Ad aprile il mercato dell’auto rialza la testa: +1,59%

Ad aprile del 2019 il mercato dell'auto è tornato a crescere dopo un inizio d'anno in calo: +1,59%, con 175.049 unità. Cala il diesel, crescono le auto a benzina. Anche il noleggio, dopo un primo trimestre in calo, ha ripreso la sua marcia.

Il mercato dell’auto, finalmente, rialza la testa. Per la prima volta nel 2019, il settore delle quattro ruote fa segnare un risultato positivo: +1,59%, con 175.049 unità contro le 172.304 unità dell’aprile dello scorso anno. Un incremento di 2.745 unità, per di più determinato da tutti i canali di distribuzione (fonte: Dataforce). 

dati mercato dell'auto aprile 2019

Anche il noleggio, dopo un periodo in calo (scopri i motivi del rallentamento del renting a fine 2018), è tornato a crescere: ad aprile, il noleggio a lungo termine ha fatto registrare un attivo del +13,49% (oltre 27.000 vetture) e il noleggio a breve termine un incremento del +33,28% (oltre 29.000 vetture). Bene anche i veicoli commerciali, che hanno fatto segnare un +11,99%

Approfondisci: leggi i dati del mese di marzo

MERCATO AUTO APRILE 2019: ANDAMENTO PER CANALE

Il saldo del primo quadrimestre è positivo per i privati (+4,44%) e per le immatricolazioni delle società (0,42%), mentre il noleggio, in virtù del calo dei primi tre mesi, ha un saldo negativo: -7,19% per il noleggio a lungo termine e -6% per il noleggio a breve termine

In calo anche le autoimmatricolazioni: se quelle dei dealer, da gennaio a aprile, sono diminuite del -14,84%, quelle delle Case sono calate addirittura del -83,94%. 

ALIMENTAZIONI: GIÙ IL DIESEL, SU LA BENZINA

Ancora un calo per il diesel, che nell’ultimo mese ha diminuito le immatricolazioni del 18,47% rispetto a dodici mesi fa, mentre le auto a benzina crescono del +32,96%. Ormai, sottolinea Dataforce, si assiste a un progressivo avvicinamento delle due alimentazioni, con 83mila auto diesel e 79mila auto a benzina immatricolate.

auto diesel impatti penalizzazione

Le elettriche e le ibride, invece, sono cresciute all’interno del mercato dell’auto, anche per merito dellecobonus (scopri qui cosa pensano i Fleet Manager dell’incentivo): le auto elettriche hanno ottenuto un +294%, pari a 920 unità in più rispetto a aprile 2018, mentre le auto ibride hanno ottenuto un incremento di 29,83 punti percentuali, con 9.418 unità. Anche le auto ibride plug-in sono cresciute del 223,93%, ovvero 365 unità in più rispetto a un anno fa.

“Ad aprile è iniziato a farsi sentire l’effetto dell’eco-bonus, che ha consentito un’impennata delle vendite di auto elettriche (quadruplicate), ma che rimangono su livelli nettamente inferiori alla media europea. In forte aumento anche le immatricolazioni di auto ibride plug-in (triplicate), ma le statistiche indicano chiaramente che i numeri necessari a un reale svecchiamento del parco circolante non potranno essere raggiunti dall’attuale schema di bonus-malus”.
Salvatore Saladino, country manager di Dataforce Italia

VEICOLI COMMERCIALI

Rispetto a un anno fa, ad aprile i veicoli commerciali hanno ottenuto 1.448 immatricolazioni in più. Nel mese che ha chiuso il primo quadrimestre 2019 sono stati targati infatti 13.526 LCV fino a 3,5 t. Le immatricolazioni dirette dei privati (ditte e artigiani) e delle aziende rappresentano quest’anno il 64% delle vendite totali, mentre il noleggio a lungo termine dei veicoli commerciali ha raggiunto un market share di circa il 25%. (fonte: Dataforce).  

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia