29 Aprile 2020

Fase 2, mai più senza mascherina: la guida per usarla nel modo giusto (2)

La mascherina è il simbolo di questo particolare momento storico. Il suo utilizzo è imposto dalla legge e dal senso civico, impossibile uscire senza. Ma qual è il modo più corretto e sicuro di utilizzarla? Ecco la guida per usare la mascherina nel modo giusto.

LE DIVERSE TIPOLOGIE

Ci sono diversi tipi di mascherine, differenti per materiale, durata e grado di protezione. Non tutte le mascherine, infatti, proteggono allo stesso modo. Mentre quelle chirurgiche proteggono gli altri e non chi le indossa, quelle filtranti agiscono al contrario. Il fattore più importante per scegliere una mascherina è, soprattutto, il materiale.

come usare la mascherina

Mascherina chirurgica

Le “classiche” mascherine di tipo chirurgico, le più diffuse ed economiche, garantiscono la sicurezza di chi ci sta intorno. La mascherina chirurgica limita, infatti, il 95% del virus in uscita, bloccando la diffusione nell’ambiente di particelle potenzialmente infette. Quel che non fa è filtrare le particelle aeree di piccole dimensioni, che restano inalabili da chi la indossa. Seppur fornisce comunque una minima protezione (circa del 20-30%) da droplets pesanti. Per essere sicure, le mascherine chirurgiche, devono essere prodotte nel rispetto della norma tecnica UNI EN 14683:2019.

Mascherina in tessuto

Tra tutte, la mascherina di stoffa è quella che protegge meno chi la indossa. Soprattutto se il tessuto è sottile e dalla trama traspirante. Comunque, sempre meglio dell’utilizzo di sciarpe e foulard che, non aderendo bene al viso, hanno un potere filtrante quasi minimo per chi le indossa. Quella in tessuto, invece, funge, seppur debolmente, da barriera, trattenendo le particelle virali emesse da una persona malata.

come usare la mascherina

FFP1

La mascherina FFP1, con un’efficacia filtrante del 80%, rappresenta un’ottima alternativa alla chirurgica. Protegge soprattutto gli altri, ma in buona parte anche chi la indossa. Per mantenere la sua efficacia, però, vi sono alcuni accorgimenti da seguire. La FFP1 non è adatta se si ha la barba, perché non si adatta al viso come le altre. Ancor più importante è evitare le valvole, dalle quali può uscire materiale infetto se chi la indossa è positivo.

FFP2 e FFP3

Le FFP2 e FFP3 sono le mascherine più protettive, ma il loro utilizzo richiede attenzioni particolari. Per questo motivo, queste tipologie sono riservate al personale sanitario. Esistono infine mascherine chiamate P2 e P3, dall’efficacia filtrante analoga a quella delle FFP2 e FFP3 ma più pesanti e scomode da usare.

Leggi anche: Inutile viaggiare in auto con la mascherina

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia