14 Febbraio 2020

Bollo auto ed ecobonus: due nuovi emendamenti cambiano la normativa

Approvati due nuovi Emendamenti del Movimento 5 Stelle relativi al settore automotive. Il gettito del bollo auto vine completamente destinato alle Regioni che lo riscuotono e la soglia massima di emissioni di CO2 per avere accesso all'ecobonus scende da 70 g/Km a 60 g/Km.

Sono state giornate di decisioni importanti per il mondo automotive. Alcuni emendamenti del Movimento 5 Stelle, relativi al decreto Milleproroghe approvato alla Camera, modificheranno alcune normative relative a questo settore.

LE REGIONI INCASSERANNO IL GETTITO DEL BOLLO AUTO

Il primo emendamento di cui ci occupiamo prevede che il gettito del bollo auto venga completamente destinato alla Regione che lo riscuote.

Bollo auto: il gettito sarà destinato alla Regione

Il nuovo emendamento, approvato dalle Commissioni Bilancio e Affari della Camera, va a modificare l’attuale normativa approvata nel 2007, secondo la quale parte del gettito deve essere incassato dallo Stato.

Approfondisci: come pagare il bollo a partire dal 2020

L’obiettivo alla base del cambiamento è di incentivare le Regioni a investire maggiormente sul proprio territorio.

ECOBONUS: SI ABBASSA LA SOGLIA DI EMISSIONI PER OTTENERLO

Un altro emendamento prevede la riduzione della soglia delle emissioni di grammi di biossido di carbonio per chilometro che dà l’accesso al bonus di 2.500 euro, promosso dalla manovra approvata a fine 2018, per la rottamazione dei mezzi inquinanti e l’incentivazione all’acquisto di veicoli green.

Leggi anche: Manovra 2019: i criteri per l’ecobonus

Secondo la vecchia normativa si aveva accesso all’incentivo con emissioni comprese tra i 20 g/Km e i 70 g/Km. Ad oggi la soglia minima è rimasta invariata a 20 g/Km, ma quella massima si è abbassata a 60 g/Km.

Il valore del bonus resta di 2.500 euro nel caso in cui venga rottamata un’auto inquinante, scende invece a 1.500 euro se non si dispone di alcun veicolo da rottamare.

elettrificazione del parco auto circolante italiano

L’emendamento prevede che le somme destinate agli incentivi che non verranno utilizzate durante l’anno corrente, vengano destinate all’anno successivo.

Inoltre, le cifre recuperate dal costo superiore delle vetture più inquinanti, verranno utilizzate per incentivare l’acquisto di auto elettriche o ibride.

Leggi anche: le auto elettriche del 2020

Un portavoce del Movimento 5 Stelle dichiara di essere molto soddisfatto per l’approvazione dell’emendamento poiché, stabilendo una soglia massima di emissioni inferiore, sia i produttori che i consumatori si orienteranno verso veicoli con un minor impatto sull’ambiente, cambiando la direzione del mercato. Quest’evoluzione permetterà al Paese di muoversi verso l’elettrificazione del parco auto circolante.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia