BMW iX3, il volto elettrico di X3 con un eDrive inedito

Tutta un'altra musica con BMW iX3, non solo per l'IconicSounds Electric. Il sistema eDrive di quinta generazione introduce al futuro prossimo dell'elettrico BMW i, che sarà di i4 e iNext

Inaugura un nuovo capitolo dell’offerta BMW i. Introduce una quinta generazione di eDrive inedita, BMW iX3. C’è la familiarità del suv medio per come lo conosciamo, al netto di variazioni estetiche rese possibili da una differente installazione ed esigenze di raffreddamento dell’elettrico.

BMW iX3

BMW iX3

Così, avanti con una calandra specifica, interamente chiusa, in più i dettagli blu, firma dell’elettrico BMW, sotto le portiere e al posteriore. Tra stile e funzione si fanno largo i cerchi in lega, da 19 o 20 pollici, di tipo aerodinamico.

La funzione sta in una riduzione del drag (la resistenza all’avanzamento del veicolo) pari al 5%, che genera maggiore efficienza complessiva, a sua volta tradotta in numeri, in autonomia supplementare: +10 km.

NUOVO EDRIVE DI BMW X3 ELETTRICA

Nel racconto di BMW iX3 diventa centrale, prima ancora del visibile, dello stile, ciò che è nascosto. Il gruppo motopropulsore, il sistema eDrive di quinta generazione, che sarà anche di BMW i4 e di BMW iNext, prossimi due modelli elettrici in arrivo nel 2021. Su strada, iX3 andrà da fine 2020 e inizialmente sul mercato cinese, per espandersi poi globalmente. Produzione sempre in Cina, da settembre da lì l’esportazione. In Italia, il prezzo di BMW iX3 sarà di 71.870 euro in allestimento Inspiring, 77.870 euro in allestimento Impressive.

Leggi anche: X1 xDrive25e, l’elettrificazione ibrida formato compatto

Fiore all’occhiello dell’eDrive BMW di quinta generazione sono due caratteristiche. La prima, l’integrazione in un unico alloggiamento del motore, dell’elettronica di potenza e della trasmissione, con chiari vantaggi in termini di compattezza e ingombri ridotti. La seconda, l’eliminazione di metalli rari dal motogeneratore.

BATTERIA E AUTONOMIA DI BMW iX3

Batteria di BMW iX3

Sul fronte della batteria, invece, si ha un accumulatore installato sotto il pavimento, in posizione centrale, da 400 volt di tensione e 80 kWh di potenza, 74 kWh effettivamente ricaricabili. Sono sufficienti a garantire un’autonomia di marcia di 460 km nel ciclo WLTP. Batteria ricaricabile da presa domestica con caricatore di bordo da 7,4 kW se collegata a punti monofase; l’alternativa ideale è nel Wallbox, trifase a corrente alternata e caricatore di bordo da 11 kW, dal quale in 7 ore e mezza si ha il 100% della carica.

Leggi anche: Prove di futuro, le caratteristiche della fuel cell BMW

Su strada, in viaggio, BMW iX3 può accedere a postazioni veloci, a corrente continua, fino a 150 kW, per operazioni che in 34 minuti assicurano l’80% della carica, 100 km in 10 minuti. Ad accompagnare la visione elettrica di BMW X3 sono i servizi BMW Charging Cards, ovvero, la possibilità di accedere a 450 mila punti di ricarica in tutto il mondo, oltre 150 mila in Europa.

INFOTAINMENT 7.0 CONNECTED CHARGING

Infotainment di BMW iX3

In chiave elettrica era necessaria un’ottimizzazione dell’offerta infotaiment, con il sistema 7.0 di BMW arricchito dell’indicazione dei punti di ricarica ottimali, lungo il tragitto, ai quali fare sosta per ricaricare la batteria. Il BMW Connected Charging opera dal display dell’infotainment come anche dalla app specifica per smartphone.

Il progresso tecnico compiuto con l’introduzione del nuovo sistema elettrico è nei numeri, che dicono di un +20% di densità energetica dalle celle della batteria e di un +30% di densità della potenza dall’intero gruppo propulsivo. Sebbene il peso della iX3 non sia indifferente, visti i 2.185 kg dichiarati, i diversi ingombri del motogeneratore e il posizionamento molto in basso della batteria, ha consentito di ridurre il baricentro di ben 7,5 centimetri se confrontato con una BMW X3.

BMW iX3, REGEN INTENSO O ADATTIVO

Se, da un lato, l’esaltazione dell’efficienza è la cifra del progetto, non mancano accorgimenti pensati per migliorare la dinamica di marcia, come le sospensioni adattive M, a richiesta. Sul primo aspetto, invece, l’elettronica è in grado, in modalità D, di variare in base al percorso e la carica della batteria, l’attuazione del recupero energetico o lo sfruttamento del coasting.

Recupero energetico di BMW iX3

Se il primo sappiamo come produca un effetto frenante dell’auto a beneficio della trasformazione di energia cinetica in energia elettrica per la batteria, il secondo predilige lo sfruttamento dell’abbrivio, riducendo proprio l’effetto frenante. L’alternativa, gestibile dal guidatore, è in una modalità B (Brake) nella quale si attua il recupero energetico più importante, fermo restando la possibilità di definire su tre differenti soglie di intervento l’intensità della frenata rigenerativa.

PRESTAZIONI DI BMW iX3

Snocciolati tutti i numeri più significativi, restano le prestazioni velocistiche di BMW iX3 da approfondire. Il motore elettrico sviluppa 286 cavalli, trasmette la coppia alle ruote posteriori (400 Nm) e permette un’accelerazione da zero a cento orari in 6”8 (equiparabile a una X3 30i), mentre la velocità massima è autolimitata a 180 km/h.

Leggi anche: Il rumore dell’elettrico, 8 sound per 8 modelli

Tra le chicche introdotte dal suv elettrico, la “prima” di BMW IconicSounds Electric. Siamo ben oltre i semplici e obbligatori alert acustici previsti per legge sulle elettriche. BMW ha definito delle sonorità che seguano la variazione di accelerazione e risposta del sistema elettrico, per dare un’impronta definita al proprio eDrive. Con la collaborazione del compositore Hans Zimmer, poi, all’accensione e spegnimento dell’auto si avrà un motivo specifico del modello.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia