28 Agosto 2012

Un messaggio ai concessionari: “Il noleggio ha bisogno di voi”

Oltre 4 milioni 300 mila piccole e medie imprese presenti sul territorio nazionale: è un numero impressionante e significativo quello che fotografa la situazione della struttura industriale italiana. Un numero che inevitabilmente coinvolge da vicino anche il comparto della distribuzione automobilistica: le pmi, infatti, oggi hanno sempre più necessità di vetture e servizi legati alla mobilità e il compito di offrirglieli spetta proprio ai concessionari. Per questo, il binomio tra i dealer e il noleggio a lungo termine, la formula che risponde meglio alle esigenze del settore business, è destinato a crescere esponenzialmente in futuro. Ne è convinta Aniasa, l’Associazione rappresentativa dei noleggiatori (leggi i dati dell’ultimo Rapporto dell’Associazione), che, attraverso la voce del proprio presidente, Paolo Ghinolfi, al Dealer Day di Verona 2011 ha lanciato un messaggio ben preciso: “Il noleggio ha bisogno dei concessionari!”.

 Il binomio tra concessionari e noleggio a lungo termine richiede la presenza di un “attore” fondamentale: le piccole e medie imprese. Dalla sua esperienza, queste ultime, oggi, hanno interesse per la formula del renting? 

“La risposta è indubbiamente sì. Si tratta ormai di una realtà quotidiana, caratterizzata da “accessi” al noleggio a lungo termine che avvengono attraverso “porte” ben precise, tra cui anche i siti internet e i social network. Le piccole e medie imprese cercano sempre più di entrare in contatto con gli operatori del noleggio a lungo termine: lo fanno perché sentono il bisogno di servizi integrati, da accompagnare alla pura acquisizione dell’automobile”.

Prossimità e presenza sul territorio: sono questi i concetti chiave attraverso i quali i concessionari possono “alimentare” il mercato nel noleggio a lungo termine?

“Il concessionario, innanzitutto, tramite la presenza sul territorio, può alimentare il suo mercato di riferimento: come è intuibile, infatti, in prima battuta, il dealer deve sviluppare la sua attività. Allo stesso tempo, però, riteniamo che l’attenzione dei clienti titolari di partita IVA sia sempre maggiormente rivolta a quei servizi integrati di mobilità che vengono forniti dal noleggiatore a lungo termine. Servizi che sono indispensabili per le loro esigenze, perché i professionisti, ormai, non viaggiano solo su un territorio circoscritto, ma, in generale, in tutta Italia e in Europa. Quindi, crediamo che sia importantissimo creare un binomio tra la capacità delle società di renting di fornire questi servizi e la relazione già esistente tra il concessionario e il cliente. Un triangolo virtuoso tra il dealer, il noleggiatore e il cliente stesso consentirà certamente una maggiore penetrazione sul target delle 4 milioni 300 mila piccole e medie imprese presenti sul territorio e, di conseguenza, porterà a una crescita del mercato”.

Quindi, l’obiettivo è creare una sinergia sempre maggiore tra noleggiatori e concessionari?

“Assolutamente sì. Si tratta di un ciclo virtuoso, che oggi non può più prescindere da una relazione stretta tra le parti e, soprattutto, dal rispetto che il noleggio a lungo termine deve avere verso il concessionario, il suo mondo, la sua identità, la sua realtà. Che, ovviamente, è caratterizzata da diversi aspetti: il Salone, l’Officina, il Magazzino Ricambi e, soprattutto, la relazione di lunga data con il cliente. Fermo restando questo approccio di rispetto, i noleggiatori possono offrire ai dealer alcuni valori aggiunti, da quello finanziario a quello dei servizi collaterali. La sinergia consentirà di costruire un’offerta di grande appeal per il cliente, lo porterà a sostituire più rapidamente il proprio parco vetture, e, di conseguenza, potrà contribuire alla crescita di tutto il settore auto, non solo del comparto del noleggio”.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia