Cosa si fa in un corso di guida sicura

Come si svolge un corso di guida sicura? Le attività possono essere strutturate in maniera diversa, ma uniscono sempre un momento formativo a uno ludico. Si tratta di un'esperienza da fare, soprattutto in ambito aziendale.

Partecipare ai corsi di guida sicura è un momento importante per le aziende e i Fleet Manager, con risvolti positivi da non sottovalutare. Abbiamo partecipato alla Ford Performance Driving University, con una mattinata di formazione dedicato alle aziende sul circuito Tazio Nuvolari di Pavia.  

CORSO DI GUIDA SICURA

Ford mette a disposizione una squadra di piloti professionisti, per illustrare e provare su pista le tecnologie di sicurezza attiva e passiva. Per i driver (che siano Fleet Manager,  commerciali di aziende di noleggio o altro) è l’occasione per conoscere meglio l’auto, in tutte le potenzialità, ma è anche un momento ludico.

Leggi anche: I corsi di guida sicura sono i principali alleati della sicurezza

LA PROVA DEGLI ADAS

Con gli istruttori si può testare il funzionamento dei diversi Adas, cioè i sistemi di assistenza alla guida. In questo caso, a bordo della nuova Ford FocusFord Co-Pilot comprende una gamma di tecnologie che lavorano all’unisono per rendere la tua esperienza di guida più confortevole e sicura. Tra questi abbiamo provato in particolare:

  • Adaptive Cruise Control (controllo adattivo della velocità) con frenata e ripartenza automatiche e mantenimento della corsia. Si distingue per la morbidezza della frenata, che il più delle volte è un dolce rallentare; la possibilità di scegliere da quale distanza cominciare a frenare; la capacità di leggere i segnali stradali (e quindi di diminuire automaticamente la velocità se la abbiamo impostata più alta del limite)
  • Il parcheggio semi automatico. Lo abbiamo provato sia per cercare parcheggio (procedendo lentamente è l’auto stessa che segnala un posto libero) sia per fare manovra.  Basta selezionare il lato della strada e il tipo di parcheggio desiderato, parallelo o perpendicolare, mettere il cambio automatico in N e aspettare che l’auto faccia tutto da sola. Si possono serenamente togliere le mani dal volante

Qui il nostro test drive della Focus:

SOTTOSTERZO E SOVRASTERZO

Un corso di guida sicura è l’occasione per sperimentare in sicurezza due fenomeni pericolosi: il sottosterzo e il sovrasterzo sono due fenomeni, che pregiudicano la direzionalità dell’auto che stiamo guidando.

Il sovrasterzo

Il sovrasterzo si verifica quando l’auto tende a chiudere la traiettoria nella stessa direzione della curva. Se, mentre chiudiamo la traiettoria, c’è una rapida perdita di aderenza delle ruote posteriori (ad esempio in caso di pioggia), si verifica un testacoda. Abbiamo provato questo fenomeno facendo drifting sul bagnato: accelerando in curva la perdita di aderenza è immediata. Per contrastare il fenomeno, su indicazione del pilota, lasciamo andare l’acceleratore, schiacciamo la frizione e controsterziamo.

Il sottosterzo

Il sottosterzo è il fenomeno opposto dell’auto che – in prossimità di una curva – tende ad “allargare” la traiettoria in direzione opposta. Anche in questo caso bisogna alzare il piede dal gas per recuperare aderenza.

Come schivare un ostacolo

Prima svoltare il volante e poi, subito dopo, frenare. Un Adas di Focus (che non abbiamo avuto modo di provare) aiuta in questa manovra per schivare ostacoli inaspettatamente fermi in mezzo alla strada.  L’Evasive Steering Assist, supporta il driver che interviene sullo sterzo per evitare l’ostacolo.

UN GIRO IN PISTA

E se invece eliminassimo dall’auto ogni tipo di assistenza alla guida, per trovarci a guidare una super sportiva? Nei corsi di guida si può fare anche questo. La Ford Performance Driving University consente di sperimentare la guida su pista di una Mustang affiancati da un pilota esperto, che spiega quando e come accelerare, frenare, dare gas. Perché si può divertire a correre, ma in pista e in sicurezza.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia