreranno in vigore nei seguenti periodi:

  • 1 ottobre 2018 – 31 marzo 2019, blocco dei veicoli diesel Euro 3 nei giorni feriali, dalle 7:30 alle 19:30
  • 1 aprile 2019 (sempre in vigore), blocco dei veicoli benzina Euro 0 e veicoli diesel Euro 1 e 2 nei giorni feriali, dalle 7:30 alle 19:30
  • 1 ottobre 2020 (sempre in vigore), blocco dei veicoli benzina Euro 1 e 2 e veicoli diesel Euro 4 (nel comune di Milano sarà in vigore già dall’autunno 2019)

Per quanto riguarda gli incentivi, il presidente della Lombardia Attilio Fontana ha manifestato la sua posizione molto chiaramente, spiegando come la qualità dell’aria sia un obiettivo primario, ma vengono considerate anche le abitudini e, soprattutto, le disponibilità dei cittadini. Proprio per questo motivo sono stati stanziati 7,8 milioni di euro di incentivi per migliorare il parco auto.

Leggi anche: perché è il momento di comprare auto diesel

Di questi fondi, 1,8 milioni di euro sono già disponibili per rottamare i veicoli più inquinanti, mentre i restanti 6 milioni di euro verranno utilizzati come incentivo sugli acquisti di nuovi veicoli a minore impatto ambientale, con relativa esenzione dal bollo per tre anni.

I veicoli che potranno usufruire degli incentivi sono:

  • elettrici
  • ibridi
  • Gpl
  • metano
  • benzina di ultima generazione

RISCALDAMENTO DOMESTICO E ATTIVITÀ AGRICOLE

La nuova strategia antismog non si limita a regolamentare la circolazione dei veicoli nei centri urbani, infatti, nella misura restrittiva verrà considerato anche il riscaldamento domestico e le attività agricole e zootecniche.

Il traffico veicolare, prendendo in considerazione i motori diesel, produce il 50% di ossidi di azoto e il 25% del Pm10 su scala regionale, nonostante per il CNR il gasolio inquini meno del benzina.  l riscaldamento domestico genera il 45% di Pm10 nella Regione.

Emissioni veicoli agricoli, nuova strategia antismog Lombardia

Il Conto Termico Nazionale ha messo a disposizione per i cittadini lombardi 500 milioni di euro per i privati e 200 milioni di euro per il settore pubblico, affinché si possa provvedere alla sostituzione degli impianti più obsoleti, in particolare quelli per la combustione di biomasse legnose.

La Regione metterà a disposizione risorse comunitarie del programma per lo sviluppo rurale, per migliorare e ammodernare le macchine e gli impianti delle aziende agricole e zootecniche, con una serie di incentivi per la sostenibilità.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia