Cosa dice l’Art. 164 del Codice della Strada?

I giorni di stacco dagli impegni professionali a cavallo tra la ricorrenza della Liberazione d’Italia e la Festa del Lavoro hanno riportato in primo piano i contenuti dell’Art. 164 del Codice della Strada.

Appartiene alla macro-sezione relativa alle “Norme di comportamento” (Titolo V) e riguarda la “sistemazione del carico sui veicoli”. Entriamo però subito nel concreto dei contenuti della norma.

dati mercato auto luglio 2017

Leggi anche: Che cosa dice l’Art. 149 del Codice della Strada

COME VA SISTEMATO IL BAGAGLIO SULL’AUTO (1)

Sono principalmente otto le prescrizioni contenute da principio nell’Art. 164. Riguardano le modalità con cui deve essere posizionato il carico, ossia così da

  • evitarne la caduta;
  • impedire che sia disperso durante la marcia;
  • non limitare la visibilità per il driver;
  • lasciare libertà nei movimenti alla guida;
  •  non compromettere la stabilità del veicolo;
  • non mascherare dispositivi di illuminazione/segnalazione visiva;
  • non coprire le targhe di riconoscimento;
  • permettere di vedere i segnali fatti con il braccio.

Viaggio in auto, ecco cosa controllare

Nel caso di ingombri posti al di fuori dell’abitacolo del mezzo, il carico non può: a) superare i limiti di sagoma stabiliti dall’Art. 61 – b) sporgere longitudinalmente (in lunghezza, NdR) dalla parte anteriore del veicolo – c) sporgere longitudinalmente, qualora bene indivisibile, dalla parte posteriore per oltre 3/10 della lunghezza del veicolo stesso.

Leggi anche: Che cosa controllare sull’auto prima di mettersi in viaggio

COME VA SISTEMATO IL BAGAGLIO SULL’AUTO (2)

Nel guardare invece alla larghezza dell’auto, il terzo comma dell’Art. 164 prescrive che il trasporto di cose che sporgono lateralmente fuori della sagoma del veicolo è consentito “purché la sporgenza da ciascuna parte non superi 30 cm di distanza dalle luci di posizione anteriore e posteriori“.

Costituiscono eccezione pali, sbarre, lastre o “carichi simili difficilmente percepibili, collocati orizzontalmente“. È proibita la loro collocazione a sporgere lateralmente. Lo stesso principio è applicato agli “accessori mobili … nelle oscillazioni al di fuori della sagoma propria del veicolo“. Gli stessi “non devono strisciare sul terreno“.

dati mercato auto marzo 2018

Quest’ultima condizione, anche in presenza di sostegni parziali del carico da parte di ruote, ne impedisce il trasporto o il traino.

LE PRECAUZIONI PRESCRITTE DA ADOTTARE

Nel momento in cui la “cosa” caricata a bordo sporge oltre la sagoma propria del veicolo, oltre ad adottare “le cautele idonee ad evitare pericolo agli altri utenti della strada“, il proprietario del mezzo deve segnalare la sporgenza longitudinale del carico “mediante uno o due speciali pannelli quadrangolari, rivestiti di materiale retroriflettente, posti alle estremità della sporgenza in modo da risultare costantemente normali all’asse del veicolo“.

Leggi anche: Quali considerazioni sono emerse dal nostro workshop sulla sicurezza stradale

Caratteristiche e modalità di approvazione dei pannelli sono elencate nel regolamento. Il pannello deve essere conforme al modello approvato e riportare gli estremi dell’approvazione.

Previsioni mercato auto 2017 traffico strade

CHE COSA RISCHIANO I TRASGRESSORI

L’inosservanza di quanto indicato sinora comporta una sanzione amministrativa, una multa compresa tra 84 euro e 335 euro. In aggiunta, la disciplina della “patente a punti” comporta la perdita di tre “posizioni”.

Leggi anche: Che cosa è cambiato per l’invio delle multe stradali 

Il veicolo che non ha adempiuto alle presenti prescrizioni è inibito a mettersi in viaggio. Ecco perché gli agenti delegati al controllo della circolazione stradale, nel caso di veicolo a motore, sono autorizzati a procedere al ritiro immediato della carta di circolazione e della patente di guida.

Un controllo da parte della Polizia Stradale

Il veicolo fermato viene condotto, a cura degli stessi agenti, in “luogo idoneo per la detta sistemazione“. Lo spostamento del mezzo è citato nel verbale di contestazione della violazione.

Il trasgressore riceve indietro i documenti solo quando provvede a sistemare il carico in conformità alle norme contenute nell’Art. 164 del Codice della Strada. Le modalità per la resa sono indicate sempre all’interno del predetto regolamento.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia