13 Ottobre 2020

Nuovo Dpcm 13 ottobre: cosa cambia nei viaggi in auto

Le restrizioni del Dpcm del 13 ottobre: mascherina anche in casa, niente basket né calcetto, stretta sui locali dopo le 21 e niente gite scolastiche. E nei viaggi in auto? La stessa prudenza di sempre.

Nuova stretta del governo per limitare i contagi da Covid-19. Emanato un nuovo Dpcmrivisto e approvato dal comitato tecnico scientifico – con regole più rigide di quelle in vigore fino a ieri. L’obiettivo principale sembra essere la vita sociale e mondana, ma nuove regole spuntano anche per scuola e attività sportive.

dpcm 13 ottobre regole trasferte

Si attendono adesso le decisioni dei singoli governatori, cui è concessa la possibilità di firmare ordinanze più restrittive rispetto a quelle governative, in accordo con Roma. Solo proposte e raccomandazioni, invece, per quel che riguarda scuola e lavoro. Anche per i viaggi in auto, non serve che mantenere la solita prudenza.

UFFICIO E VIAGGI DI LAVORO: COSA DICE IL NUOVO DPCM

Per quel che riguarda il settore del lavoro, poco e niente. Il comitato tecnico scientifico aveva suggerito di portare dal 50 al 70% la quota di lavoro a distanza, ma il governo ha preferito non stabilire regole ferree a riguardo. Si raccomanda che le attività professionali «siano attuate anche mediante modalità di lavoro agile», a discrezione del datore di lavoro.

dpcm 13 ottobre regole viaggi in auto

Nessun limite neppure per quel che riguarda business trip e trasferte. Le regole restano quelle cui ci si è abituati ormai da mesi. Mascherina obbligatoria sui mezzi pubblici, invito a disinfettare le mani spesso e volentieri e a evitare assembramenti. Quando si è in auto da soli la mascherina non è necessaria, diventa obbligatoria se si viaggia assieme ad altri passeggeri, a meno che non si tratti di congiunti. Invariato anche il numero consentito di persone a bordo: due per city car e berline (guidatore più passeggero sui sedili posteriori), il numero può aumentare nelle vetture più capienti, a patto che si mantenga almeno un posto di distanza tra un passegero e l’altro.

Approfondisci: L’auto ai tempi del Covid-19: tutte le regole per muoversi in Fase 2

Le regole per feste e locali

Si potrà continuare a festeggiare matrimoni e ricorrenze, a patto che gli invitati non superino il numero di 30 e che siano tutti seduti al tavolo del ristorante. No a ricevimenti nei locali pubblici e nelle discoteche. Anche in casa, è auspicato il limite di non più di 6 ospiti. Le attività di ristorazione avranno il coprifuoco alle 24.00, che si anticipa alle 21.00 in assenza di servizio al tavolo (consentito però l’asporto). Dopo le 21.00 è vietato restare fuori dai locali, a meno che non si stia seduti al tavolo.

Leggi anche: La guida per usare la mascherina nel modo giusto

Scuola e attività sportive

Nessun ritorno alla didattica a distanza, almeno per il momento. Sospese, però, tutte le attività fuori sede: viaggi di istruzione, gite scolastiche, visite guidate e iniziative di scambio o gemellaggio. Vietati anche tutti gli sport di contatto. Stop, dunque, a partite di calcetto e basket tra amici. Le palestre restano aperte, così come gli stadi, con un limite massimo di 1.000 spettatori per una percentuale di riempimento del 15%.

 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia