Corporate Car Sharing di ALD Automotive: il modello italiano esportato in Europa

Nel mondo delle flotte aziendali, il servizio di corporate car sharing di ALD Automotive intercetta una domanda in cospicua crescita. Una storia di successo che dall'Italia si è allargata ad altri Paesi europei.

Come funziona e quali sono i risultati raggiunti dal Corporate Car Sharing di ALD Automotive? Abbiamo fatto il punto con Rino Di Loreto, International Innovation Account della società di noleggio.

UNA STORIA DI SUCCESSO

A 3 anni dal lancio del car sharing aziendale di ALD ora sono 2000 i veicoli in car sharing (200mila è la flotta circolante di ALD). È una storia di successo: “L’obiettivo è continuare a sviluppare il business aziendale inserendo anche nuove funzionalità”, commenta Di Loreto.  I principali vantaggi? La gestione operativa della flotta cambia e diventa interamente digitale, si riduce il  total cost of mobility e si soddisfano esigenze e richieste molto diverse. Ad esempio, la possibilità per il dipendente di usare l’auto anche in forma privata.

ESPORTATO ALL’ESTERO

ALD Automotive Italia è stata scelta dalla divisione internazionale del Gruppo Société Générale come promotore del progetto di car sharing aziendale. Un’operazione che ha avuto successo e si è allargata dalla grandi aziende fino alle realtà medio-piccole.  Oggi il corporate car sharing di ALD è disponibile in Germania, in Spagna, in Olanda e in Francia e  lo sarà a breve anche in Danimarca e in Norvegia.

Un modello vincente

Un modello vincente, che, come afferma Di Loreto: “Sposta il paradigma della mobilità innovativa nella realtà aziendale con uno strumento dedicato alle esigenze dell’azienda e dei dipendenti stessi”. Il car sharing  è uno dei fondamenti della mobilità sostenibile poiché si basa sull’uso dell’auto piuttosto che sul possesso: un trend in costante crescita che sta cambiando le abitudini degli automobilisti, grazie anche e soprattutto al noleggio a lungo termine.

RIDUZIONE DEL NUMERO DI AUTO

ALD Carsharing consente di risparmiare sui costi e diffondere impegno e consapevolezza ambientale. Un’auto condivisa riduce sensibilmente il numero di veicoli circolanti su strada. I dipendenti prendono l’auto soltanto quando hanno una reale esigenza di mobilità, riservandola esattamente come avviene per una sala riunioni.

Leggi anche: Auto elettrica: l’offerta a 360 gradi di ALD Automotive

Anche per spostamenti privati

ALD Carsharing

Tutto questo non solo nelle ore lavorative. Il dipendente può utilizzare il veicolo anche per i propri spostamenti privati – per raggiungere casa dal lavoro o per un fine settimana – riportandolo poi al punto di partenza. Grazie all’interessante funzionalità Multiparking è anche possibile concludere o iniziare i viaggi da altri parcheggi, privati o pubblici (sempre selezionati dall’azienda), come ad esempio stazioni o aeroporti.

COME FUNZIONA

Come funziona il corporate car sharing di ALD Automotive? Tutto è possibile grazie a una piattaforma digitale. Una volta che l’utente è registrato,  può prenotare un’auto o da web o da App, scegliendo quella più adatta alle proprie esigenze, indicando la tipologia di utilizzo, aziendale o privato. 

Ogni veicolo è equipaggiato con una specifica On Board Unit (OBU) che consente la comunicazione tra piattaforma e veicolo e permette il funzionamento del servizio. Il Fleet Manager ha sempre sotto controllo la flotta e può abilitare i driver e modificare i periodi di tempo dedicati a uso aziendale o privato. Allo stesso tempo può monitorare le distanze percorse, il livello di carburante e controllare quotidianamente il risparmio che consente questa soluzione.

 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia