23 Novembre 2020

A Gennaio ripartiranno i divieti di circolazione per i Diesel Euro 4

Dopo la proroga in seguito alle nuove misure di contenimento per la pandemia di COVID19, a partire da Gennaio ripartiranno le misure antismog che imporranno un divieto di circolazione alle auto diesel Euro 4, con possibilità di estenderlo anche ad Euro 5 ed Euro 6. Le regioni interessate sono quelle dell'area Padana (Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna) e l'area metropolitana di Roma, in Lazio.

Negli scorsi anni, le regioni dell’area Padana si sono abituate a sempre più frequenti blocchi per quanto riguarda la circolazione delle auto Diesel più datate. Con l’emergenza sanitaria, al fine di evitare l’uso dei mezzi pubblici e agevolare i lavoratori, i blocchi sono stati rimossi, ma solo per un breve periodo, nelle fasi più stringenti del lockdown.

Da Gennaio 2021 ripartirà il blocco auto diesel euro 4

Un temporaneo allentamento, quindi, delle misure per la riduzione delle emissioni nell’atmosfera, deciso a settembre da Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto (le regioni del Bacino Padano), che avevano concordato di posticipare il divieto di circolazione per i veicoli diesel Euro 4 al 1 gennaio 2021 (in origine, il blocco doveva partire il 1 Ottobre).

Manca circa un mese, quindi, al blocco ormai inevitabile nei confronti del gasolio. Ecco una panoramica dei blocchi  non solo nel Blocco Padano, ma anche nel Lazio, nella grande e trafficata area urbana di Roma.

Leggi Anche:  Fino a 1000 euro in meno all’anno con una sharing mobility più efficiente

BLOCCO DIESEL IN LOMBARDIA

Il blocco per le vetture diesel in Lombardia avrà inizio a partire dall’11 gennaio 2021, in concomitanza con il rientro dalle feste e quindi la ripartenza anche delle scuole e di altri settori, che di solito chiudono e sono fermi durante il periodo natalizio.

La Lombardia, però, non rende necessario l’acquisto di una nuova vettura: nasce, infatti, il progetto Move-In (Monitoraggio dei Veicoli Inquinanti), un esperimento che permette ai proprietari delle auto diesel fino ad Euro 4 senza Filtro Antiparticolato di avere una deroga ai blocchi a seconda dell’uso effettivo della vettura.

A Milano l'Area C è stata sospesa

In breve, si installa una scatola nera nel veicolo, che serve a rilevare i km percorsi grazie a un collegamento satellitare con una piattaforma specifica. Questa “Black Box” costa 50 euro il primo anno (20 euro del servizio + 30 di installazione), e 20 euro ogni rinnovo.

Leggi Anche: Area C sospesa e strisce blu gratuite: le nuove decisioni di Sala per Milano

COME FUNZIONA MOVE-IN

Move-In suddivide la Lombardia, e nello specifico l’area metropolitana di Milano in due aree:

  • Area 1, che comprende Milano, Brescia e Bergamo; i capoluoghi di provincia della Bassa Padana (Pavia, Lodi, Cremona e Mantova) e comuni di cintura; Comuni di Fascia 2 con più di 30.000 abitanti, tra cui Varese, Lecco, Vigevano, Abbiategrasso e San Giuliano Milanese.
  • Area 2, ovvero la zona più esterna che esclude tutti i comuni citati in Area 1, e include comuni con numero di abitanti inferiore ai 30.000 abitanti. 

Move-In agisce in modo da far circolare di meno chi inquina di più. Per esempio, le auto con diesel Euro 4 (che si potranno “iscrivere” dal 1 dicembre) hanno il permesso di percorrere non oltre 10.000 km all’anno,  fino a 5000 nel periodo tra il 1 ottobre e il 31 Marzo in tutta l’Area 1. 

L’iniziativa, inoltre, prevede anche di premiare alcuni comportamenti di guida di veicoli più inquinanti considerati virtuosi, aggiungendo dei km a quelli permessi dal piano base:

  • 0,2 km aggiuntivi per ogni km percorso su strade extraurbane.
  • 0,2 km aggiuntivi per ogni km percorso su autostrade con una velocità compresa tra i 70 km/h e i 100 km/h.
  • 0,1 km aggiuntivi per ogni km chilometro percorso su strade cittadine mantenendo uno stile di guida considerato ecologico. L’ecoguida considerata da Regione Lombardia prevede accelerazioni che non superino i 2 m/sq per ogni km percorso su strada urbana.

Per maggiori informazioni e per aderire, vi rimandiamo direttamente al sito ufficiale di Move-In.

BLOCCO DIESEL IN PIEMONTE

Anche in Piemonte scatteranno naturalmente i divieti di circolazione per le auto diesel più vecchie, in questo caso a partire dal 1 gennaio 2021 e fino al 31 Marzo 2021, in una fascia oraria compresa tra le 8.30 e le 18.30. La Regione ha infatti sospeso, dal 20 novembre, il blocco in vigore per le vetture diesel Euro 4 ed Euro 5, come si può leggere sul sito ufficiale.

inquinamento e auto elettriche

La Regione Piemonte ha, inoltre, rilasciato una lista completa dei territori comunali dove il divieto entrerà in vigore, oltre naturalmente al capoluogo Torino:

  • Beinasco
  • Borgaro Torinese
  • Cambiano
  • Carmagnola
  • Caselle Torinese
  • Chieri
  • Chivasso
  • Collegno
  • Grugliasco
  • Ivrea
  • La Loggia
  • Leinì
  • Mappano
  • Moncalieri
  • Nichelino
  • Orbassano
  • Pianezza
  • Rivalta di Torino
  • Rivoli
  • San Mauro Torinese
  • Santena
  • Settimo Torinese
  • Trofarello
  • Venaria Reale
  • Vinovo
  • Volpiano

Queste misure si aggiungono a quelle già in atto per i veicoli considerati più inquinanti, come Benzina, diesel, metano e GPL da Euro 0 a Euro 2, che sono fermi dal 1 ottobre. 

Leggi Anche: Qual è il legame tra Covid e inquinamento?

BLOCCO DIESEL IN EMILIA ROMAGNA

Anche in Emilia Romagna il blocco partirà l’11 Gennaio 2021, e rimarrà in vigore fino al 31 Marzo 2021. Il blocco, parte del Piano Aria della Regione, è suddiviso per province, in ognuna delle quali sono elencati i comuni in cui il Piano Aria sarà in atto:

  • Città Metropolitana di Bologna: Comuni di Bologna, Argelato, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo dell’Emilia, Imola, Ozzano dell’Emilia, San Lazzaro di Savena, Zola Predosa..
  • Provincia di Ferrara: Comuni di Ferrara e Cento.
  • Provincia di Modena: Comuni di Modena, Carpi, Castelfranco Emilia, Fiorano, Formigine, Maranello, Sassuolo.
  • Provincia di Piacenza: Comune di Piacenza.
  • Provincia di Parma: Comune di Parma.
  • Provincia di Reggio nell’Emilia: Comuni di Reggio nell’Emilia e Rubiera.
  • Provincia di Ravenna: Comuni di Ravenna e Faenza
  • Provincia di Forlì-Cesena: Comuni di Forlì e Cesena
  • Provincia di Rimini: Comuni di Rimini e Riccione.

Restano, invece, già in vigore tutti i divieti che riguardano le categorie di veicolo più inquinante, ovvero:

  • Benzina Euro 0 e 1
  • Diesel da Euro 0 a Euro 3 (compreso)
  • Ciclomotori e motocicli Euro 0

I blocchi sono in vigore dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30, e nelle “domeniche ecologiche” (due domeniche al mese con divieto di circolazione stabilite dalle ordinanze comunali).

auto elettriche e inquinamento

Il Piano Aria, inoltre prevede che se i limiti di PM10 saranno superati per tre giorni consecutivi, il blocco per i diesel Euro 4 scatterà subito e non a gennaio. Inoltre, a partire dall’11 Gennaio 2021 il divieto potrà estendersi anche ai diesel Euro 5, sempre se i livelli di PM10 saranno troppo alti.

Infine, il Piano Aria dell’Emilia Romagna prevede anche di dare ad alunni e studenti fino a 14 anni l’abbonamento gratuito a bus e mezzi pubblici (bus e treni) a partire dal 1 settembre di quest’anno e fino al 31 Agosto, e rinnovabile anche per l’anno scolastico 2021-2022. L’abbonamento gratuito è valido anche per gli spostamenti nel tempo libero.

Leggi Anche: Inquinamento e auto elettriche, lo studio Geotab sull’impatto ambientale dell’elettrificazione

IL BLOCCO DIESEL IN VENETO

Anche la Regione Veneto si rifà al Piano Aria concordato dalle Regioni del Bacino Padano, e anche in questo caso i blocchi sono slittati al 1 Gennaio 2021. 

In questo caso, però, alcuni Comuni hanno inviato sollecitazioni ai rappresentati regionali per annullare il divieto anche a Gennaio, per agevolare gli automobilisti e i lavoratori in difficoltà di spostamento per l’emergenza sanitaria e, quindi, alla capienza limitata dei mezzi pubblici.

Il Veneto sta quindi discutendo un nuovo rinvio, motivo per cui sapremo solo nelle prossime settimane se il blocco partirà a gennaio anche in questa Regione o no.

Leggi Anche: Buono Mobilità 2021: come funziona, a chi spetta, come ottenerlo

IL BLOCCO DIESEL IN LAZIO 

Anche il Lazio ha adottato misure di limitazione alla circolazione dei veicoli inquinanti,  focalizzata sulla Capitale. A Roma, infatti, sono già in vigore divieti agli spostamenti per auto diesel da Euro 0 a Euro 2, che in settimana non possono circolare all’interno della Fascia Verde. 

Il divieto, in caso di livelli di PM10 troppo alti, può essere esteso anche nel weekend, e dopo l’ottavo giorno può essere esteso anche ai diesel Euro 6, come è già successo all’inizio del 2020.

Le auto diesel Euro 3 hanno anche l’obbligo di rispettare il divieto circolazione in settimana nell’Anello Ferroviario, in fasce orarie che vanno dalle 7.30 alle 10.30 e dalle 16.30 alle 20.30.

La Fascia Verde vede anche dei divieti di circolazione di domenica, anche se in modo meno stringente rispetto a quanto visto per l’Emilia Romagna. Questo divieto va dalle 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30. Queste le domeniche interessate:

  • Domenica 24 Gennaio 2021.
  • Domenica 14 Febbraio 2021.
  • Domenica 14 Marzo 2021.

 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia