5 Febbraio 2019

Bosch, mobilità più sicura e flessibile in scena ai Torino Digital Days

Le soluzioni Bosch in punta di app, dall'accesso e condivisione dell'auto attraverso Perfectly Keyless al servizio di car-pooling SPLT, fino al Wrong Way Driver Warning, saranno protagoniste nel capoluogo piemontese

Quattro giornate per discutere di digital e mobilità, anche questo saranno i Torino Digital Days. Quattro giornate, dal 6 al 9 febbraio, che sul fronte dei servizi alla mobilità vedranno tre soluzioni targate Bosch raccontarsi al pubblico.

Bosch Perfectly Keyless

Una metamorfosi in atto, che trasforma la stessa automobile in dispositivo connesso di un ecosistema ampio, che integra veicoli e abitazioni, ad esempio.

Tre novità sviluppate da Bosch verranno illustrate l’8 febbraio, al Digital Hub del Teatro Vittoria di Torino. App per rendere più efficienti e flessibili gli spostamenti, più sicuri e più versatile la gestione del veicolo: che sia per un utilizzo personale o la gestione di una flotta ad accesso personalizzato.

UN’AUTO TANTI DRIVER: UN’APP SOSTITUISCE LA CHIAVE

E si parte dalla Perfectly Keyless per dire addio alla classica chiave. In auto si accede grazie a un’app per smartphone, in grado di aprire e chiudere il veicolo nonché di avviare il motore.

È il passaggio primo della mobilità condivisa, grazie alla possibilità di autorizzare l’accesso di altri soggetti diversi dal proprietario. Potenziale che si sviluppa appieno in presenza di flotte di veicoli da assegnare a soggetti diversi, con un controllo del driver e dell’utilizzo a portata di app.

LA CONDIVISIONE PASSA DA SPLT

Bosch car pooling SPLT

Servizi digitali, ancora con un’attenzione particolare alla condivisione, che passano anche dall’applicazione Bosch dedicata al car pooling, con la app SPLT, a collezionare le esigenze di più utenti con un medesimo tragitto da coprire, il “casa-lavoro” condiviso.

SICUREZZA, L’ALERT SUI VEICOLI CONTROMANO

Bosch Wrong Way Driver Warning

Terza soluzione che verrà illustrata a Torino, un sistema che meriterebbe di far parte dei dispositivi di sicurezza attiva obbligatori, visto il tasso di episodi che annualmente si verificano sulle strade. Il Wrong Way Driver Warning di Bosch è un ausilio in grado di avvisare il guidatore – e gli automobilisti nelle immediate vicinanze – della marcia contromano.

Leggi anche: Sicurezza, la guida autonoma è l’ultima frontiera?

Dati, per dire come in Germania, ogni anno, siano oltre 2.000 gli avvisi trasmessi dal servizio Bosch, integrato nell’app Antenne Bayern. Mediamente, gli incidenti con veicoli contromano si verificano dopo che gli stessi hanno percorso 500 metri in direzione errata.

DATI TRASMESSI SUL CLOUD, ALERT IN 10″

Con lo scambio dati gestito dal cloud Bosch, entro 10 secondi dal rilevamento del senso di marcia errato viene inviato un alert al guidatore e ad altri veicoli nell’area in prossimità del veicolo che procede contromano, fornendo indicazioni su come agire.

Approfondisci: ADAS, quali sono i più diffusi e come funzionano

Il cloud colleziona i dati sulla direzione di marcia del veicolo già in prossimità degli accessi e uscite dalle autostrade, raccolta in forma del tutto anonima, che viene confrontata con dati già memorizzati sulla corretta direzione di marcia sul tratto in esame. Qualora le due informazioni non coincidano scatta l’avviso di direzione contromano. Non appena la direzione di marcia del veicolo torna a essere corretta, l’alert viene meno.

Bosch è impegnata alla ricerca di collaborazioni in Italia con sviluppatori di app per smartphone che utilizzino un segnale gps per fornire gratuitamente il sistema Wrong Way Driver Alert.

Ai workshop e gli incontri dei Torino Digital Days, Bosch si presenta con 270 progetti sviluppati sul proprio cloud IoT, nel settore della mobilità, della domotica, delle smart cities e in ambito agricolo; soluzioni valse, nel 2018, la vendita di 52 milioni di prodotti connessi targati Bosch.

 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia