Ecco come Enel X elettrifica il Paese

Enel X ha presentato e avviato un ambizioso Piano per aumentare il numero delle stazioni di ricarica pubbliche su tutto il territorio nazionale e offre una vasta scelta di prodotti per i veicoli elettrici.

Enel X svolge un ruolo fondamentale nell’elettrificazione dell’Italia. La società del Gruppo Enel, infatti, prima di tutto realizza e rende disponibili sul mercato soluzioni hardware e software per la ricarica pubblica, oltre che domestica. 

Infrastrutture di ricarica Enel X

Dall’altro lato Enel X eroga servizi di ricarica attraverso la propria app JuicePass rendendo accessibili decine di migliaia di punti di ricarica ai clienti dell’app in Italia e in Europa.

IL PIANO ITALIA DI ENEL X

Il Piano Italia di Enel X, svelato qualche anno fa, procede: sono infatti circa 9.500 i punti di ricarica ad accesso pubblico che la società ha installato  in tutto il Paese (dati di maggio 2020), in linea con l’obiettivo di arrivare alla copertura capillare della penisola (28mila punti in totale) entro il 2022.

Le soluzioni spaziano dalle prese di Tipo 2 o 3A in corrente alternata, fino ai moderni connettori in continua di tipo CCS e Chademo, che offrono potenze di ricarica fino a 350kW. Grazie agli accordi di interoperabilità con altri Charging Point Operator, Enel X offre ai clienti della sua app JuicePass oltre 30mila punti di ricarica in tutta Europa in virtù degli accordi, tra gli altri, con Ionity, Smatrics, Allego, Bosch e Innogy.

A livello globale sono 80mila i punti di ricarica già installati. Per la realizzazione del Piano, oltre alla pubblica amministrazione, con oltre 900 Comuni che hanno aderito alla proposta di Enel X, sono stati coinvolti anche i più importanti marchi del settore automotive e del comparto della grande distribuzione organizzata.

Ricarica auto Enel X

INFRASTRUTTURE DI RICARICA

Le soluzioni per la ricarica dei veicoli elettrici di Enel X offrono una variegata scelta di prodotti, che fanno parte della “famiglia Juice” soluzioni modulari e scalabili in base alle singole esigenze dei clienti.

Sulle strade extraurbane, vengono installate le JuicePump, stazioni fast che arrivano fino a 50 kW e permettono di ricaricare il proprio veicolo in circa 30 minuti. Nei contesti urbani pubblici ci sono invece le JuicePole, infrastrutture fino a 22 kW che consentono di ricaricare in poche ore; in ambito domestico, dove i tempi di ricarica sono più lunghi, troviamo invece le JuiceBox. Tutte le stazioni di Enel X sono facilmente individuabili e prenotabili attraverso la già citata app JuicePass.

Piano Italia Enel X

La JuicePole, in particolare, consente di ricaricare due auto elettriche contemporaneamente ed è dotata di un’interfaccia intuitiva che assiste il cliente durante le operazioni di rifornimento, fornendo informazioni sullo stato della ricarica. Inoltre, l’infrastruttura, progettata per essere utilizzata anche tramite soluzioni pay for use, rispetta ben 4 dei 5 business model della Circular Economy:

  • Sustainable inputs: L’energia utilizzata per la realizzazione della JuicePole proviene per circa il 90% da fonti rinnovabili.
  • Product as a service: Enel X mette le sue infrastrutture a disposizione di altri operatori, che possono utilizzare i servizi attraverso le card e le app.
  • Sharing platform: Essendo pubblica, la JuicePole può essere condivisa con tutti i fruitori del servizio di ricarica.
  • Life extension: Per il rinnovare tecnologicamente i suoi punti di ricarica, Enel X recupera e riutilizza tutte le parti ancora funzionanti per utilizzarle nelle attività di manutenzione.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia