14 Gennaio 2021

Nuovo Dpcm 16 gennaio: vietati gli spostamenti tra regioni

Da sabato 16 gennaio mezza Italia sarà in zona arancione. Vietati in ogni caso gli spostamenti tra regioni, anche in area gialla. Prolungato anche lo Stato d’Emergenza. Tutte le norme e i divieti del nuovo Dpcm.

Il Consiglio dei Ministri convocatosi nella serata di ieri, mercoledì 13 dicembre, ha approvato il nuovo decreto legge contenente le “Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e prevenzione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 e di svolgimento delle elezioni per l’anno 2021”.

nuovo-dpcm-regole

Il nuovo Dpcm entrerà in vigore il 16 gennaio e sarà valido fino al 5 marzo, mantenendo le principali misure del decreto attualmente in vigore, ma con un abbassamento delle soglie per l’inserimento delle regioni in zona arancione o rossa. In attesa della nuova colorazione territoriale – che sarà valida da domenica 17 gennaio – ecco tutte le nuove regole del decreto.

Approfondisci: Le norme contenute nel precedente Dpcm

NUOVO DPCM: TUTTE LE REGOLE

Spostamenti ridotti

Vietati, in tutte le zone, gli spostamenti tra regioni e province autonome, tranne che per comprovate esigenze di lavoro o necessità ovvero per motivi di salute. All’interno delle regioni in area gialla ci si potrà spostare da un comune all’altro, mentre è vietata l’uscita dal proprio comune in area arancione e rossa.

nuovo-dpcm-16-gennaio

Sono in ogni caso consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore ai 5.000 abitanti, per una distanza massima di 30 chilometri dai confini e mai verso i capoluoghi di provincia. Resta sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Sono consentiti gli spostamenti verso le seconde case, anche in altre regioni, in qualsiasi fascia.

Sì alle visite ma ristrette

Il nuovo Dpcm proroga la norma in vigore durante le festività natalizie. È consentito dunque lo spostamento verso una sola abitazione privata, una volta al giorno, tra le 5:00 e 22:00, in un massimo di due persone oltre i conviventi, ai minori di 14 anni e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi. Le visite possono avvenire all’interno della stessa regione in area gialla, dello stesso comune in area arancione e rossa – salvo le eccezioni previste per i comuni fino ai 5.000 abitanti.

Leggi anche: Dalla mascherina alla mobilità in auto, come è cambiata la nostra vita dopo il Covid

La nuova area bianca

Si abbassano i criteri per far scattare l’ingresso nelle fasce che prevedono ulteriori restrizioni e divieto. Fino ad oggi, si entrava in zona arancione in caso di Rt pari a 1 e in zona rossa con Rt pari a 1,25. Dal 16 gennaio, la zona arancione scatterà «secondo la medesima procedura ed in presenza di una analoga incidenza settimanale dei contagi, anche nelle regioni che si collocano in uno scenario di tipo 1 e con un livello di rischio alto».

nuovo-dpcm

Il nuovo Dpcm istituisce poi una cosiddetta area bianca, dove non si applicheranno le misure restrittive previste dal Governo nelle altre aree. Potranno entrare in zona bianca le regioni con uno scenario di tipo 1, un livello di rischio basso e una incidenza dei contagi inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti per 3 settimane consecutive.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia