Chi è e come nasce Enel X

Enel X è la nuova divisione del Gruppo Enel, nata a novembre del 2017. L’obiettivo è quello di guidare la rivoluzione dei nuovi usi dell’energia, spianando la strada alla New Power Economy.

Un’azienda globale del settore dell’energia con una strategia aperta, improntata alla digitalizzazione, all’innovazione e alla sostenibilità: si tratta di Enel X, la nuova divisione del Gruppo Enel, nata a novembre dello scorso anno con l’obiettivo di guidare la rivoluzione dei nuovi usi dell’energia, aprendo le porte alla New Power Economy.

Attraverso una piattaforma di servizi aperta e flessibile, l’azienda è in grado di connettere ecosistemi urbani, distretti industriali, filiere produttive, esigenze di mobilità e singoli individui.

Enel X si propone di comprendere e soddisfare le esigenze dei clienti globali di Enel, esplorando le opportunità legate alle nuove tecnologie, per sviluppare prodotti innovativi centrati sui bisogni dei consumatori e le soluzioni digitali che possono soddisfarli.

L’OFFERTA

Enel X offre soluzioni rivolte a clienti commerciali e industriali, con una particolare attenzione verso servizi di consulenza, tecnologie legate all’efficienza energetica, soluzioni per la generazione distribuita e il Demand Response.

Per i clienti residenziali, Enel X offre impianti fotovoltaici e di climatizzazione di ultima generazione e caldaie ad alta efficienza energetica con servizi di installazione e manutenzione inclusi. In più, alle amministrazioni pubbliche e alle municipalità offre soluzioni per lo smart lighiting e la connettività, come l’offerta wholesale di servizi di fibra ottica.

Enel X auto elettriche

Grande attenzione anche alla mobilità elettrica, Enel X sta realizzando soluzioni che permettano ai possessori di veicoli elettrici di superare la paura di rimanere a secco di energia.

ENEL X, SOLUZIONI ECO-FRIENDLY

Per poter proporre servizi competitivi in questo ambito, Enel X ha acquisito EnerNOC (azienda americana leader nel settore del demand response) MotorWerks (startup californiana che gestisce ad oggi oltre 35.000 stazioni di ricarica residenziali per i veicoli elettrici e titolare della piattaforma di IoT JuiceNet, in grado di aggregare le batterie delle auto elettriche e gestirne le sessioni di ricarica in maniera intelligente) e, in ultimo, il 21% di Ufinet, con il fine di avviare il business della fibra ottica in America Latina

Grazie ad un’offerta differenziata e studiata su misura, il cliente residenziale e industriale può scegliere l’offerta più adatta alla proprie esigenze. L’impegno dell’azienda è rivolto anche alle grandi città, sviluppando sistemi di illuminazione intelligente che contribuiscono a rendere sempre più sostenibili, intelligenti e integrate le città in cui viviamo.

Leggi anche: Audi e-tron con Enel X per agevolare la ricarica domestica

LAMPIONI INTELLIGENTI

In questo campo, Enel X sta lavorando a progetti di riconversione dei lampioni, in primis con il nuovo prodotto JuiceLamp, che integra l’illuminazione pubblica con l’infrastruttura di ricarica per le auto elettriche.

Si tratta di un “lampione intelligentea LED che, oltre a garantire alta efficienza e gestione da remoto, dispone di due punti di ricarica per le auto elettriche ed è predisposto per la videosorveglianza, il monitoraggio della qualità dell’aria, la connettività in fibra e il WiFi urbano.

 

I led di Enel X vengono utilizzati non solo per offrire un’illuminazione più uniforme e d’impatto, ma anche per progetti di illuminazione artistica. Ne sono un esempio le luci per le bellezze storiche del nostro territorio, come il Parco Archeologico di Pompei, che dallo scorso luglio può contare su un percorso rimodernato che si illumina di notte grazie ai 430 nuovi punti luce a LED (garantendo un risparmio energetico di circa il 60%), o la Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, per la quale è stato realizzato un nuovo impianto di illuminazione interna.

Approfondisci: l’accordo tra Enel X e la Regione Lazio in nome della mobilità elettrica

TARGET

Enel X, in tema di mobilità elettrica, offre “intelligent charging solutions” per ogni tipologia di cliente e per ogni contesto: a casa, a lavoro e in mobilità.

L’azienda si pone l’obiettivo di diventare leader tecnologico nel settore e di promuovere una mobilità alternativa sempre più diffusa ed efficiente, con infrastrutture di ricarica intelligenti e tecnologie di Vehicle-Grid-Integration.

IL PIANO PER LE INFRASTRUTTURE DI RICARICA PUBBLICHE

A novembre 2017, a Vallelunga, è stato presentato il piano nazionale di infrastrutture di ricarica pubbliche che in pochi anni ambisce a coprire tutto il territorio nazionale, con l’installazione di circa 28.000 punti di ricarica entro il 2022, arrivando a una copertura capillare in tutte le regioni italiane e contribuendo alla crescita del numero di veicoli elettrici circolanti.

Nella realizzazione del programma, Enel X investirà fino a 300 milioni di euro per una rete capillare di ricarica che sarà composta da colonnine Quick (22 kW), nelle aree urbane, Fast (50 kW) e Ultra Fast (fino a 350 kW), per la ricarica veloce, in quelle extraurbane.

Tra queste ultime rientrano le stazioni di ricarica del progetto europeo EVA+ (Electric Vehicles Arteries), co-finanziato dalla Commissione europea e coordinato da Enel in collaborazione con l’utility austriaca Verbund e le case automobilistiche Nissan, Renault, BMW e Volkswagen.

auto elettriche ricarica

EVA+ prevede l’installazione di 200 stazioni di ricarica Fast, di cui 180 in Italia e 20 in Austria, lungo i corridoi autostradali.

Ad oggi sono più di 100 le “Fast Recharge” operative; le infrastrutture di ricarica (con tecnologia interamente sviluppata da Enel) che garantiscono una ricarica con potenza fino a 50 kW, sono compatibili con tutti i veicoli elettrici in commercio e nel rispetto dei più alti standard di sicurezza. L’elettrificazione delle strade è iniziata.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia