BMW elettriche alimentate da Northvolt, accordo da 2 miliardi di euro sulle batterie

Oltre CATL e Samsung SDI, BMW avrà Northvolt quale partner per la fornitura di celle per batterie di auto elettriche e ibride. La Gigafactory in Svezia darà le prime celle dal 2024 e avrà una produzione verde, con energia eolica e idroelettrica

Dopo l’investimento prodotto nel 2018, tra BMW e Northvolt arriva un accordo per la fornitura di celle per batterie da 2 miliardi di euro di volume equivalente. Si tratta di un impegno sul lungo periodo, progettazione necessaria per garantirsi l’approvvigionamento dell’elemento essenziale a supporto di una domanda di auto elettriche e, più in generale, elettrificate, prevista in continua ascesa.

Accordo BMW Northvolt batterie

BMW-NORTHVOLT ENERGIA EUROPEA

Si dovrà attendere il 2024 prima che su una BMW vadano pacchi batteria con all’interno moduli le cui celle saranno prodotte da Northvolt. Realtà svedese nata nel 2016, sarà a Skelleftea, nord della Svezia, che sorgerà la prima Gigafactory. E produrrà celle utilizzando esclusivamente energia green, dall’eolico e idroelettrica.

Approfondisci: Batterie “europee”, oltre 3 miliardi dalla UE

Un impegno che BMW ha chiesto anche a CATL e Samsung SDI, altri partner attualmente a fornire celle per la gamma di auto elettriche della casa di Monaco di Baviera. È un passaggio cruciale per abbattere le emissioni di Co2, valutate nell’intero ciclo vitale di un’auto a batteria. Basti pensare che il 40% di tali emissioni è prodotto in fase di realizzazione delle celle. 

MATERIE PRIME, COBALTO ESTRATTO ETICAMENTE

In un panorama dominato dai grandi player asiatici e con le materie prime saldamente in mano a paesi africani, oltre a miniere in Australia e in Sud America, l’impegno BMW sulla produzione di celle per batterie è verso la garanzia di un’estrazione etica del cobalto – e produzione di litio – che assicuri il rispetto degli standard ambientali e dei diritti umani, oltre a ridurre l’impronta di emissioni inquinanti dalle operazioni.

Approfondisci: Quanto inquina la produzione delle batterie

Ridurre la dipendenza da metalli rari, sempre il cobalto al centro, è fondamentale; resta un elemento essenziale per la produzione delle batterie, mentre il motogeneratore di quinta generazione di BMW, l’eDrive, su strada dal 2021, ne fa già a meno.

PRODUZIONE GREEN PER ABBATTERE LA CO2

batteria auto elettrica BMW

“Per dare un contributo effettivo alla protezione del clima, puntiamo a migliorare il bilancio ambientale generale dei nostri prodotti, dall’approvvigionamento al riciclo. Questo si applica in particolare alla produzione di batterie ad alto voltaggio ed energia intensa per veicoli elettrici. Perciò adesso abbiamo un accordo contrattuale con i nostri produttori di celle, che impiegheranno solo energia verde per produrre la quinta generazione di celle per batteria”, ha commentato il presidente del CdA del Gruppo BMW, Oliver Zipse.

Leggi anche: Come si misura il degrado delle batterie delle EV?

Quanto vale, potenzialmente, una condotta attenta nella produzione verde delle celle? All’aumentare dei volumi di produzione, si stima che nel prossimo decennio possano essere risparmiati 10 milioni di tonnellate di emissioni di Co2. BMW e Northvolt lavoreranno non solo in chiave di approvvigionamento delle celle ma anche su una progettazione ottimizzata delle stesse, mirata a un processo di riciclo e riutilizzo efficiente, una volta non più idonee ad alimentare auto elettriche.

BMW ELETTRICHE, I MODELLI IN ARRIVO

BMW i4 Concept 2020

Per Northvolt, svedese e con Gigafactory in fase di realizzazione nel Paese, c’è la cinese CATL che espanderà le attività realizzando un impianto in Germania, a Erfurt. Restano CATL e Samsung SDI i fornitori di celle nel breve-medio periodo, visto l’orizzonte posto oltre il 2024 per la fornitura Northvolt. Un lasso temporale che BMW prevede con volumi di vendita in Europa composti per un terzo da modelli elettrificati – ibridi ed elettrici puri –, in crescita dal 25% di stime sulla nuova flotta entro il 2021 e passaggio intermedio prima di un 2030 con previsioni di volumi nell’ordine del 50% realizzati con auto elettrificate.

I modelli in rampa di lancio, elettrici a batteria, sono numerosi. Basti dire della BMW i3 e della MINI Cooper elettrica già sul mercato, alle quali si affiancherà il suv BMW iX3 (scopri le soluzioni della X3 elettrica) nel 2021, anno in cui scopriremo BMW i4 e BMW iNext. Un’offensiva che si arricchirà ulteriormente, ad esempio con l’ammiraglia BMW Serie 7 di prossima generazione, destinata a essere BMW i7.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia