DS: le novità che avremmo visto al Salone di Ginevra 2020

Al Salone di Ginevra DS avrebbe svelato la grande berlina business DS 9 E-Tense e un concept elettrico, DS Aero Sport Lounge con tratti della futura produzione di serie e interni estremamente curati e ricchi

Nella galassia PSA, più di altri, è il marchio deputato al premium. Finora, due suv sul mercato, ai quali si affiancherà DS 9 E-Tense. E’ la grande novità di prodotto che DS ha presentato questo pomeriggio e che avrebbe dovuto presentare al Salone di Ginevra 2020, insieme a un futuristico concept, DS Aero Sport Lounge.

DS: LE NOVITÀ CHE AVREMMO VISTO A GINEVRA 2020

DS alla “prova del nove”, perché debutta in un segmento di mercato al quale, negli anni scorsi, ha strizzato l’occhio con affascinanti shooting brake rimaste concept car.

DS 9 E-Tense

Entra nella partita delle grandi berline business, modelli caratterizzati dall’esaltazione del comfort di marcia e l’offerta di soluzioni elaborate all’interno.

DS 9 E-TENSE

L’uscita sul mercato prevede l’avvio della commercializzazione dalla Cina, nella prima metà del 2020, per proseguire poi in altre aree, Europa inclusa.

DIMENSIONI DI DS 9

Nasce su architettura EMP2, la stessa di Peugeot 508 (leggi come va su strada il diesel 180 cv), ad esempio. È inedito, però, l’ampliamento del passo fino al dato di 2,90 metri, in rapporto a ingombri in lunghezza pari a 4,93 metri Si colloca su valori simili a quella che può considerarsi il riferimento nel segmento E: Mercedes Classe E (4,92 metri per 2,94 di passo). In larghezza, DS 9 misura 1,85 metri.

Leggi anche: Classe E, 7 giorni al volante dell’ibrida diesel

DESIGN, UN TOCCO DI DÉESSE

Proporzioni sulle quali l’interpretazione stilistica vede un esteso utilizzo di cromature, sul frontale tra calandra e inserto sul cofano, al posteriore nel raccordo dei fari, lungo la cornice dei finestrini. Non manca un omaggio alla DS delle origini, sotto forma di luci led installate sul montante posteriore, a evocare le frecce della “Dea” del 1955.

Leggi anche: Le novità DS in arrivo nel 2020

Stile improntato a un’eleganza di fondo necessaria per le berline di rappresentanza. Dettagli come le maniglie a filo con la carrozzeria, le lavorazioni dei fari posteriori con sfaccettature multiple, le luci diurne a led anteriori a creare un legame con gli altri modelli della gamma DS. Sono i punti focali dell’estetica.

INTERNI DI DS 9 E-TENSE

Interni di DS 9 E-Tense

Si apprezza al meglio, tuttavia, l’unicità del marchio parigino salendo a bordo. Gli interni di DS 9 offrono un senso di opulenza che è nell’abbinamento dei materiali, prima ancora delle scelte di design.

Diversi ambienti definiranno ampie possibilità di personalizzazione, tutti allestimenti con richiami a quartieri di Parigi (Rivoli, Opera, Bastille). La plancia rivestita in pelle Nappa, l’Alcantara applicata al padiglione, l’effetto “martellato”, il guilloché che si ritrova su alcuni particolari come il cronografo BRM o i tasti fisici, alternati a lavorazioni effetto cristallo con superficie touch, definiscono l’abitacolo della berlina come i sedili (tutti) riscaldati, ventilati e con funzione massaggio, caratterizzati dalla lavorazione del rivestimento effetto cinturino d’orologio.

L’esaltazione del comfort passa dalla climatizzazione tri-zona, i vetri acustici laminati, una cura massima dell’insonorizzazione attraverso la scocca, fino alle sospensioni adattive. Si tratta di elementi di tipo predittivo, che ricorrono ai dati di sensori accelerometri e le immagini della camera frontale, per esaminare l’asfalto e regolare di conseguenza la rigidità su ogni singola ruota. DS Active Scan Suspension è il sistema a governare la gestione elettronica dell’assetto.

MOTORI DI DS 9 E-TENSE

DS 9 E-Tense ricarica ibrido

Il capitolo motorizzazioni registra un deciso orientamento sull’ibrido plug-in, con la sigla E-Tense che ritroveremo in 3 diverse soluzioni, differenziate per potenza, trazione, autonomia di marcia. Non manca la proposta di una DS 9 con motore turbo benzina PureTech da 225 cavalli e cambio automatico 8 marce, quest’ultimo previsto di serie su tutte le alternative di propulsore.

L’esordio sul mercato avverrà con DS 9 E-Tense da 225 cavalli, arriverà in seguito una DS Performance da 360 cavalli, ibrida plug-in quattro ruote motrici e una versione E-Tense 250 cv dall’autonomia di marcia in elettrico superiore rispetto ai 40-50 km garantiti da DS 225 cv ibrida plug-in, a tutto vantaggio dell’ulteriore contenimento delle emissioni di Co2.

Approfondisci: Elettriche e ibride, gli incentivi previsti dalle case

E-Tense 225 cv abbina su DS 9 il motore PureTech al motore elettrico da 110 cavalli e 320 Nm, alimentato da una batteria da 11,9 kWh e in grado di muovere la berlina in modalità elettrica a una velocità limitata a 135 km/h. In Hybrid Mode è, invece, l’elettronica a gestire l’apporto delle diverse unità di potenza, in E-Tense Sport, DS 9 offre l’animo più sportiveggiante, mediante la regolazione dei parametri di sterzo, cambio, assetto, risposta motore, su tarature le più prestazionali possibili.

La funzione Braking, invece, modifica l’intensità del recupero energetico in frenata, effetto della frenata rigenerativa superiore per una maggior quota di energia destinata al pacco batteria, con il corrispondente incremento dell’effetto frenante.

Versione

Potenza

Autonomia EV

Cambio

Trazione

Batteria

E-Tense

225 cv

40-50 km

A8

2WD

11,9 kWh

DS Performance

360 cv

A8

AWD

E-Tense

250 cv

> 50 km

A8

2WD

PureTech 1.6

225 cv

No

A8

2WD

No

Quanto ai tempi di ricarica necessari per il pacco batterie, con caricatore di bordo da 7,4 kWh il dato migliore è di un’ora e 30 minuti se collegato a una postazione di ricarica veloce.

ADAS DI LIVELLO 2 SU DS 9

Adas su DS 9 E-Tense

Dalla tecnologia applicata al gruppo motore-cambio, alla tecnologia di un comparto Adas che assicura a DS 9 E-Tense l’assistenza di Livello 2. Il DS Drive Assist riassume l’operato del cruise control adattivo con funzione stop&go al mantenimento attivo di corsia.

Soluzioni che permettono la guida rilassata fino a 180 km/h con la correzione automatica della traiettoria e l’adeguamento della velocità, a patto che il guidatore sorvegli quanto accade in strada e tenga le mani sul volante. Il DS Parking Pilot rileva gli spazi di parcheggio se l’andatura è entro i 30 km/h, oltre a effettuare le manovre di parcheggio.

Importantissimo ausilio alla sicurezza, il DS Night Vision opera attraverso la camera a infrarossi, con una copertura di 100 metri e l’individuazione di pedoni, ciclisti e animali nella guida notturna: elementi altrimenti nascosti alla vista del guidatore, al quale vengono segnalati sulla strumentazione digitale virtuale.

Vedere meglio è guidare in condizioni di maggior sicurezza, condizione garantita dal DS Active Led Vision: in funzione della tipologia di percorso e scenario di guida affrontato, i fari adottano uno dei 5 programmi di illuminazione personalizzata, così da ottenere la massima copertura su strada.

Approfondisci: Suv DS, le soluzioni di noleggio su DS 7

DS 9 è una berlina business che si potrà anche condividere in punta di app, grazie all’accesso DS Smart Access, mediante smartphone e senza la necessità di possedere il telecomando. Fino a 5 guidatori potranno essere abilitati all’accesso a bordo e guida da parte del proprietario.

DS AERO SPORT LOUNGE

DS Aero Sport Lounge concept

Da una grande berlina business destinata alla produzione in serie, a una show car elettrica. Un maxi-suv ad alte prestazioni, interessante per alcune indicazioni di stile che ritroveremo sulle future DS. In particolare, saranno le luci diurne DS Light Evil a trasferirsi dal piano del concept ai prossimi modelli.Una serie di “graffi” curvilinei che solcano le superfici della carrozzeria.

Si tratta di luci diurne a led che completano uno schema con fari Matrix led, su un frontale di DS Aero Sport Lounge nel quale la calandra opera da area display e, soprattutto, cela i sensori responsabili della scansione dell’area davanti al veicolo.

Lunga 5 metri, la show car è motorizzata con un sistema elettrico da 680 cavalli, alimentato dalla batteria da 110 kWh, per un’autonomia di marcia dichiarata in oltre 650 km. 

Interni di DS Aero Sport Lounge

A colpire, oltre un design spigoloso e futuristico, sono gli interni, incentrati tutti sull’altissima cura dei materiali, tra legno, pelle, rivestimenti in raso di cotone e lavorazioni come l’intarsio di paglia. Un ambiente ricco che sceglie una strada alternativa al proliferare di schermi: sono le superfici, in materiali pregiati, a trasformarsi in piani di rappresentazione delle informazioni, proiettate sulla fascia in plancia. Alle estremità, due schermi svolgono il ruolo di specchietti retrovisori digitali.

Gesture su DS Aero Sport Lounge

Altra, interessante, novità, la proposta inedita di comandi gestuali per l’interfaccia uomo-macchina caratterizzati da un feedback sonoro, da altoparlanti a ultrasuoni, grazie al quale si avrà la sensazione – corrispondente all’attivazione di un gesto – di spostare una massa solida: un feedback aptico pur operando nell’aria.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia