Effetti del post-Covid: più traffico veicolare in 16 Paesi europei su 19

Se durante il lockdown i trasporti su strada sono crollati ovunque, in luglio sono ripresi a pieno ritmo, a livello superiore del pre-pandemia.

I Paesi europei si stanno affidando al trasporto su strada più che mai, è uno degli effetti del Covid. I dati sul traffico misurati a luglio da Inrix (multinazionale che fornisce dati e analisi basati sulla posizione, come traffico e parcheggi) indicano che il numero delle miglia percorse ora è superiore ai livelli pre-pandemia in 16 Paesi europei su 19 (fonte: FleetEurope).

crescita del traffico

LA CRESCITA DEL TRAFFICO

Solo Belgio, Irlanda e Regno Unito vedono i loro livelli di traffico minori rispetto al pre-Covid. Tutti gli altri hanno visto un incremento dei veicoli sulla strada, a volte contenuto, altre piuttosto spinto.

In Francia, ad esempio, le miglia percorse misurate l’8 luglio 2020 sono state il 144% rispetto ai livelli pre-pandemia. Il 30 marzo, giornata di traffico più bassa registrata durante l’emergenza Covid, erano il 22% di una giornata di traffico normale.

Nel clou della crisi, il traffico in Spagna si sera ridotto al 12% dei livelli normali, ma in giugno è ripreso a quota 116%.

In Italia, il picco della crisi si è registrato il 23 marzo, con il traffico ridotto al 24%. Adesso la quota è risalita al 111%.

Leggi anche: Traffico più che dimezzato nell’Italia del Lockdown. Tutti i dati.

DATI SUL TRAFFICO EUROPEO (Vehicle Miles Travelled)

Paese Data in cui si sono raggiunti i valori più bassi Valori più bassi raggiunti Traffico attuale (8/7/2020)
Austria  23/3/2020 21% 108%
Belgio 30/3/2020 25% 95%
Rep. Ceca 30/3/2020 40% 128%
Danimarca 30/3/2020 44% 131%
Finlandia 30/3/2020 35% 130%
Francia 30/3/2020 22% 144%
Germania 30/3/2020 40% 104%
Irlanda 6/4/2020 27% 89%
Italia 23/3/2020 24% 111%
Lussemburgo 30/3/2020 25% 109%
Norvegia 23/3/2020 53% 123%
Polonia 13/4/2020 35% 126%
Portogallo 6/4/2020 22% 101%
Russia 30/3/2020 62% 122%
Slovacchia 6/4/2020 33% 137%
Spagna 6/4/2020 12% 116%
Svezia 30/3/2020 56% 113%
Svizzera 23/3/2020 43% 102%
UK 6/4/2020 26% 83%

LE CONSEGUENZE

I dati Inrix sono anonimizzati e basati su centinaia di milioni dii viaggi effettuati ogni giorno da driver privati, flotte e camion in Europa e Usa. Questi dati aiutano i Fleet Manager, le autorità cittadine e chi si occupa di trasporto stradale a capire esattamente cosa avviene lungo le strade.

Il distanziamento sociale e la paura del diffondersi del virus sul trasporto pubblico spingono molte persone a preferire spostarsi sull’auto a uso privato.

Leggi anche: Quanto è migliorata la qualità dell’aria con il lockdown?

La crescita diffusa dei volumi di traffico causa allarme fra i politici e chi deve pianificare il sistema dei trasporti, che speravano nel post-Covid di adottare un sistema più sostenibile e con meno emissioni, molto basato sulla micromobilità.

 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia