24 Febbraio 2020

Ecobonus 2020, adesso si possono rottamare anche le auto Euro 0

Ecobonus, arriva la rottamazione delle auto Euro 0 e si abbassa a 60 g/km la soglia di emissioni di CO2 per usufruire degli incentivi. Il decreto milleproroghe sana l’anomalia di un anno fa, che escludeva le auto Euro 0, quelle più vecchie, dagli incentivi legati alla rottamazione previsti dall’ecobonus.

Le auto Euro 0, finalmente, rientrano negli incentivi per la rottamazione previsti dall’ecobonus 2020. A distanza di un anno, il decreto milleproroghe pone rimedio all’anomalia contenuta nella legge di bilancio per il 2019, che aveva introdotto l’ecobonus.

Emissioni auto limiti ecobonus

Se prima, in caso di rottamazione, l’incentivo all’acquisto di auto a basse emissioni veniva erogato solo per la demolizione di auto Euro 1, 2, 3 e 4, adesso la nuova norma estende il bonus anche alla rottamazione di vetture Euro 0 (macchine prive di qualsiasi sistema di abbattimento di polveri e di sostanze inquinanti, immatricolate fino al 31 dicembre 1992).

Altra novità dell’ecobonus 2020, l’abbassamento della soglia di emissioni fino alla quale è possibile ottenere l’incentivo, che scende da 70 g/km a 60 g/km.

Approfondisci: tutti gli incentivi regionali per l’acquisto di auto elettriche e ibride

COME FUNZIONA L’ECOBONUS 2020

L’ecobonus prevede un contributo di 4.000 euro per l’acquisto di un veicolo con emissioni da 0 a 20 g/km (pure con la formula del leasing finanziario). Si scende a 1.500 euro nel caso in cui i livelli di CO2 siano un po’ più alti, da 21 g/km a 60 g/km.

Emissioni auto CO2 blocchi traffico

Il contributo aumenta in caso di rottamazione (6mila euro, per modelli da 0 a 20 g/km, e 2.500 euro, per quelli da 21 g/km a 60 g/km). Si possono rottamare le auto Euro 0, 1, 2, 3 e 4.

Il dato sulle emissioni (calcolato, fino al 31 dicembre 2020, secondo il ciclo Nedc) è riportato al punto V.7 della carta di circolazione. Dal 1° gennaio 2021, il dato riportato sarà riferito al ciclo Wltp, con numeri più vicini all’utilizzo reale.

ecobonus 2020

Corretta la grossolana svista dell’anno scorso, avvenuta durante la scrittura del provvedimento, che escludeva le auto Euro 0 dalla possibilità di rottamazione per usufruire dell’ecobonus.

Quest’incentivo permette di ridurre del 5-23 % il costo d’acquisto di un veicolo BEV (Battery Electric Vehicle) e del 4-16% il costo d’acquisto di un veicolo PHEV (ibrido plug-in), sulla base del diverso segmento di veicolo e della presenza o meno della contestuale rottamazione.

Leggi anche: guida alle classi ambientali delle auto circolanti in Italia

ECOBONUS ANCHE PER MOTOCICLI, TRICICLI E QUADRICICLI

L’ecobonus abbraccia anche le due ruote e gli altri veicoli della categoria “L”, come tricicli e quadricicli a batterie. Resta il vincolo della rottamazione (veicoli con omologazione Euro 0, 1 e 2, ma pure i più recenti Euro 3, purché in possesso da almeno 12 mesi).

Il contributo all’acquisto si traduce in uno sconto del 30% del prezzo di listino (Iva esclusa), con un limite massimo fissato a 3.000 euro. Disponibili circa 8 milioni di euro fino al 31 dicembre 2020.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia