2 Aprile 2021

Come si legge la patente? Il significato di tutte le voci

Andiamo a vedere come si legge la patente, e qual è il significato di tutte le voci presenti su questo documento.

La patente di guida è, com’è noto, il documento che viene rilasciato in seguito al superamento di due esami di guida, e che permette di circolare autonomamente su strada con un veicolo a motore.

A parte la data di scadenza, è raro leggere la patente, ma possono capitare delle occasioni in cui serve una voce specifica che, puntualmente, non sappiamo riconoscere. Ecco quindi come leggere la patente di guida.

Leggi Anche: Dal 2022 potrebbero arrivare nuovi criteri UE per il rilascio della patente

COME LEGGERE LA PATENTE: LE NORMATIVE AGGIORNATE AL 2021

Complice il cambio del Codice della Strada e le nuove normative europee, la patente nel corso del tempo ha subito diverse modifiche per quanto riguarda fabbricazione e contenuto. 

L’attuale patente di guida in circolazione è nota come “modello MC 720P”, che dal 19 Gennaio 2013 viene distribuita ai cittadini in sostituzione della patente di guida MC 720/F.

Come in tutti i paesi europei, anche la patente di guida italiana sfrutta un sistema di punti che aumentano con il passare del tempo, e diminuiscono se si commettono infrazioni al Codice della Strada. Ogni cittadino può verificare il saldo dei punti della sua patente online, via telefono o anche tramite l’applicazione ufficiale.

Leggi Anche: Il significato dei cartelli stradali, divieto, indicazione, pericolo e obbligo

LEGGERE IL FRONTE DELLA PATENTE

La patente di guida è un documento di colore rosa con dati importanti sia sul fronte che sul retro, una struttura che riguarda le licenze di guida di tutti i Paesi dell’Unione Europea.

Nello specifico, la parte frontale è quella relativa ai dati della persona che possiede la patente. Per renderla leggibile, ogni voce è indicata da un numero e, in alcuni casi, anche da una lettera. Vediamo l’elenco completo del fronte della patente, con numeri e lettere:

  • 1. Cognome del proprietario;
  • 2. Nome del proprietario;
  • 3. Data e luogo di nascita del proprietario;
  • 4a. Data Rilascio della patente di guida (che NON corrisponde all’abilitazione, in caso la patente sia stata rinnovata per scadenza o smarrimento);
  • 4b. Data Scadenza della Patente di guida;
  • 4c. Ente di rilascio con relativo codice (può essere la Questura, al Motorizzazione o un Ufficio competente);
  • 5. Numero della patente;
  • 6. Foto del proprietario;
  • 7. Firma del proprietario;
  • 9. Categoria della patente (A, B, C e via dicendo).

Rinviati esami patente Coronavirus

Si sarà notato che nella patente di guida manca il numero 8. Un’assenza che non si deve a un errore di stampa, ma a un’evoluzione rispetto al vecchio modello. In precedenza, infatti, il numero 8 indicava anche l’indirizzo di residenza del proprietario, ma dal momento che il nuovo modello non prevede questo dato si è pensato di rimuoverlo del tutto.

Leggi anche: Art.186 Codice della Strada | Limiti tasso alcolemico: quali sono e che sanzioni sono previste per chi li supera

LEGGERE IL RETRO DELLA PATENTE

Il retro della patente di guida è forse la parte più difficile da comprendere. Questa sezione riporta solo i dati sulle 15 categorie di veicoli alla cui guida il cittadino può essere abilitato. Il retro, inoltre, riporta la data in cui è stata conseguita l’abilitazione e la prossima scadenza.

tipi-di-patente-categorie-italia

Anche in questo caso ci sono dei codici numerici:

  • 9. Categoria e Rappresentazione grafica di tutti i veicoli che si possono guidare con una specifica patente;
  • 10. Data del Primo rilascio della patente;
  • 11. Data di Scadenza della patente.
  • 12. Codici vari, dal diverso significato specifico per le condizioni del paziente. Per esempio lo “01” indica l’obbligo di guida con lenti correttive o occhiali da vista.

Leggi Anche: Rinnovo patente, la guida completa, costi, scadenze e sanzioni

LA SIGLA “MIT UCO”

Questa sigla non è tipica di tutte le licenze, ma solo per alcune. Indica, infatti, il “Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Ufficio Centrale Operativo“, ed è l’ente preposto per il rilascio di patenti in seguito a furto o smarrimento.

La sigla MIT UCO viene applicata su ogni patente “duplicata” rispetto all’originale rubato o smarrito. La sigla UCO viene ripetuta anche in precedenza del numero della patente, sempre per distinguere il duplicato dall’originale.

 

Leggi anche
Consigliati per te
Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia