Guidare l’e-mobility. Il ruolo di Enel X nell’elettrificazione

La business line innovativa di Enel aumenta i punti di ricarica, punta all’interoperabilità a livello globale e introduce un meccanismo per liberare gli spazi di ricarica oltre il necessario.

Enel X svolge un ruolo chiave verso l’elettrificazione del trasporto pubblico e privato in Italia, in Europa, nel mondo essendo. Enel X, infatti, da un lato realizza e rende disponibili sul mercato soluzioni hardware e software per la ricarica pubblica e domestica, dall’altro eroga servizi di ricarica attraverso la propria App JuicePass rendendo accessibili ad oggi più di 12.000 punti di ricarica agli utenti dell’App in Italia e in Europa.

IL PIANO ITALIA DI ENEL X

Sono oltre 9mila i punti di ricarica ad accesso pubblico che Enel X ha installato su tutto il territorio italiano (dati di marzo 2020), parte del piano nazionale dell’azienda che porterà all’installazione di 28mila punti entro il 2022.

Le soluzioni spaziano da prese di Tipo 2 o 3A con corrente alternata fino ai moderni connettori in continua di tipo Chademo e CCS, che offrono potenze di ricarica fino a 350kW.

Enel X come Mobility Service Provider

Attraverso JuicePass, Enel X garantisce agli utilizzatori di veicoli elettrici di poter ricaricare su un network europeo che conta ad oggi più di 12.000 punti di ricarica derivanti dai piani infrastrutturali pubblici finanziati e realizzati da Enel X, e quelli interoperabili, ovvero gestiti da  operatori terzi.

L’INVESTIMENTO IN HUBJECT

Per contribuire allo sviluppo di una mobilità elettrica senza confini, Enel X, nel 2019, è entrata con una quota del 12,5in Hubject, la joint venture che riunisce in una rete globale oltre 200mila punti di ricarica per i veicoli elettrici.

La piattaforma che abilita l’interoperabilità, ovvero la possibilità di ricaricare presso colonnine di altri gestori della rete senza stipulare un nuovo contratto, consente ai conducenti di fare il pieno di energia alle proprie auto indipendentemente dalla Nazione in cui si trovano: sarà sufficiente aver sottoscritto un contratto con uno dei player che fa parte della rete di Hubject.

LIBERARE GLI STALLI DEGLI EV

Enel X ha introdotto un meccanismo per risolvere l’annoso problema della presenza di veicoli elettrici negli spazi di ricarica oltre le proprie necessità di ricarica. La disponibilità delle stazioni di ricarica è, infatti, un presupposto essenziale per lo sviluppo della mobilità elettrica.

Approfondisci: quanti sono i punti di ricarica elettrica in Italia?

Il meccanismo prevede che, una volta terminata l’operazione di ricarica, l’utente riceva una notifica sullo smartphone che segnala l’avvicinarsi del tempo limite di occupazione della presa;  trascorsi 30 minuti dalla fine della ricarica, se la presa non è stata ancora liberata e il veicolo rimosso dallo stallo, verrà addebitato un importo al minuto che varia in base alla presa utilizzata. Come per il mese di marzo, anche ad aprile Enel X non ha applicato la tariffa di occupazione presa.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia