26 Novembre 2020

Il White Paper di LeasePlan spinge per un veloce passaggio agli e-LCV

Le zone a traffico ridotto sempre più grandi nelle metropoli europee, e la sempre più grande gamma di veicoli elettrici dei costruttori, sono segno, per LeasePlan, che gli e-LCV sono destinati a diventare presto la nuova normalità di consegna giornaliera, per sopperire alla diffusione degli acquisti online senza ridurre la qualità dell'aria.

Per LeasePlan, le “consegne a emissioni zero” sono destinate a diventare la norma, grazie alla sempre più importante presenza di veicoli commerciali elettrici nelle gamme dei produttori.

Il White Paper di LeasePlan propone di passare agli e-LCV

Il momento è propizio e necessario, soprattutto considerando che – complice anche la pandemia di COVID-19 – le persone si stanno affidando quasi completamente ai servizi di consegna entro 24 ore. Ecco perché, per fronteggiare il traffico in aumento nei centri urbani, è importante che le flotte dei corrieri siano sempre di più costituite da veicoli a emissioni 0.

Leggi Anche: LeasePlan, con la telematica nuovi servizi e soluzioni

IL WHITE PAPER DI LEASEPLAN: COME CAMBIERÀ LA MOBILITÀ COMMERCIALE URBANA

Questi sono i dati che emergono dall’ultimo White Paper stilato da LeasePlan con il nome di “Perché è il momento di passare a una flotta di e-LCV”.

Secondo il documento, infatti, i veicoli commerciali elettrici rappresentano un modo eccellente per soddisfare la crescente domanda di shopping online e i servizi di spedizione, perché permettono consegne veloci, entrando anche nelle ZTL, senza per questo andare ad intaccare la qualità dell’aria delle città.

Il White Paper, inoltre, dimostra che sul mercato si sta facendo sempre più importante la gamma di veicoli elettrici di nuova generazione, tutti con autonomie sufficienti a gestire le consegne giornaliere nelle città e per questo in grado di trasformare definitivamente la mobilità commerciale.

Da bianco a verde” è, quindi, riassumibile il documento di LeasePlan (in riferimento al tipico colore dei furgoni), che conferma che il settore è pronto per rendere le consegne a emissioni 0 la nuova normalità.

Approfondisci: Veicoli commerciali elettrici, sfatiamo i cliché

I DATI EMERSI DAL DOCUMENTO

Molti e importanti sono i dati emersi dal White Paper di LeasePlan sull’analisi dei veicoli commerciali. Uno dei punti più importanti riguarda proprio il cambiamento di tutte le principali città europee. 

Le metropoli del Vecchio Continente, infatti, stanno aumentando le zone a basse emissioni (chiamate LEZs), da noi individuabili nelle ZTL, nelle Aree B e C di Milano o nella Fascia Verde di Roma.

Leggi Anche: a gennaio ripartono i blocchi al Diesel Euro4 in quattro regioni

Naturalmente, l’aumento di queste zone e delle aree che coprono ha rafforzato la domanda di veicoli commerciali elettrici nelle consegne, unitamente alla volontà di ridurre l’impronta di carbonio da parte degli operatori delle flotte aziendali, e anche nel settore pubblico.

Allo stesso modo, molti produttori stanno iniziando o da diversi anni hanno introdotto una nuova gamma di veicoli elettrici medi e grandi, come il Nissan e-NV200 o il Mercedes eVito. Lo sviluppo è conseguente ad alcune ricerche, dalle quali emerge che le aziende di consegna danno  maggiore importanza al volume di carico totale possibile, rispetto al carico utile massimo.

rafforzamento team manageriale leaseplan italia

Si diceva prima, poi, che i nuovi veicoli elettrici hanno un’autonomia di almeno 160 km, con anche esempi di veicoli commerciali elettrici caratterizzati da 270 km di autonomia. Tutte capacità più che sufficienti, si diceva, per effettuare le consegne giornaliere in efficienza e senza problemi.

Approfondisci: Alberto Viano di Leaseplan è CEO dell’anno nel NLT

Infine, anche il TCO dei veicoli elettrici è sempre più competitivo. Infatti, i costruttori si sono concentrati nello sviluppare una nuova gamma di veicoli elettrici secondo il motto Electric first, invece di convertire all’elettrico vecchi modelli a motore termico. 

A questo si unisce anche la diminuzione del costo delle batterie, e la disponibilità di agevolazioni fiscali e incentivi istituzionali, che rendono i veicoli elettrici molto più competitivi per la fornitura di energia.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia