Mercato auto Europa: una conferma dai dati di maggio 2017

Il segno “meno” associato allo scorso mese di aprile è un ricordo da ascrivere ai casi eccezionali e da circoscrivere alle condizioni uniche verificatesi nell’occasione.

La riprova è arrivata dai dati del mercato auto Europa a maggio 2017, così come diffuso da ACEA, che infatti è risultato in crescita. Un +7,7% – pari a 1.433.236 unità – che avvicina in termini di volumi la piazza continentale (i riscontri arrivano, lo ricordiamo, dai paesi dell’Unione Europea allargata e da quelli dell’area EFTA) ai livelli pre-crisi, ossia allo stesso periodo del 2007.

Leggi Anche: l’andamento del mercato auto in Italia nel mese di maggio 2017

Andamento positivo per quattro dei cinque “big market”. L’Italia ha registrato una performance tale da richiamare alla mente l’andamento delle vendite di nove anni fa. Nel gruppo la “maglia nera” è spettata al Regno Unito, dove gli acquisti di autovetture sono scesi dell’8,5% rispetto al mese di maggio 2016, mentre l’incremento più significativo è stato annotato in Germania, con un +12,9%.

MERCATO AUTO EUROPA A MAGGIO 2017

IL REGNO UNITO NON SI È RIPRESO

Il dato cumulato gennaio-maggio 2017 ha segnato 6.920.496 unità, in crescita – nel raffronto diretto con l’anno precedente – del 5,1%. Nel corso dello stesso periodo gli esemplari acquistati in Italia sono stati 948.051, pari a un +8,1%.

Come anticipato, l’unico paese in controtendenza rispetto ai cosiddetti “cinque mercati maggiori europei” è stato quello d’oltremanica, che ha chiuso in perdita anche sul progressivo (-0,6%). La flessione nel Regno Unito del mese scorso, la seconda consecutiva dopo quella di aprile, appare dovuta, nello specifico, come ha rilevato Aurelio Nervo, presidente di ANFIA, “all’effetto di attesa creato dalle elezioni generali di giugno, senza contare il naturale assestamento conseguente al boom delle immatricolazioni di marzo, con l’anticipo degli acquisti prima della riforma della tassa di circolazione annuale”.

Riflettori puntati anche sui paesi recentemente entrati sotto il cappello dell’Unione Europea, che hanno fatto registrare una crescita del 17,3% a maggio 2017 e una cumulata pari al 15,9%.

L’IBRIDO DOMINA ANCORA IL MERCATO

Lo scorso mese le auto vendute nel nostro Paese sono state 204.113. “Sfogliando” il dato in vari “petali” – per canali di vendita, alimentazione e marche in evidenza -, troviamo che l’incremento più significativo nel periodo è ascrivibile alle società (con esclusione però delle formule noleggio e leasing), con un +47,3%, mentre i privati sono cresciuti di uno 0,7%.

Marcia trionfale per le vetture ibride, con risultati in salita – nel mese e sul dato cumulato – rispettivamente dell’88% e del 63%. Sotto il segno positivo anche benzina (+8,1% a maggio 2017 e + 5,3% sull’intervallo da inizio anno) e diesel (+5,7% e +8,6%).

Mentre la richiesta di auto a GPL è salita lo scorso mese del 27% (+24% nel cumulato), non si è ancora arrestata la crisi che attanaglia l’alimentazione a metano, con perdite nell’ordine rispettivamente del 37% e del 40%.

Quanto alle vetture 100% elettriche, tra gennaio e maggio 2017 è stato rilevato un incremento del 34%, con una media di 150 esemplari acquistati ogni mese. Delle 787 vendute da inizio esercizio, 672 sono finite a società, con una quota interna destinata al noleggio pari a 282 unità, mentre solo 115 a privati.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia