14 Febbraio 2018

Bollo auto 2018, le regioni in cui le ibride non pagano

Bollo auto 2018: si tratta di uno dei balzelli più odiati dagli automobilisti, ma non tutti devono pagarlo. In base alla normativa nazionale, per le auto elettriche è prevista l’esenzione quinquennale dalla tassa automobilistica (a ciò si aggiungono ulteriori agevolazioni a livello locale, come la riduzione a un quarto dell’importo da versare).

pagamento del bollo auto 2018 vetture ibride

Per le auto ibride, invece, si procede per provvedimenti regionali, in assenza di disposizioni nazionali. Attenzione alla distinzione che fanno alcune regioni fra l’alimentazione benzina/elettrica e diesel/elettrica (quest’ultima quasi scomparsa). Quest’ultima, in alcuni casi, non rientra nelle agevolazioni.

Approfondisci: Tutto ciò che c’è da sapere sul bollo auto

BOLLO AUTO 2018

L’ELENCO DELLE REGIONI DOVE LE IBRIDE SONO ESENTATE

La tassa automobilistica è stata regionalizzata nel 1999 e diverse amministrazioni si sono mosse autonomamente per incentivare l’utilizzo delle auto ibride. Attualmente sono undici le regioni che prevedono agevolazioni o esenzioni del bollo auto 2018, con differenti modulazioni. All’elenco si aggiungono le due province autonome di Bolzano e Trento).

  • Basilicata: dal 1° gennaio 2015, la regione riconosce 5 anni di esenzione per le vetture nuove immatricolate dal 2015, con alimentazione ibrida benzina/elettrica o gasolio/elettrica.
  • Campania: i proprietari di auto con alimentazione ibrida benzina-elettrica, immatricolate per la prima volta, non sono tenuti a pagare la tassa automobilistica regionale per tre anni.
  • Emilia-Romagna: i veicoli ad alimentazione ibrida benzina/elettrica o gasolio/elettrica immatricolati per la prima volta tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2016, sono esentati dal pagamento del bollo auto per tre anni. Sono altresì esclusi i veicoli già immatricolati all’estero oppure in Italia fuori dal territorio regionale.
  • Lazio: il pagamento del bollo auto 2018 non riguarda i proprietari di auto di nuova immatricolazione con alimentazione ibrida benzina-elettrica. L’esenzione vale tre anni dalla data di immatricolazione.
  • Liguria: l’esenzione del bollo auto dura cinque anni e riguarda i veicoli nuovi, con alimentazione ibrida benzina-elettrica e gasolio-elettrica, immatricolati per la prima volta a partire dal 1° gennaio 2016.
  • Lombardia: per tre anni, riduzione del 50% riservata ai veicoli con alimentazione ibrida (benzina/elettrica o gasolio/elettrica) e dotati di strumentazione per la ricarica esterna, immatricolati dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020.
  • Marche: dal 1° gennaio 2017, i proprietari di auto ibride nuove con alimentazione benzina-elettrica o gasolio-elettrica, immatricolati per la prima volta nel corso del 2017, sono esentati dal pagamento della tassa automobilistica per sei anni.
  • Piemonte: dal 23 novembre 2017 le vetture ibride (alimentazione benzina-elettrica), con potenza uguale o inferiore a 100 KW, sono esentati dal pagamento del bollo auto per cinque anni, a decorrere dalla data di immatricolazione.
  • Puglia: sei anni di esenzione dal bollo auto per i veicoli nuovi appartenenti alle categorie M1 ed N1, immatricolati dal 1° gennaio 2014 con alimentazione ibrida benzina-elettrica e diesel-elettrica.
  • Valle d’Aosta: cinque anni di esenzione dal pagamento della tassa auto per le autovetture (categoria M1) e per gli autocarri con massa massima fino a 3,5 tonnellate (categoria N1) con propulsione ibrida termico/elettrica. I veicoli in questione devono essere immatricolati tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2019.
  • Veneto: i proprietari di veicoli ibridi (benzina elettrici o diesel elettrici) sono esentati dal bollo auto per tre anni a partire dalla data di immatricolazione.

Leggi anche: Il boom delle auto ibride in Italia e in Europa

LE ESENZIONI DEL BOLLO A TRENTO E BOLZANO

  • Provincia autonoma di Bolzano: i veicoli ibridi nuovi immatricolati in provincia di Bolzano sono esentati dal pagamento della tassa automobilistica per i primi tre anni. L’esenzione sale a cinque anni nel caso in cui le emissioni di CO2 non siano superiori a 30 g/km.
  • Provincia autonoma di Trento: i veicoli ibridi nuovi con alimentazione elettrico-benzina sono esonerati dal pagamento del bollo auto per i primi cinque anni dall’immatricolazione.
Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia