Cosa dice l’Art. 193 del Codice della Strada?

L’Art. 193 del Codice della Strada regola l‘obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile.

Art 193 del codice della strada obbligo assicurazione auto

Non diciamo nulla di nuovo quando ricordiamo il contenuto del primo comma, ossia che “i veicoli a motore senza guida di rotaie”, compresi i filoveicoli e i rimorchi, “non possono essere posti in circolazione sulla strada” se manca la copertura assicurativa.

ART. 193 DEL CODICE DELLA STRADA

L’Articolo 193 del CDS, che esamineremo nel dettaglio in questa sede, è riportata sotto il Titolo V (“Norme di comportamento”). In particolare, parleremo di:

ASSICURAZIONE E RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI

Partiamo innanzitutto dal concetto di assicurazioni e responsabilità civile, la quale si richiama all’ambito giuridico e riguarda sul piano generale gli obblighi a cui è tenuto a sottostare chi abbia leso l’interesse di un soggetto terzo.

L’assicurazione di responsabilità civile verso terzi può legarsi alla salute della persona (lesioni a seguito di un incidente), così come di una sua proprietà (danni al veicolo).

assicurazione e responsabilità civile verso terzi

Postulata nell’Art. 2054 del Codice Civile, la responsabilità civile si è legata all’obbligo di sottoscrizione di una polizza assicurativa solo a seguito dell’approvazione della legge 24 dicembre 1969 n. 990, che nel 2007 ha ceduto il passo al nuovo Codice della Assicurazioni Private.

Leggi anche: cosa accadrà alle assicurazioni con la diffusione del Car Sharing

I danni causati a seguito di incidenti sono rifusi alla parte lesa dalla compagnia che ha in carico il responsabile materiale del sinistro (o, anche, direttamente dalla società che ha per cliente il danneggiato), avendo riguardo al tetto fissato per la quota risarcibile, il cosiddetto “massimale”, collegato in proporzione all’importo del “premio”.

LE SANZIONI PER CHI GUIDA SENZA ASSICURAZIONE  

Qualsiasi automobilista sorpreso su strada privo di copertura assicurativa, e quindi in contravvenzione con l’art 193 del cds, è chiamato a pagare una multa di importo considerevole, compreso tra 849 euro e 3.396 euro. Circolare senza assicurazione, o con l’assicurazione auto scaduta, quindi, può costare molto caro.

Ricordiamo che a far data dal 18 ottobre 2015 è stato abolito l’obbligo di esposizione del tagliando di assicurazione relativo alla RCA (Responsabile Civile Autoveicoli). I documenti ricevuti dalla compagnia assicuratrice devono comunque essere tenuti a portata di mano per i controlli da parte delle forze dell’ordine. Il tagliando non è infatti stato abolito, ma solo “dematerializzato“.

multa guida senza assicurazione

Gli importi della sanzione amministrativa sono ridotti di un quarto in caso di:

  • assicurazione resa operante nei 15 giorni successivi al termine, secondo il disposto dell’Art. 1901 cc;
  • comunicazione della volontà di demolizione del mezzo, avvio della procedura, radiazione (entro 30 dì dalla contestazione)

Il secondo scenario prevede che la persona soggetta a contestazione benefici della disponibilità del veicolo e dei documenti relativi “esclusivamente per le operazioni di demolizione e di radiazione del veicolo previo versamento presso l’organo accertatore di una cauzione pari all’importo della sanzione minima edittale prevista dal comma 2″.

La cauzione viene restituita a demolizione compiuta, trattenendo però il corrispettivo della sanzione amministrativa pecuniaria.

CHE COSA ACCADE ALLE AUTO SENZA ASSICURAZIONE

Secondo quanto formulato all’interno all’Art. 13, 3° comma, della Legge 24/11/1981 n. 689, le auto senza assicurazione vengono immediatamente sequestrate e trasportate in un luogo non di pubblico passaggio.

sequestro auto senza assicurazione

Nel caso in cui la persona soggetta a contestazione opti per il pagamento della sanzione in misura ridotta (vedasi al riguardo: Art. 202 del Codice della Strada), lo stesso sarà chiamato a corrispondere quanto richiesto per la copertura assicurativa per un periodo minimo di sei mesi. Gli saranno inoltre addebitate le spese di prelievo, trasporto e custodia del mezzo.

Giunti a questo passaggio, l’avente diritto può rientrare nella disponibilità del veicolo, circostanza di cui viene informato il prefetto, destinatario dell‘invio del verbale nel momento in cui il pagamento in misura ridotta non sia stato effettuato o non sia stato proposto ricorso entro i termini previsti.

Il documento costituisce titolo esecutivo ai sensi dell’Art. 203 del Codice della Strada. Il secondo scenario di cui sopra prevede la confisca dell’auto senza assicurazione, così come normato dall’Art. 213.

Il provvedimento amministrativo si dà sempre anche in caso di presentazione di assicurazione auto contraffatta, che comporta altresì la sospensione della patente per un anno.

COME AVVIENE IL CONTROLLO DI UN VEICOLO ASSICURATO

Oltre che attraverso i normali controlli su strada, il controllo di un veicolo assicurato (o meno) “può essere effettuato anche mediante il raffronto dei dati relativi alle polizze emesse dalle imprese assicuratrici con quelli provenienti dai dispositivi o apparecchiature di cui alle lettere e), f) e g) del comma 1-bis dell’art. 201“.

Leggi anche: Che cosa dice l’Art. 201 del Codice della Strada

Il soggetto individuato come sopra è invitato dall’organo di polizia a produrre il certificato di assicurazione obbligatoria.

controllo veicolo assicurato

L’accertamento della sua presenza su strada è appoggiata alla documentazione fotografica prodotta dai dispositivi o dalle apparecchiature richiamati in precedenza.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia