Come si ricarica un’auto della Formula E?

Enel X fornisce soluzioni per la ricarica rapida delle auto di Formula E. Una strategia che fa parte dell’impegno dell’azienda nel mondo del Motorsport, come testimonia Lucio Tropea, Head of Global Marketing e-Mobility dell’azienda.

Come si ricarica un’auto della Formula E? Questa domanda, che viene spontanea guardando le vetture elettriche da corsa sfrecciare sui circuiti del Mondiale, trova una risposta nelle soluzioni di Enel X, che al suo interno ha una divisione dedicata proprio al Motorsport.

“L’unità di Motorsport è una divisione all’interno dell’e-Mobility che esplora le frontiere tecnologiche delle nostre soluzioni di ricarica” spiega Lucio Tropea, Head of Global Marketing di Enel X. Oltre alla Formula E, la società è partner anche della Moto E e della Smart E-Cup, competizione riservata al brand del Gruppo Daimler.

Enel X auto Formula E

ENEL X E LA FORMULA E

“Fin dall’inizio Enel X è stata partner della Formula E per lo sviluppo delle soluzioni tecnologiche per la ricarica delle vetture. Per noi rappresenta un’imperdibile opportunità per esplorare le soluzioni più avanzate sia in termini di potenza, sia di complessità, visto che l’intera infrastruttura viene naturalmente spostata, seguendo le varie tappe di Formula E in giro per il mondo” spiega Tropea.

Approfondisci: la guida completa alla stagione 2019

Le monoposto in gara durante il Mondiale di Formula E montano diverse tipologie di motori elettrici, ma hanno tutte la stessa batteria al litio da 54 kW, quindi è intuibile come necessitino di flussi importanti per essere ricaricate in maniera rapida.

Grazie all’Enel X JuicePump Formula E Edition, con una potenza di 80 kW, le vetture hanno la possibilità di rifornirsi velocemente e terminare la gara con una sola ricarica. Rispetto alla media delle altre infrastrutture, la JuicePump pesa la metà (circa 200 kg), quindi è facilmente trasportabile da un circuito all’altro, e offre all’incirca il doppio della potenza.

Lucio Tropea Enel X Formula E
“La tecnologia disponibile consente di ricaricare l’auto di Formula E in circa 45 minuti” rivela Tropea.

SOLUZIONI D’AVANGUARDIA

La partnership con la Formula E consente a Enel X (scopri di più sull’azienda) di affinare le proprie tecnologie, per poi declinarle alla ricarica delle auto elettriche, nel pubblico e nel privato. Nello specifico, i supercharger per le monoposto da gara sono costruiti integrando soluzioni tipiche delle stazioni di ricarica per la mobilità elettrica con quelle provenienti dal mondo dell’aeronautica e del MotorSport.

Leggi anche: Enel X, un’offerta commerciale completa per aziende e privati

“Si tratta naturalmente di soluzioni di ricarica dedicate: sviluppiamo tecnologie avanzate che, messe alla prova, poi vengono trasformate e applicate all’interno del nostro portafoglio di soluzioni di ricarica per il privato e per il pubblico” spiega Lucio Tropea.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia